Addio Arrigo Boldrini, mitico comandante partigiano `Bulow`

22 Gennaio 2008 Mondo News

E` morto Arrigo Boldrini, lo storico comandante partigiano `Bulow` e presidente onorario dell`Anpi. Aveva 92 anni e dall`8 gennaio era ricoverato in gravi condizioni all`ospedale di Ravenna.

Per molti anni presidente nazionale dell`Anpi, era nato nella città  romagnola il 6 settembre 1915. Da tempo viveva in un cnetro gestito da un amico sacerdote.

Il 4 dicembre 1944 i partigiani di Boldrini, comandante della 28/a Brigata Garibaldi `Mario Gordini`, e i reparti alleati dell`VIII Armata britannica liberarono Ravenna con un`offensiva combinata. Esattamente due mesi dopo `Bulow` fu decorato con la medaglia d`oro al valor militare, con una grande manifestazione pubblica nella piazza di Ravenna, dal generale Richard McCreery, comandante dell`Ottava Armata.

Si portava appresso quel nome di battaglia per le sue capacità  militari. Durante una riunione clandestina disse che non si poteva abbandonare la pianura al nemico tedesco, che era necessaria la `pianurizzazione` della guerra partigiana, fino a liberare Ravenna. I suoi compagni lo ascoltarono poi uno di loro (poco dopo fucilato dai nazisti) sentenziò: `Mo` chi sit, Bulow?, cioè `Ma chi sei, Bulow?`, alludendo al generale tedesco che sconfisse Napoleone.

Dopo la guerra Boldrini fu componente dell`Assemblea Costituente, parlamentare dal `53 al `94, presidente Anpi, oltre che dirigente nazionale del Pci: "La tua azione - ricordò da presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in un messaggio di auguri per il novantesimo compleanno - è sempre stata ispirata a principi di libertà  e di democrazia, valori che nel ruolo di presidente dell`Anpi hai promosso presso le nuove generazioni, mantenendo desta la memoria storica di quell` eroico e drammatico periodo fondante della nostra repubblica".

E proprio alla battaglia per non far affievolire i valori della Resistenza Boldrini ha dedicato tutta la sua vita.E` stato lo storico presidente e animatore dell`Anpi (l`associazione partigiani d`Italia). Ed è rimasto famoso l`appello lanciato nell`agosto 2004, nell`ultimo discorso da presidente, quando la maggioranza al governo annunciò di voler tagliare i fondi proprio per la celebrazione dei sessant`anni della Resistenza. Chiese contributi ai Comuni e ai cittadini "perchè - aveva detto - bisogna ricordare degnamente il cemento dell`identità  e dell`unità  nazionale". Durante una manifestazione per il cinquantesimo della Resistenza, lo stesso Boldrini sintetizzò così il suo messaggio: "Noi abbiamo combattuto per quelli che c`erano, per quelli che non c`erano e anche per chi era contro...". Questa - ricordano in tanti - è stata sempre la sua profonda, autentica e leale convinzione.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione