"Tre euro l`ora e di nascosto", ecco il lavoro dei bimbi italiani

22 Febbraio 2008 Culture Mondo News

PALERMO - Angelo non ha ancora diciassette anni ma lavora da quando ne aveva poco più di dodici. È un minorenne che lavora, come tanti anche in Italia. Lavoro precoce, lo chiamano. Angelo non è il suo vero nome, la sua storia però è vera. È lui che la racconta. Lo fa con frasi mozze, senza dettagli, senza passione, con tanta ritrosia. A tratti con distacco. Ma accetta di farlo. Sta in assemblea, seduto in prima fila, jeans, giubbotto e zuccotto bianco, che non toglie mai. Siamo a Brancaccio, storico quartiere proletario ad alta intensità  mafiosa di Palermo, a qualche centinaio di metri dalla parrocchia di don Pino Puglisi, trucidato da Cosa nostra. Siamo nell`aula magna della scuola media statale "Sandro Pertini". Scuola serale. Si parla di lavoro, questa volta, di quello che si fa e di quello che non c`è e che da queste parti non c`è mai stato. Perché a Palermo il tasso di disoccupazione rasenta il 19 per cento. Parlano gli insegnanti e il preside Rosario Ognibene; parla dei nuovi progetti della Fiat a Termini Imerese e dei corsi di formazione il sindacalista della Cisl Giuseppe Lupo, ma parlano soprattutto i giovani minori, adolescenti costretti a lavorare già  da bambini. Sempre in nero, sempre pagati poco. Sempre precari. Ma non sono eccezioni. Perché così lavorano i minori in Italia: di nascosto, nell`ombra. Sono - per definizione - lavoratori poveri, perché la povertà  è il primo fattore che strappa i minori dalla scuola. E il tasso di povertà  tra i più giovani è al sud quattro volte superiore a quello del nord. Per questo l`Italia è tra i paesi sviluppati quello nel quale il lavoro minorile rischia di allargarsi ancora. I dati sono allarmanti. L`Istat si occupa ancora poco dei lavori minori, quelli under 15 per le statistiche. L`ultima indagine (Bambini, lavori e lavoretti) risale al 2002 e la precedente addirittura al 1967. Dunque all`inizio del nuovo millennio (non c`è motivo di pensare che le cose siano migliorate, anzi) i ragazzi con meno di quindici anni che svolgevano un qualsiasi tipo di attività  lavorativa erano 144.285, cioè il 3,1 per cento dei circa 4,5 milioni di bambini di quell`età . La percentuale sale man mano che cresce l`età : lo 0,5 per cento tra i sette e dieci anni, il 3,7 per cento tra gli undici e i tredici, ben l`11,6 per cento dei bimbi di quattordici anni. Ma quello del lavoro precoce è un fenomeno che, proprio perché illegale, facilmente sfugge ai tabulati della statistica. L`Ires, il centro studi della Cgil, ha allargato il campo della ricerche e da tempo stima che i piccoli al lavoro siano molti di più, intorno ai 500 mila che arrivano a oltre 600 mila se si considerano, da una parte anche i quindicenni, dopo l`innalzamento a sedici anni dell`obbligo scolastico, e dall`altra, oltre agli immigrati, coloro che non sono ancora maggiorenni e hanno già  lavorato prima di aver compiuto i quindici anni. Un approccio che potremmo definire realistico. Ma c`è Angelo che parla. Per lavorare si sveglia alle tre di notte. Il suo è un lavoro pericoloso. Angelo "dipende" da un`azienda di Carini, alle porte di Palermo, che smaltisce rifiuti speciali. Raccolgono le batterie esaurite, l`olio vecchio delle macchine, ferro e metalli. Con il furgoncino, guidato dal fratello (che ha 28 anni), arrivano fino a Gela. "Sono cinque anni che lo faccio", dice. Quasi dieci ore di lavoro al giorno. La sua paga è di 300 euro alla settimana. "Ma io - spiega - aspetto i diciotto anni, prendo la patente e mi metto in proprio. Così guadagno di più. Cosa faccio nel weekend? Sono stanco e mi riposo". Sempre in prima fila c`è un giovane poco più grande di Angelo. È appena maggiorenne. Ma, anche lui, è già  al lavoro da cinque anni. Lui fa l``ndoratore, cioè l`imbianchino. Con orgoglio e le profonde occhiaie che gli cerchiano gli occhi, spiega che se la cava bene con i colori mentre come muratore è "mezzo braccio", più o meno un apprendista. Ha imparato a mescolare le vernici "guardando", "ma è difficile", aggiunge. Si guarda e si impara anche a macellare le carni al mattatoio, a servire nei bar e nei ristoranti di zona o a fare il panettiere che a Palermo, per antica tradizione, significa non fermarsi quasi mai. Mestieri faticosi, come quello di montare e smontare le fiere paesane e i mercatini itineranti. Attività , non senza pericoli fisici, che risente da sempre della stagionalità  (poco lavoro in inverno, di più in estate) e della crisi economica che qui è arrivata prima del crollo che ha travolto le Borse mondiali. Qui quando cala la domanda si interviene subito. E si decide: la paga si è ridotta da 3,50 euro all`ora a 3. Punto. "Ci alziamo alle quattro del mattino - racconta il montatore di fiere a nome di un gruppetto di "colleghi" - . Si lavora al freddo, si va fino a Marsala, Mazara del Vallo e quando ce lo chiedono arrotondiamo con qualche lavoro da muratore". Lui ha provato anche la vecchia strada dell`immigrazione al nord. A quindici anni (ora ne ha diciassette) aveva già  lavorato in Toscana, in Friuli, a Milano aiutato dallo zio. "A Milano ho fatto per un anno il muratore. Lavori "lasci e prendi". Sono "sceso" per prendere la terza media. Per mettermi in regola". Cioè per avere qualche chance, magari un posto pubblico nell`epoca della globalizzazione. Sono "vite di scarto", pensando a Bauman, nell`Italia del 2008.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione