IRAN/ ESTRADIZIONE GAY, SERGIO D`ELIA: GOVERNO ITALIANO SI MUOVA SUBITO

2 marzo 2008 Mondo News

Un appello al Governo italiano perché si muova “immediatamente” nei confronti di quello britannico per bloccare il rimpatrio in Iran del ragazzo omosessuale che rischia di essere giustiziato per sodomia. Lo rivolge Sergio D`Elia, deputato radicale e segretario di Nessuno Tocchi Caino, dal sit in di protesta organizzato davanti alla sede diplomatica di Londra. “Chiediamo al Governo del Paese che ha ottenuto quella straordinaria vittoria sulla pena di morte all`Onu di fare quello che deve e che può – dice D`Elia di fronte all`ingresso dell`ambasciata britannica – per impedire la deportazione di Seyed Mehdi Kazemi in Iran dove verrebbe condannato a morte”. “D`Alema e Prodi devono intervenire immediatamente sul governo inglese – prosegue D`Elia – per impedire che sia negato a un iraniano ciò di cui i cittadini europei godono: i diritti umani non sono un lusso al quale hanno accesso solo i bianchi e i cristiani, spettano anche a un musulmano che vive in Europa come Mehdi”.