BARCELLONA (ME): OPERAZIONE CONTRO LA CRIMINALITA` ORGANIZZATA, ARRESTATO UN LATITANTE RUSSO

5 marzo 2008 Mondo News

Il Comando Provinciale di Messina, nel quadro di specifici servizi che interesseranno tra l`altro tutta la provincia, ha attuato nella serata di ieri 4 marzo 2008 una vasta attività  di controllo dei territori dei Comuni del comprensorio barcellonese. Per l`esigenza sono stati impiegati oltre 70 militari del Comando con i relativi mezzi e l`ausilio dei reparti speciali dell`Arma. Il particolare servizio di controllo del territorio è stato disposto dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Messina, Col. Maurizio Stefanizzi che, unitamente al Comandante di Gruppo, Ten. Col. Pietro Oresta, ha presenziato alle operazioni. L`azione dei Carabinieri in un territorio ad alto indice di criminalità  ha lo scopo di prevenire fenomeni di criminalità  organizzata e diffusa (rapine, spaccio di sostanze stupefacenti, furti, atti incendiari ed altro) anche attraverso il controllo di tutti i soggetti sottoposti al regime di arresti domiciliari o ad altre misure di prevenzione personale ` a riguardo nel corso dell`operazione di polizia venivano sottoposti a controllo ben 58 soggetti sottoposti a tali misure. Lo specifico servizio ha interessato i territori dei Comuni di Barcellona Pozzo di Gotto, Terme Vigliatore, Mazzarrà  Sant`Andrea, Merì e Pace del Mela. Il controllo della circolazione stradale si è invece incentrato nei punti nevralgici dei centri abitati ` piazze ed intersezioni delle principali vie di comunicazione ` dove i Carabinieri hanno effettuato oltre un centinaio di perquisizioni personali e veicolari. Positivo il bilancio complessivo dell`operazione; nel corso della quale sono stati denunciati in stato di libertà  quindici soggetti responsabili di violazioni delle leggi speciali (autorizzazioni di P.S.) e delle norme che regolano la circolazione stradale. Ben due gli arresti effettuati dai Carabinieri che intorno alle ore 21:00 hanno dapprima tratto in arresto un cittadino barcellonese, già  noto alle Forze dell`Ordine per i suoi trascorsi giudiziari: CALABRÃ’ Mariano, nato a Barcellona Pozzo di Gotto l`11 gennaio 1986, il quale avendo commesso numerose violazioni della libertà  vigilata, regime questo alternativo a quello detentivo, è stato tratto in arresto come disposto dall`ordinanza della Corte d`Appello di Messina, a seguito delle segnalazioni dei Carabinieri. È stato invece catturato dai militari del Reparto Operativo che hanno operato nel medesimo territorio e specificatamente con finalità  di repressione dei reati di criminalità  organizzata, un latitante internazionale di nazionalità  russa. Aleksandr BUTOZOV, nato a Mosca il 15.05.1950, ricercato dalle Autorità  di Polizia internazionali dal giugno del 2007, si era reso responsabile tra gli anni 2002-2003 di una serie di truffe, il cui ammontare supera i centodiecimila dollari, in danno di una importante Fondazione Russa responsabile della raccolta di fondi per le vittime del terrorismo internazionale. Il cittadino russo che aveva acquistato una masseria nelle campagne barcellonesi, dove viveva da diversi mesi, è stato localizzato a seguito della costante attività  condotta dal Reparto Operativo di Messina al fine di monitorare l`eventuale presenza di latitanti, soprattutto nelle zone meno visibili. L`anomala presenza di un soggetto non del luogo all`interno della masseria, ha immediatamente destato l`attenzione dei Carabinieri facendo scattare questa notte il `blitz`.