Lumia, un morto che cammina di Beppe Grillo

Topo Gigio Veltroni ha messo in lista personaggi con frequentazioni molto disinvolte. Ma quale partito non ne ha? E` un problema di rappresentanza all`interno delle istituzioni. I cittadini non possono scegliere il candidato e il buon segretario di partito, al loro posto, trova il giusto spazio per ogni categoria sociale. Topo Gigio ha però escluso dalle sue liste Beppe Lumia, vice presidente della Commissione Parlamentare Antimafia. Lumia è stato a suo tempo condannato a morte dalla criminalità  organizzata per le sue attività . Toglierlo dal Parlamento vuol dire trasformarlo in un morto che cammina. Il nuovo PD di Fassino, D`Alema, Sircana e Bassolino non ha posto per un servitore dello Stato. Si faccia avanti qualcun altro e lo candidi al più presto.

Pubblico una lettera della Casa della Legalità 

La Casa della Legalità  con l`Ufficio di Presidenza si è recata oggi (il 4/3/2008) in Piazza Matteotti a Genova per denunciare e contestare le candidature del PD. Nelle liste dei candidati, infatti, si ritrovano personaggi le cui collusioni con Cosa Nostra sono state accertate inequivocabilmente ` come nel caso, ad esempio di Vladimiro Crisafulli – o persone indagate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria per le contiguità  con la ‘ndrangheta – come Maria Grazia Laganà . In quelle stesse liste è stato invece escluso Beppe Lumia, vice presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, condannato a morte da Cosa Nostra, da sempre impegnato nel contrasto alle mafie, nel sostegno ai reparti investigativi, alle vittime ed a chi denuncia. Non crediamo infatti accettabile che i collusi, conniventi e indagati siano candidati, mentre chi combatte la mafia trovi esclusione ed isolamento! Crediamo giusto che i cittadini sappiano quello che sta succedendo, che siano informati di chi sono i candidati e gli esclusi! Abbiamo distribuito a quasi tutti i presenti in piazza il volantino `Vergognatevi` in cui si denunciava questa inquietante scelta di campo contro l`Antimafia. Molti erano sconcertati, altri (pochi) ci hanno tacciato di essere `berlusconiani` (sic!). Peccato che a candidare i mafiosi e amici dei mafiosi siano tanto il PdL con Berlusconi quanto il Pd con Veltroni!

Durante il comizio di Veltroni non giungeva risposta e quando il leader del PD ha sottolineato che `loro hanno il coraggio di fare delle scelte e che le scelte che loro fanno sono dettate dalle esigenze del Paese`, allora, abbiamo urlato: `Perché candidate Crisafulli amico dei boss mafiosi e non candidate Beppe Lumia?`. Lo abbiamo urlato più volte mentre alcuni del servizio d`ordine che volevano allontanarci (a forza) dalla piazza perché `maleducati`, sono stati fermati da Roberto Adorno, dirigente locale del Pd, che ci proponeva di fare un incontro con Veltroni al termine della manifestazione per avere un chiarimento ed a cui abbiamo risposto: non vogliamo un incontro riservato, la risposta non la deve a noi, ma ai cittadini; è a loro che deve spiegare perchè candida Crisafulli e non candida Lumia. Abbiamo aspettato inutilmente la fine del comizio per sentire cosa diceva dal palco, ma una risposta non è giunta, il comizio si è concluso con l`invito a `divertirsi tutti insieme`. Siamo andati allora in Piazza De Ferrari, dove erano parcheggiati i pullman del tour. Lì, quando Veltroni è uscito da Palazzo Ducale abbiamo urlato nuovamente la domanda: `Perché candidate Crisafulli amico dei boss mafiosi e non candidate Beppe Lumia condannato a morte da Cosa Nostra?`, lo abbiamo fatto più volte mentre il servizio d`ordine si stringeva attorno a Veltroni spingendolo velocemente verso l`entrata del pullman (quasi fossimo dei `terroristi`) e mentre Giuseppe Morabito (di Africo ma a Genova da quando aveva 15 anni), già  dirigente ed `eletto` diessino, provava a tappare la bocca, per ben due volte, al Presidente della Casa della Legalità , per farlo tacere e per passare quindi a spinte e strattoni, per cercare di farlo cadere. Fortunatamente sono intervenuti gli agenti della Digos e lo hanno fermato. A quel punto abbiamo mostrato a chi era intorno il libro `I Complici ` tutti gli uomini di Provenzano da Corleone al Parlamento` di Lirio Abbate e Peter Gomez, dove vi è la ricostruzione completa di chi è Vladimiro Crisafulli, il candidato del Pd… mentre Beppe Lumia, come anche ` di nuovo ` Nando Dalla Chiesa, uomini simbolo della lotta alla mafia, sono stati messi fuori dalla porta! La risposta alla domanda `Perché candidate Crisafulli amico dei boss mafiosi e non candidate Beppe Lumia condannato a morte da Cosa Nostra?` non è giunta, Veltroni è ripartito… davvero complimenti!”.

L`Ufficio di Presidenza: C.Abbondanza – S.Castiglion – E.D`Agostino