LETTERA ALLA MAGGIORANZA E ALL`OPPOSIZIONE di Renato Vallanzasca

Le elezioni sono ormai prossime e potendo disporre di questo mezzo di comunicazione straordinario, non so resistere alla tentazione di fare un appello a tutti, tanto ai Signori che formeranno il Governo che a quelli che andranno all`opposizione. Sono Renato Vallanzasca, ergastolano con quasi 40anni di `militanza`¦ e questo mi autorizza ad autodefinirmi `esperto in carcere`! Non ho una cultura che possa definirsi enciclopedica, ma non mi manca un cervello pensante che mi permette di valutare meglio di tutti voi che siete seduti sugli scalini più alti, le problematiche della galera. Non so chi la spunterঠe alla fin fine non è neppure che l`esito di questa contesa mi tolga il sonno¦ e sono convinto che il mio pensiero non si discosta molto da quello della stragrande maggioranza della popolazione detenuta¦ e con loro, quella di tante Famiglie che ruotano attorno a questo mondo dietro le sbarre. Perché non ritengo fondamentale chi finirà per vincere le elezioni? Non so, forse perché temo che non ci siano grandissime differenze. Forse la mia è un`affermazione un po` superficiale, anche perché è da tempo che non perdo tempo e sonno per stare ad ascoltare le Vs. esternazioni. Certo che sia Vallanzasca a dire una cosa del genere non dovrebbe preoccuparvi affatto, anche se non credo siano poi così pochi i connazionali che, pur per ragioni differenti dalle mie la pensino allo stesso modo. Anni addietro avrei finito per `tifare` per Bertinotti & Co, non tanto per ideologia, ma solo perché, più di tutti gli altri tenevano un poco in considerazione anche i problemi dei carcerati e delle loro Famiglie: nulla di eccezionale, ma almeno dimostravano di non aver dimenticato una parte tutt`altro che infinitesimale di questa gente che, anche se si erano messi contro la legge, restavano sempre italiani!… poi, tra `un`emergenza e l`altra`… pure la Sinistra `ha sterzato un po` a Destra`… quindi, non rivolgerò il mio appello specificamente ne al Centro-Destra, ne al Centro-Sinistra, ne, definiamoli così, agli `Alternativi`… ma più semplicemente a tutti coloro che… `ce l`avranno fatta`… e pure a quelli che… `avranno perso di misura e… saranno però i vincitori morali`…Signori, Vi chiedo: che intenzioni avete?… I problemi del Ns. Paese purtroppo sono tanti, lo sappiamo: dall`inflazione galoppante che ha reso la `ripresa economica` una chimera e che consente non solo ai pensionati `con la minima`, di arrivare si e no a metà mese… il lavoro che non c`è salvo per quei lavoratori che si debbano accontentare di retribuzioni che li riducano come gli anziani al minimo di pensione di cui sopra… (tagliarvi un po` gli stipendi Voi, non se ne parla, vero?… Certo, il `beau geste` non risolverebbe granché, ma penso che il cittadino lo apprezzerebbe assai!…)… Ad ogni modo, questi sono problemi che dovrete risolvere Voi… si spera!… e saranno solo i primi di una lunga lista!… e tanto per `non` cambiare, vedo sventolare da parte di entrambe le barricate la bandiera della `lotta alla criminalità /legalità `!… Non che la questione sia secondaria, anzi!… ma, da prima dagli anni 70 che si vive in uno stato di perenne`emergenza`: dapprima i movimenti studenteschi che… `erano un allarme sociale` solo per qualche nostalgico fascistone… poi, le `brigate rosse`… e la mafia… poi le `brigate nere`… e `le mafie`… poi `tangentopoli`… e `altre mafie`… poi ancora le `B.R.`… e `altre mafie ancora`… poi gli slavi… gli albanesi… i romeni… passando persino per `vallettopoli`… e arrivare a Napoli che annega nella `rumenta`! Signori, saremo anche un gran bel popolo di delinquenti, ma a me il dubbio che su tutte ste `emergenze` ci sia stato chi ci abbia fatto i soldi e, altri, delle gran belle carriere mi è venuta eccome!… ma forse dipenderà dal fatto che sono un… `malpensante`…Ma veniamo all`argomento di cui mi sono definito `esperto`: il carcere. Cominciamo col dire che, da qualunque parte la si voglia guardare, il carcerato è un `peso` per la società civile, su questo penso proprio non ci possano essere discussioni!… (anche se, torniamo al discorso precedente: non sono pochi coloro che sopra i detenuti `ci mangiano` da anni!)… ma questa è un problema che Voi politici dovete aver voglia di risolvere!!… Non so se le cose siano così perché `fanno comodo`, oppure perché nessuno abbia mai preso in considerazione la possibilità che, questo `peso`, potesse diventare un qualcosa di autenticamente positivo per la società medesima!!!…Voi tutti, `vincitori e vinti` avete delle responsabilità !… Si anche nei confronti dei cittadini incarcerati!!… ma soprattutto con le persone oneste, quelle che pagano le tasse e che, probabilmente, Vi hanno anche votato!!!…Cosa potete fare per Loro e, senza dubbio, anche per Noi?… Penso che se ci rifletterete e se avrete un po` di coraggio, potrete far molto per tutti!… Per i Vs. elettori, che potranno rendersi conto che il `peso di ogni detenuto potrà essere un tantino meno gravoso`!… Per le vittime dei reati di cui siamo, chi più chi meno, un po` tutti colpevoli!… Per Noi detenuti, che potremo via via aver modo di riappropriarci di quella Dignità che abbiamo contribuito a distruggere!…Il `segreto` è il LAVORO!… Il detenuto deve aver la possibilità di svolgere un`attività lavorativa generalizzata e dignitosa!… Sottolineo `generalizzata`, cioè estesa ad un numero di gran lunga maggiore di quello attuale: è assurdo che ci sia una percentuale tanto irrisoria di carcerati ammessi ad un qualsivoglia lavoro!… Nonché `dignitosa`, perché è demenziale pensare di `rieducare` chi che sia, relegando i più, soprattutto, a lavori di pulizia degli ambienti interni alle mura… a 150/200 € al mese! Un lavoro, per essere considerato tale e perché abbia un valore `rieducativo`, deve almeno dare un barlume di Dignità e non apparire come un obolo che si fa ad un mentecatto!… Dare la possibilità di un lavoro serio, che possa coinvolgere almeno un po` e, soprattutto, che dia prospettive di un proseguo anche per un futuro fuori dal carcere!… Insomma, sino a che un qualsiasi detenuto non verrà messo nelle reali condizioni di poter intravedere un futuro diverso e lo si rimette in libertà con 100 € in tasca e nulla più, le possibilità di una recidiva rimane altissima! Quindi, adoperarsi per arginare la criminalità bisogna in primo luogo dare un`alternativa reale di lavoro!!… Mettetevi in testa che è questa la Miglior Prevenzione!!! Questo primo passo verso un reinserimento darebbe sin da subito, oltre ad un aiuto sostanziale alla `rieducazione`, anche la possibilità di risarcire, almeno in piccola parte, le vittime dei delitti, qualsiasi essi siano!… D`altra parte se, indipendentemente dalle reali responsabilità ancora da stabilire, analoga possibilità pare sia stata offerta al `nullatenente Governatore campano Bassolino` con 1/5 , non si capirebbe perché un`analoga possibilità non potrebbe essere data anche ad un detenuto!… Senza contare che potrebbero essere introdotti anche tipi di occupazioni socialmente utili, con un minimo di stipendio, o addirittura nullo, in cambio di un qualche beneficio su uno sconto di pena: insomma, i poteri contrattuali non vi mancherebbero di certo!… Basterebbe da parte Vs. l`impegno e il coraggio di dare inizio ad una `rivoluzione copernicana` nell`ambito carcerario!… Certo, ci vogliono le Palle: ma chi vi ha votato, penso, lo abbia fatto sperando che qualcosa cambi… anche in questo senso! Insomma, signori politici, pensateci!… Questa è la prima indicazione da `esperto in carcere` posso dire che potrà apparire una `non idea` nella mia `semplicistica` esposizione, ma ritengo proprio che non sia così!… Tra l`altro nessuno avrebbe ragione di accusarvi di `buonismo`… anzi, questa innovazione potrebbe essere definita `Lavori Forzati`, così… sarebbero tutti contenti!… ed in ogni caso, tutti, a partire dalla società , ne trarrebbero degli indubbi vantaggi! Buon lavoro

Renato Vallanzasca