POLICLINICO DI MESSINA: LA NEWS CHE NON TROVERETE MAI SU UNA TV PRIVATA…

5 maggio 2008 Mondo News

Ventata di novità  e aria di sciopero al Policlinico. Si sono insediati questa mattina Sebastiano Coglitore e Antonino Sciacchitano, nominati dal nuovo commissario straordinario Giuseppe Pecoraro, rispettivamente Direttore Sanitario e Direttore Amministrativo del Policlinico. Sebastiano Coglitore, che dal 1993 ha svolto ininterrottamente le funzioni di primario del Servizio Autonomo di Cardiologia e Fisiopatologia Cardiocircolatoria all`Azienda Ospedaliera Universitaria di Messina, dal 2003 è direttore della Unità  Operativa Complessa di Cardiologia e Riabilitazione Cardiologia. Ordinario di Cardiologia dell`Università  di Messina, dal 1982 insegna Malattie Cardiovascolari nel Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Il ruolo di Direttore Amministrativo sarà  ricoperto invece da Antonino Sciacchitano, dottore commercialista ed in passato anche Revisore contabile membro del collegio dei revisori del Comune di Corleone, direttore generale del Comune di Monreale, Consulente per le problematiche tributarie e contabili del Ministro per gli affari regionali e consulente del sindaco di Palermo. Ma intanto soffiano anche i venti dello sciopero. A renderlo manifesto lo stato d`agitazione di tutto il personale dichiarato neanche una settimana fa dalle sigle sindacali e l`assemblea, indetta invece per mercoledì. Sembra che sia tutto pronto per una nuova manifestazione, soprattutto vista la frattura sempre più netta tra i rappresentanti dei lavoratori e Giuseppe Pecoraro. Dopo il fallimento del recente incontro con il Commissario straordinario, che non ha accettato la richiesta delle organizzazioni sindacali di differire l`attivazione del quinto turno e della nuova organizzazione delle guardie al 1° giugno, applicando contemporaneamente quanto dovuto contrattualmente ai dipendenti, Flc Cgil, Cisl Univ., Uil/Pa U.R, Snals-Cisapuni e Csa Della Cisal avevano dichiarato lo stato di agitazione. Sindacati e commissario straordinario si erano incontrati per discutere della nuova organizzazione del lavoro, dell`avvio delle procedure di stabilizzazione del personale precario e circa l`attivazione di un tavolo tecnico per arrivare entro il mese di giugno alla definizione dei contratti decentrati in modo da consentire a tutto il personale (infermieri, ausiliari, dirigenti medici e sanitari, ecc.) di recuperare la differenza economica esistente (PEO, PEV, incarichi professionali, ecc.) con il corrispondente personale di altre aziende. Questa volta i sindacati sono tutti uniti. E promettono guerra. Normanno.it