TERREMOTO NEL PRC MESSINA: Il prof. Ramires sul ritiro candidatura Mantineo

6 maggio 2008 Inchieste/Giudiziaria

Ho letto anche le dichiarazioni dell`amico Mantineo e ne condivido lo spirito. Unire in modo alternativo in questo momento così difficile è impresa ardua. Non so se la rinuncia è vera (dal documento non si evince del tutto), ma se lo fosse la comprenderei. Certo, non me ne rallegro, perché al di là  dei toni duri del momento, al di là  dello scontro, anche non condividendole intuisco le ragioni della scelta fatta da Rifondazione. Ribadisco, tuttavia, per quel che vale, le mie posizioni che suggerivano e suggeriscono ancora oggi la necessità  di un fronte comune contro la destra e, dunque, l`alleanza con Genovese e con le altre forze del centrosinistra messinese. Con Genovese abbiamo ben lavorato dopo la vittoria del 2006. Quello che sta succedendo oggi all`Atm, dove sono stato consigliere d`amministrazione con la presidenza Providenti, conferma quanto erano strumentali gli attacchi di certo sindacato che oggi tace o accenna a timide reazioni dinanzi alla minaccia, da noi mai fatta, di ridimensionamenti, ovvero di licenziamenti. Noi abbiamo sempre difeso i lavoratori, anche quando era veramente difficile, e lo abbiamo fatto in solitudine, creando anzi nuove opportunità  di lavoro autentico (gli ex LSU che sono diventati autisti, per esempio) e provvedendo a far passare a tempo indeterminato gli operatori delle ZTL. Da vent`anni non si compravano nuovi mezzi, e noi lo abbiamo fatto. Per non parlare degli accordi che abbiamo sottoscritto per migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, e in particolare di quelli impegnati sui mezzi. Quando il Commissario Sinatra ha deciso il commissariamento, molti dei consiglieri, tra i quali io stesso, erano decisi a fare ricorso e comunque a non cedere a quel sopruso. E` stato Providenti, un gran signore e un uomo di grande equilibrio, a convincerci ad accettare quell`ingiusto giudizio e quella conclusione. Potrei dire di quante telefonate di solidarietà  abbia ricevuto da Rifondazione, ma non mi va di alimentare polemiche inutili. Io ho combattuto la mia battaglia in nome della giustizia e del lavoro. Sono sempre pronto a combattere e lo farò, anche se in modo diverso.