L`ombra di Waterloo di Peter Gomez

10 maggio 2008 Inchieste/Giudiziaria

Evviva, evviva è nato il governo ombra. Waterloo Veltroni lo ha presentato ieri in pompa magna: nove donne, su 21 ministri. Un ministro-sindaco (Sergio Chiamparino) che si occuperà  di riforme e uno intellettuale e scrittore (Vincenzo Cerami) che seguirà  i beni culturali. Fuori invece tutti i radicali, l`Italia dei Valori e Massimo D`Alema. Veltroni durante la conferenza stampa ha spiegato: «Credo che sia dovere dell`opposizione non quello di dire soltanto dei no, ma di formulare proposte alternative. Per questo è nato il governo-ombra». Una bella frase che sorvola però su un particolare. Nelle democrazie parlamentari il primo compito dell`opposizione non è quello di dire no o di avanzare controproposte. La funzione principale è invece quella del controllo sull`attività  della maggioranza. Prima della magistratura e della stampa è la minoranza il vero cane da guardia del potere. O almeno lo dovrebbe essere. In Inghilterra, dove gli esecutivi ombra sono di fatto istituzionalizzati, il momento in cui le opposizioni fanno sentire realmente la loro voce è quello delle interrogazioni. Ogni ministro ombra pone domande al proprio corrispettivo “ufficiale”. E, una volta alla settimana, il capo della minoranza ha il diritto di fare lo stesso con il primo ministro. Solo che a differenza del nostro question time, a Westminister lo si fa a sorpresa, con domande orali (al massimo sei) e senza possibilità  di risposta scritta. Da noi, invece, premier e ministri in parlamento non ci vanno quasi mai. E il question time vive prevalentemente di scartoffie, sottosegretari e sonnacchiose dirette televisive. Anche per questo, guardando queste camere formate non dagli eletti dal popolo, ma dai nominati dalle segreterie dei partiti, la sensazione sempre più forte è quella di trovarsi di fronte non a una democrazia compiuta, ma solo a una sua malriuscita caricatura.