IL DOCUMENTO: LE CLAMOROSE DICHIARAZIONI DEL PENTITO TIMPANI (DEL 2002) CONTRO IL GIUDICE ROCCO SISCI

16 Dicembre 2008 Inchieste/Giudiziaria

Il sottoscritto avv. Fabio Repici intende assumere informazioni dallo stesso sig. TIMPANI in ordine alla lettera, a firma Santi TIMPANI, ricevuta il giorno 4 luglio 2002 dalla sig.ra Santa CURRERI; b) che le informazioni che egli renderà, ove acconsenta a renderle, saranno documentate a mezzo di registrazione effettuata attraverso microregistratore di marca AIWA in possesso del sottoscritto difensore, registrazione che sarà integralmente trascritta, ed a mezzo di verbale in forma riassuntiva che sarà sottoscritto dai presenti;

Verbale di assunzione di informazioni ex art. 391-ter c.p.p.

“Il giorno 16 luglio 2002 alle ore 9,55, nei locali dell’Istituto Penitenziario Pagliarelli di Palermo, innanzi al sottoscritto avv. Fabio Repici, difensore di fiducia dei signori Santa Curreri e Piero Campagna, parti civili nel procedimento n. 22/98 R.G. Corte di Assise di Messina a carico di Gerlando Alberti + 5 (imputati dell’omicidio di Graziella Campagna e altro), è comparso, a seguito di rituale autorizzazione concessa dal Magistrato di Sorveglianza di Palermo (dr. Mazzamuto), il sig. Santi TIMPANI, nato a Milazzo l’1.11.1972, in atto detenuto presso questa Casa Circondariale. “Il sig. TIMPANI viene avvertito: a) che il sottoscritto avv. Fabio Repici intende assumere informazioni dallo stesso sig. TIMPANI in ordine alla lettera, a firma Santi TIMPANI, ricevuta il giorno 4 luglio 2002 dalla sig.ra Santa CURRERI; b) che le informazioni che egli renderà, ove acconsenta a renderle, saranno documentate a mezzo di registrazione effettuata attraverso microregistratore di marca AIWA in possesso del sottoscritto difensore, registrazione che sarà integralmente trascritta, ed a mezzo di verbale in forma riassuntiva che sarà sottoscritto dai presenti; c) dell’obbligo di dichiarare se egli è sottoposto a indagini o imputato nel procedimento per l’omicidio di Graziella CAMPAGNA, in un procedimento connesso o per un reato collegato; d) che egli ha facoltà di non rispondere o di non rendere dichiarazioni; e) del divieto di rivelare le domande eventualmente formulate dalla polizia giudiziaria o dal p.m. e le risposte date; f) delle responsabilità penali conseguenti a eventuali false dichiarazioni rese in questa sede, previste dall’art. 371-ter c.p., che punisce chi renda false dichiarazioni al difensore. A questo punto il sig. TIMPANI dichiara: intendo rispondere. Dichiara, altresì, di non essere sottoposto a indagini o imputato nel processo per l’omicidio di Graziella CAMPAGNA, in un procedimento connesso o per un reato collegato a quello.

OMISSIS

“Poco fa ho fatto il nome del dr. Rocco SISCI, sul quale effettivamente sono a conoscenza di fatti che possono avere rilievo per l’A.G.. In particolare, sono a conoscenza dei rapporti fra il dr. SISCI, attuale Procuratore della Repubblica di Barcellona P.G., e Santo SFAMENI. Conosco anche il numero di telefono con cui in passato (oltre dieci anni fa) SFAMENI poteva contattare il dr. SISCI: si tratta del n. 090/998…….. o 090/998………, non sono sicuro sulla cifra finale. Il dr. SISCI, che io vedevo frequentare anche il bar con Santo SFAMENI e parlare insieme, è titolare di un appartamento e di una villetta siti a Scala Torregrotta, nei pressi della spiaggia. In uno di tali immobili più volte il dr. SISCI subì un furto e, per recuperare ciò che gli era stato tolto, si rivolse al m.llo NUMA ed a Santo SFAMENI, che si rivolsero a me. Effettivamente io gli feci recuperare parte della merce, costituita da capi d’abbigliamento di montone e televisori. Alcuni di questi furti erano stati denunciati.

OMISSIS

Voglio precisare che io già nel 1994 resi dichiarazioni accusatorie nei confronti di Peppe DONIA. A quelle dichiarazioni però non fu dato seguito, per quanto a mia conoscenza. Su Donia mi sono state poste nuovamente domande in occasione del mio esame dibattimentale nel processo CAMPAGNA. Mi risulta che DONIA fosse in stretti rapporti di amicizia con Santo SFAMENI e che fosse stato coinvolto anche per l’aggiustamento del processo CAMPAGNA, per il quale aveva espletato una perizia balistica. Mi risulta anche che DONIA conoscesse bene il noto mafioso Pietro AGLIERI. Questo me lo ha riferito personalmente. DONIA mi disse che anche AGLIERI, oltre a Gerlando ALBERTI, era stato latitante nella zona di Scala Torregrotta. Se non sbaglio, lo stesso DONIA ha riferito in qualche occasione che non so meglio precisare di avere avuto rapporti con AGLIERI e ALBERTI.

OMISSIS

Ribadisco che non potrò continuare a rendere dichiarazioni all’A.G., soprattutto in relazione all’omicidio Campagna, visto il coinvolgimento di personaggi pericolosi come SFAMENI e altri, se non avrò la possibilità di vedere garantita l’incolumità delle persone a me care e se mi sarà negata la possibilità, che mi sarebbe invece dovuto, di vedere mia figlia e di ricevere con costanza sue notizie. Questo lo dico soltanto perché la situazione si è fatta per me insostenibile e per nessuna altra ragione. Io mi rendo conto che in passato ho fatto degli errori, che sto giustamente pagando. Però dal 1999, epoca in cui iniziai a collaborare con la Procura di Catania, con il dr. Petralia della D.N.A. e con la Procura di Reggio Calabria, ho mantenuto una condotta collaborativa leale ed irreprensibile. Eppure la mia situazione personale si è addirittura aggravata. Né ho notizia di alcun intervento da parte degli uffici giudiziari con i quali sto collaborando, affinché mi venga concesso quanto meno ciò che mi è dovuto, secondo quanto ho già detto finora, o anche il ripristino del programma di protezione, per me e comunque per i miei familiari. Il presente verbale viene chiuso alle ore 14,10. Leggi in formato originale – formato PDF – da illume.it

DENUNCE AL VELENO

Due segnalazioni al Consiglio Superiore della Magistratura coinvolgono il procuratore di Barcellona, Rocco Sisci. Nel mirino i rapporti con Giuseppe Donia e Don Santo Sfameni. Al vaglio le dichiarazioni del pentito Timpani sui contatti con l’imprenditore di Villafranca. E un interrogatorio sull’omicidio Campagna rivela che…

BARCELLONA. Una denuncia sul tavolo del Csm. Una denuncia con due segnalazioni che piomba a bruciapelo e coinvolge il procuratore della Repubblica di Barcellona, Rocco Sisci. Tirato in ballo per alcuni, presunti collegamenti con due personaggi “scomodi”. Rapporti che, secondo alcune dichiarazioni, legherebbero il magistrato a Giuseppe Donia e a Don Santo Sfameni. E’ mercoledì 16 aprile, e al Consiglio Superiore della Magistratura vengono spedite due segnalazioni da parte dell’avvocato Fabio Repici.

I RAPPORTI CON DONIA. A coinvolgere il magistrato è stato un interrogatorio, quello di Giuseppe Donia (il “falso carabiniere” prima indagato e la cui posizione venne poi archiviata per vicende connesse all’omicidio di Graziella Campagna, avvenuto il 12 dicembre ’85 a Villafranca Tirrena), che pochi mesi fa era stato sentito proprio da Repici alla Procura di Patti per fatti legati al delitto. Nel documento inviato a Palazzo dei Marescialli, Repici segnala innanzitutto i rapporti fra Donia e Sisci. Nella denuncia si fa riferimento alla conoscenza tra i due. Tanto che proprio Donia conferma di conoscere il procuratore: «Sì, l’ho conosciuto tramite amici in comune». Il luogo è Scala Torregrotta, paese in cui Donia abitava e dove Sisci ha una villa. Durante l’interrogatorio, salta fuori un altro particolare: è Donia a raccontare che il magistrato avrebbe ricevuto in regalo da lui stesso, una pistola calibro 7,65 nella prima metà degli anni ’80, quando all’epoca era sostituto procuratore a Messina. Donia conferma anche di essere stato con Sisci a Monforte Marina, in un luogo isolato dove andava a sparare. In quell’occasione, si recò insieme al procuratore ma anche in compagnia di un direttore di banca. Una vera e propria passione, quella di Donia per le armi. Culminata in ben 140 pezzi da collezione, che dice di aver dovuto vendere per far fronte ai debiti e non subire un fallimento. Donia aveva pure una concessionaria di auto, ma a causa di un raggiro organizzato da due dipendenti di banca di Milazzo ha perso tutto.

I LEGAMI CON DON SANTO. Eppure Beppe Donia è oggi imputato per la vicenda del collaboratore Santi Timpani. Il suo nome è stato fatto dal pentito che ha raccontato agli inquirenti di avere ricevuto da Donia un’arma (alla fine degli anni ‘80). Le dichiarazioni risalgono al ’94 . Ed è proprio dalle dichiarazioni di Santi Timpani, che prende forma l’altra segnalazione che coinvolge Sisci, tirato in ballo per presunti rapporti con l’imprenditore di Villafranca Santo Sfameni. E’ il 16 luglio 2002, quando Timpani dichiara: «Poco fa ho fatto il nome del dottor Rocco Sisci, sul quale effettivamente sono a conoscenza di fatti che possono avere rilievo per l’Autorità giudiziaria. In particolare, sono a conoscenza dei rapporti fra il dottor Sisci, attuale Procuratore della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, e Santo Sfameni. Conosco anche il numero di telefono con cui in passato (oltre dieci anni fa) Sfameni poteva contattare il dottor Sisci: si tratta del numero 090/… o 090/…, non sono sicuro sulla cifra finale. Il dottor Sisci, che io vedevo frequentare anche il bar con Santo Sfameni e parlare insieme, è titolare di un appartamento e di una villetta siti a Scala Torregrotta, nei pressi della spiaggia. In uno di tali immobili più volte il dottor Sisci subì un furto e, per recuperare ciò che gli era stato tolto, si rivolse al maresciallo Numa ed a Santo Sfameni, che si rivolsero a me. Effettivamente io gli feci recuperare parte della merce, costituita da capi d’abbigliamento di montone e televisori. Alcuni di questi furti erano stati denunciati».

LA REPLICA. E Sisci? Ammette di avere avuto rapporti con Donia, di avere ricevuto un’arma in regalo, ma precisa: «Da lui, che faceva il concessionario di auto, ho solo acquistato una Panda per conto di mia sorella, e lui al posto dei tappetini, mi regalò una pistola Beretta usata che si e no valeva ventimila lire». Sisci risponde ed è tranquillo. Anche quando si tratta di commentare i suoi presunti rapporti con Santo Sfameni: «Non lo conosco. Lo stesso Sfameni non ha mai ammesso di conoscermi. Quanto alla questione relativa al numero di telefono, semplicemente è falsa. Il mio numero era sulla guida telefonica e quindi chiunque poteva averlo. Il fatto strano, caso mai, è che a ricordare a memoria quel numero è proprio Timpani, che mi ha coinvolto in questa vicenda. D’altronde, che peso si può dare ad un pentito che aveva confessato di aver rubato a casa mia, ma non è stato creduto dai magistrati che addirittura lo hanno assolto?

IL PERSONAGGIO

Il “colonnello” di Falcone e il suo rapporto con le armi

FALCONE. «Le iniziative stravaganti di Donia sono probabilmente dei messaggi che intende mandare a persone a cui è legato da qualche segreto, che non rivela del tutto ma lascia intuire a chi di dovere». Firmato Fabio Repici, l’avvocato che risponde ad un’accusa che Donia gli aveva lanciato contro attraverso una lettera indirizzata al suo studio non più di 15 giorni fa, e nella quale accusa «il ragioniere avvocato Repici, di procedere nonostante l’archiviazione (in relazione al delitto Campagna) con l’accanimento proprio delle guardie rosse di Mao Tse Tung». Ma chi è Beppe Donia? Il Colonnello che ha sempre negato i rapporti pericolosi con Santi Timpani e Gerlando Alberti, imputato per l’omicidio di Graziella Campagna, è un uomo che dice che «questo signore (Timpani) si è inventato tutto. Conosco il suo nome perché da piccolo andava a scuola con mio figlio. Addirittura ha raccontato che gli avrei fornito una pistola prelevata, in sua presenza, dalla cassaforte dell’appartamento in cui vivevo. I miei rapporti con Alberti? Viene riportato in un rapporto di un maresciallo che ho querelato. Segnala un episodico colloquio con Alberti appena fuori dalla soglia dell’unica edicola di Falcone, quando era un libero cittadino e nessuno lo conosceva». Ma perché Donia finisce dentro l’omicidio Campagna? Il suo nome viene fatto perché avrebbe redatto una perizia balistica per capire come sia stata uccisa la ragazza. A chiamarlo per la perizia, era stato Antonio Fortunato, negli anni ’80 comandante provinciale dell’Arma e suo amico. Oltre ad essere un collezionista, Donia dice di essere un istruttore di tiro che ha redatto perizie per i tribunali di Modena, Bologna, Reggio Emilia. «Mi disse di andare subito a Villafranca -aveva detto Donia in un’intervista rilasciata a Centonove il 25 ottobre 2002- perché aveva bisogno di comparare reperti balistici e di portare un fucile con munizioni da caccia grossa. Alla stazione, mi ha detto di analizzare alcuni bossoli e fornii le conclusioni. Ecco perché 7 anni dopo, ad un controllo delle armi in possesso, mancarono una decina di munizioni utilizzate per la comparazione e fui sottoposto a processo. Anche in questo caso fui assolto». Paco Misale – Centonove, 18 Aprile 2003

Consulta l’articolo della versione cartacea in formato PDF

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione