SEQUESTRO ORLANDI: PER ANTONIO MANCINI FU GESTITO DA DE PEDIS

10 dicembre 2009 Mondo News

Fu Renato De Pedis a gestire il sequestro di Emanuela Orlandi per problemi di natura finanziaria che si erano venuti a creare con il Vaticano. Fu lui ad occuparsene in prima persona tanto e’ vero che furono due suoi uomini di fiducia, ‘Ciletto’ e ‘Rufetto’, ad aiutarlo nel rapimento della cittadina vaticana, avvenuto il 22 giugno del 1983. E’ la versione che Antonio Mancini, 61 anni, detto l’Accattone, ha fornito al procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, titolare dell’indagine sulla scomparsa della ragazzina di quindici anni.