Morte durante il corteo a Villa S. Giovanni: Rete No Ponte passa alle vie legali

20 dicembre 2009 Mondo News

Questa mattina la Rete No Ponte si è riunita per riflettere su quanto avvenuto nella giornata di ieri a Villa San Giovanni. “Sentiamo di dover nuovamente esprimere – spiegano i rappresentanti della Rete – il nostro più sincero e doloroso cordoglio ai familiari di Franco Nisticò, deceduto sabato mentre partecipava alla nostra giornata. Nonostante la positiva riuscita del corteo, che ha visto la cospicua e pacifica mobilitazione di migliaia di partecipanti da tutto il Paese per dire no ad un’opera inutile e dire si alle vere priorità dei nostri territori, la Rete esprime forti perplessità sull’assetto sanitario e le misure di sicurezza predisposti in occasione della Manifestazione Nazionale del 19 dicembre. Riteniamo inconcepibile che migliaia di manifestanti debbano sfilare condizionati da un’atmosfera resa surreale dall’eccessivo dispiegamento di forze dell’ordine e ricordiamo che ieri sono state impiegate forze via terra, via mare e con mezzi aerei, a nostro avviso eccessivi per il reale svolgimento della giornata. Inoltre, all’inadeguata predisposizione di presidi sanitari per la sicurezza e l’incolumità dei manifestanti, si è contrapposta la decisiva assunzione di responsabilità da parte del nostro servizio d’ordine che ha, difatti, impedito che la situazione degenerasse”. La Rete chiede che vengano avviate le adeguate misure per l’accertamento delle responsabilità di quanto accaduto. Da qui la decisione di affidarsi ad un pool di legali per andare in fondo a questa incomprensibile ed intollerabile vicenda.