L'EX VESCOVO DI MESSINA MONS. MARRA NUOVO VESCOVO DELLA DIOCESI ORVIETO-LODI: IL CASO DEL SUICIDIO DEL DIACONO LUCA SEIDITA. SI E' DIMESSO IL VESCOVO GIOVANNI SCAVINO TRA 'TANTE PERPLESSITA'…

Messina 21-2-03_121

Mons. Giovanni Scanavino, Vescovo della diocesi Orvieto-Todi, si è dimesso. Le sue dimissioni sono state accettate dal Papa. E’ questa la conclusione, amara, di una vicenda che ha preso avvio il 30 novembre scorso, subito dopo il suicidio del diacono, Luca Seidita, che si è tolto la vita gettandosi dalla rupe di Orvieto. La Santa Sede ha nominato Mons. Giovanni Marra, nuovo Vescovo della diocesi. Mons. Marra è stato l’Arcivescovo della diocesi di Messina. Incontrando i fedeli a Todi, questa mattina, Mons. Scanavino, ha accuratamente evitato qualsiasi accenno polemico con le gerarchie vaticane. Si è limitato a sottolineare che tutta la vicenda che ha visto coinvolto il diacono Luca Seidita gli ha suscitato “tante perplessità”. Mons. Scanavino ha fatto riferimento alle “divisioni” che lacerano la diocesi di Orvieto-Todi. “Una cancro che bisogna curare, anche con il bisturi. Bisogna superare le divisioni e ritrovare la comunione. C’è bisogno di una unità più vera. Riconosco che non sono stato capace di curare questo aspetto legato alle divisioni ” , ha aggiunto Mons. Scanavino. “Dopo la tragica morte di don Luca sono state dette e scritte tante cose. E’ per fare chiarezza su tutto che mi sono rimesso alle decisioni del Santo Padre, rappresentandogli l’intera vicenda, nel segno dell’obbedienza”, ha precisato Mons. Scanavino. Alcuni fedeli hanno esposto striscioni in segno di solidarietà, all’ormai loro ex Vescovo. In uno di questi c’era scritto: “Obbediamo ma ti amiamo”. Mons Scanavino ha annunciato che intende rimanere a vivere in Umbria, tra i padri agostiniani dai quali proviene.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione