LA SOTTOVALUTAZIONE DELL'ASSESSORE CARONITI – MESSINA, AVEVA LA MATRICE RAZZISTA L'INCENDIO ALLA SCUOLA DI CATARATTI: E' un 21enne del posto l'autore del gesto, "Non vogliamo i Rom nel quartiere"

6 aprile 2011 Cronaca di Messina

E’ un giovane con piccoli precedenti penali il giovane che nella notte fra lunedì e martedì ha appiccato il fuoco ad alcuni locali dell’ex scuola di Cataratti, dove alloggeranno due famiglie Rom attualmente ospitati nella scuola “Capitano Traina” di villaggio Santo. D.C., 21 anni di Cataratti stamattina è stato denunciato dalla Squadra Mobile con l’accusa di danneggiamento seguito da incendio. Determinante si è rivelato il lavoro compiuto dagli investigatori nelle ore successive all’attentato. D.C. è stato smascherato grazie alle immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso di un distributore di carburante di viale Europa in cui il giovane si era rifornito della benzina necessaria ad appiccare il fuoco. Nei fotogrammi si vede il 21enne mentre riempie una bottiglia di plastica e poi con un complice si allontana su un ciclomotore. La Polizia ha quindi ricostruito le fasi successive, contando sulla confessione del ragazzo. Il 21enne si è recato nella ex scuola di Cataratti, attualmente in fase di ristrutturazione proprio in vista dell’arrivo dei Rom. Utilizzando una chiave inglese ha forzato il portone d’ingresso, quindi ha appiccato il fuoco all’archivio e ad un’altra stanza e si è allontanato. Identificato e messo alle strette dalla Polizia, il 21enne D.C. ha ammesso il suo gesto spiegandolo con la paura che regna nel quartiere per l’arrivo dei nomadi. Ha detto che gli abitanti di Cataratti temono che i Rom possano importunare i giovani del quartiere e compiere dei furti. Ma al momento Cataratti sta vivendo con molta tranquillità l’imminente arrivo delle due famiglie nomadi. La Polizia prosegue nel lavoro per identificare anche il complice che avrebbe fatto da supporto all’azione del 21enne. Da tempostretto.it