LIPARI: La morte del bancario Fabio Brach in un incidente stradale. Oggi l'esame autoptico

7 Ottobre 2011 Cronaca di Messina

Non si placa a Lipari la grande commozione per la tragica fine di Fabio Brach, il cinquantaduenne bancario che ha perso la vita mercoledì pomeriggio in un incidente automobilistico verificatosi nella località di Pirrera, a due passi da casa. Il decesso di Fabio, le sue qualità umane e professionali, sono state per tutta la giornata al centro delle discussioni. A Lipari sono giunti, oltre a parenti ed amici, anche alcuni dei responsabili della Banca Popolare di Lodi, l’istituto bancario della cui filiale di Lipari Fabio era una colonna portante, un vero e proprio punto di riferimento non solo per i clienti ma anche per i tanti colleghi che, in questi anni, si sono alternati al suo fianco. «Non riesco a darmi pace – ci dichiara Lucia D’Albora, che ormai da qualche anno con Fabio condivideva l’attività all’interno della banca e con il quale aveva instaurato un rapporto che definisce eccezionale –. Ci eravamo lasciati da poco, dandoci appuntamento per l’ora del rientro in banca. Non vedendolo arrivare, considerato che Fabio era estremamente puntuale, ho provato a chiamarlo sul telefonino, senza ricevere però risposta. Ho capito che qualcosa non andava, ma mai avrei potuto immaginare che fosse rimasto vittima di una così grande disgrazia. Per tutti noi, ma soprattutto per Cinzia e per i suoi bimbi che adorava, è una grande perdita». Tanti i messaggi di cordoglio e di commozione che sono stati postati su face book da quanti lo conoscevano. Intanto dalla tarda serata di mercoledì il corpo dello sfortunato bancario, che lascia la moglie e due bimbi in tenera età, è stato trasferito all’obitorio del cimitero di Lipari a disposizione dell’autorità giudiziaria e in attesa degli esami medico-legali. Proseguono contemporaneamente le indagini dei carabinieri di Lipari per fare piena luce sul tragico avvenimento che, ovviamente, ha lasciato il segno, seppure psicologico e morale, anche su Franco Rando, l’altro uomo coinvolto nell’incidente stradale. Per tornare all’esame medico-legale si presume che questo possa essere effettuato oggi. Salvatore Sarpi – GDS

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione