MESSINA, L'INCHIESTA: I contributi dopo l'alluvione, la Procura ne indaga 77. I NOMI. Non avrebbero avuto diritto agli indennizzi

16 Dicembre 2011 Cronaca di Messina

scaletta zanclea

L'ipotesi d'accusa è clamorosa: art. 640 bis del codice penale, vale a dire truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche. E in questo caso si tratterebbe dei contributi economici erogati ai residenti e non, sotto varie forme, all'indomani dell'alluvione assassina del 1. ottobre 2009, che travolse anche Scaletta Zanclea e provocò 37 morti. Ebbene, adesso si registra su questa tragedia immane anche una nuova inchiesta della Procura di Messina, dopo quella principale sulle responsabilità amministrative e tecniche, che ha avuto l'atto di chiusura delle indagini preliminai nelle scorse settimane. L'atto in questione è infatti una proroga delle indagini preliminari concessa dal gip Maria Teresa Arena e che riguarda ben 77 persone, con l'ipotesi di truffa ai danni dello Stato per il percepimento di contributi dopo l'alluvione. Un'inchiesta aperta nel corso del 2011 che riguarda fatti per un reato che sarebbe stato commesso «in epoca compresa tra l'1.1.2010 e permanente», vale a dire che secondo la Procura la fattispecie è ancora sussistente. Al centro di questi nuovi accertamenti, delegati anche in questo caso ai carabinieri, che sull'alluvione del 2009 stano svolgendo un lavoro immane, ci sarebbero tutta una serie di erogazioni pubbliche accordate a chi, almeno sulla carta, non avrebbe avuto diritto a percepirle, o almeno nella misura in cui sono state concesse dopo il disastro. La richiesta di proroga accordata dal gip su richiesta della Procura fa capire comunque che in ogni caso c'è ancora molto da lavorare. Ecco quindi il lungo elenco di nomi ricompresi in quest'atto: Agatino Triolo, Antonio Triolo, Sergio Fleres, Mario Silla, Letterio Foti, Domenico Tavilla, Rossella Freni, Andrea Grillo, Carmelo Prestigiovanni, Ramona Calabrò, Anna Maria Buccini, Giacomo Auditore, Agostino Pino, Giusy Cucinotta, Serafina Ciccarello, Letteria Giusto, Anna Rita Novellino, Minicante Enrico Armeli, Minicante Rosario Armeli, Santi Cacciola, Nicola Villari, Stefano Alibrandi, Alessandra Marchese, Domenica Giuliano, Letterio Di Blasi, Carmela Auditore, Francesca Cantelli, Carmela Puglisi, Giovanni Aloisi, Grazia Torrisi, Francesco Pantò, Nazzarena Giuliano, Leo Mollica, Concetta Cannistraci, Carmelo Auditore, Francesco De Luca, Teresa Porto, Domenico Generoso, Salvatore Alessi, Placido Cacciola, Vincenzo Cacciola, Franco Aloisi, Francesco Basile, Maria Di Clasi, Anna Barbera, Garibaldi Lopane, Domenica Cordaro, Rosaria Denaro, Salvatore Cordaro, Pietro Freni, Giuseppe Freni, Nunziata Ausino, Aurelio Marchese, Giuseppe Marchese, Giovanna Oliva, Renato Calabrò, Andrea Maugeri, Giorgio Giovanni Barbera, Francesco Gemellaro, Giovanni Cacciola, Valerio Dattila, Francesco Feni, Gianfranco D'Arrigo, Nadiya Nastyuk, Stefano Bottari, Giovanna Cucinotta, Antonella Palumbo, Pietro D'Angelo, Girolamo Pino, Rosario Muscherà, Stefana Foti, Giuseppa Pino, Giuseppe Bottari, Gaetano Ciccarello, Giovanna Zancles, Placido Camino, Andrea Grillo. (n.a.) - GDS

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione