MESSINA, INCREDIBILE MA VERO: L'on. Cateno De Luca si candida a sindaco di S. Teresa

3 gennaio 2012 Cronaca di Messina

L’on. Cateno De Luca ha annunciato ieri sera nel corso di una festa in piazza Municipio con i suoi supporters che intende candidarsi a sindaco di Santa Teresa di Riva. Una “ufficialità” che rompe le uova nel paniere soprattutto all’ex vice sindaco prof. Giuseppe Lombardo che soleva ripetere a destra ed a manca di candidarsi con una grande coalizione che comprendeva tutti gli antimorabitiani. A poco a poco queste certezze del prof. Lombardo si sgretolano. Prima l’Udc ha ufficialmente proposto una candidatura a sindaco scelta al suo interno, adesso ci si mette pure l’on. De Luca che da “disoccupato”, come si è definito ieri sera, intende proporsi come primo cittadino di Santa Teresa di Riva non prima di avere bocciato i cinque anni di Alberto Morabito e osannato Nino Bartolotta (seduto in prima fila con i consiglieri Lo Giudice, Palella e Filoramo), sindaco eletto per tre mandati ’92-’94-’98 ma battuto da Morabito e Lo Schiavo nel 2003 nel 2005 e nel 2007. Non solo, ma ha anche bocciato l’ex vice sindaco Pippo Lombardo. L’on. De Luca (che si era dimesso da sindaco di Fiumedinisi subito dopo l’apertura dell’inchiesta giudiziaria che lo sta coinvolgendo) nel suo intervento in piazza Municipio ha ripercorso, con l’avv. Tommaso Micalizzi, appunto la vicenda che lo vede sul libro degli indagati, aggiornando i suoi tifosi fino alle ultime novità. Tornando alle vicende di Santa Teresa di Riva in vista delle amministrative di primavera 2012, finora sono quattro i candidati a sindaco: l’uscente dott. Alberto Morabito, il prof. Pippo Lombardo (PDL), Carmelo Lenzo (Udc) e l’ultimo arrivato, l’on. Cateno De Luca (Sicilia Vera) che col suo annuncio ha fatto cadere anche una ipotesi suggestiva (ma non suffragata dalla ufficialità) della candidatura del giovane consigliere comunale di Sicilia Vera, Danilo Lo Giudice. Sarà per il prossimo giro. Ma da qui a marzo i candidati fioriranno come le margherite a primavera. Ma è opinione diffusa che tutto questo fiorire di auto nomination serva soltanto sul tavole delle trattative per la grande coalizione. Ammesso che si faccia. Il deputato regionale accolto con un grande striscione di bentornato, nonostante le amare vicende, è apparso in splendida forma e con grinta da vendere. Nessun accenno, però, alla defezione dell’ex sindaco e assessore Pinella Aliberti. Il 6 gennaio De Luca replica con la tradizionale distribuzione di doni in piazza a S.Teresa. Giuseppe Puglisi – GDS