POTERE E TOGA A MESSINA, BARCELLONA P. G. E PATTI: Completato il mosaico dei nuovi Consigli dell'Ordine degli avvocati

22 gennaio 2012 Cronaca di Messina

Al termine del ballottaggio svoltosi in Tribunale, Alberto Gullino, Nunzio Cammaroto e Giovanni Villari sono gli ultimi tre componenti del Consiglio, che rimarrà in carica per il biennio 2012-2013. Gullino ha ottenuto 803 preferenze, Cammaroto 691 e Villari 688. Non ce l’ha fatta Sergio Rizzo, che ne ha messi in cascina 630. Hanno votato 1357 legali sui 2640 aventi diritto. I vincitori del ballottaggio si uniscono ai 12 che al primo turno hanno raggiunto il quorum delle 928 preferenze: Vincenzo Ciraolo (1439 voti), Ferdinando Amata (1386), Antonio Barbera (1322), Francesco Celona (1308), Paolo Vermiglio (1179), Fabrizio Gemelli (1176), Aurelio Wrzy (1150), Laura Autru Ryolo (1142), Giovanni Arena (1126), Aurelio Maiorana (1078), Carlo Carrozza (971) e Giuseppe Vadalà Bertini (945). Undici i consiglieri uscenti riconfermati al termine delle due tornate elettorali. Quattro, invece, le novità, rappresentate da Maiorana, Carrozza, Gullino e Villari. Il nuovo Consiglio s’insedierà domani.


BARCELLONA P. G.: Ordine degli avvocati, Russo confermato alla presidenza.

Si profila una stagione di lotte per l’Avvocatura che una volta tanto dovrà difendere se stessa dai provvedimenti governativi ritenuti lesivi dell’autonomia professionale. Questo compito spetta ai nuovi organi elettivi rinnovati anche a Barcellona Pozzo di Gotto, al cui Ordine sono iscritti gli avvocati dei 24 Comuni, Milazzo e isole Eolie comprese, su cui ha giurisdizione territoriale il Tribunale della Città del Longano. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, ad una settimana esatta dal voto per il rinnovo dell’organismo, ha infatti riconfermato nella carica di presidente per il biennio 2012 – 2013, l’avv. Francesco Russo. Analoghe riconferme si sono avute per il segretario, avv. Sergio Alfano e per il tesoriere avv. Corrado Correnti, indice questo di unità d’intenti destinato a rafforzare la partecipazione alla vertenza nazionale. Immutata per il prossimo biennio resta anche la composizione del Consiglio dell’Ordine che ha visto la riconferma in blocco degli uscenti. Dei 15 componenti che fanno parte del Consiglio dell’Ordine, l’unica novità è rappresentata dall’elezione del giovane avvocato di Milazzo, Giovanni Luca Salvo che ha avuto 265 preferenze su 488 votanti. I consiglieri riconfermati, oltre a Russo, Alfano, Correnti e Salvo, sono: Corrado Rosina, Antonio Raimondo, Danilo Di Salvo, Stefano Muscianisi, Carmelo Pino, Alberto Di Mario, Giovanni Siracusa, Santina Maiorana, Francesco Ruvolo, Fabrizio Spinelli e Adele Roselli. Al Consiglio dell’Ordine di Barcellona a cui sono iscritti 603 avvocati – così come annunciato dal presidente Francesco Russo – spetta un avvio di mandato molto impegnativo sul fronte della difesa della libera professione, a cominciare dagli annunciati scioperi di febbraio e marzo. Restano da affrontare poi anche i problemi locali, a cominciare dalle ventilate soppressioni delle due sezioni distaccate di Milazzo e Lipari. Certa invece appare l’intenzione di sopprimere tre delle 4 sedi di Giudice di Pace: Milazzo, Lipari e Novara. Resterebbe in attività solo la sede di Barcellona che risulta peraltro insufficiente a smaltire l’enorme mole di lavoro. A Milazzo – come annunciato dall’avv. Stefano Muscianisi – il mantenimento della sede del Giudice di pace potrà restare, così come prevedono le ipotesi governative se ad accollarsi le spese di gestione saranno i Comuni interessati. Leonardo Orlando – GDS

Patti, Ordine degli avvocati: Eletti 12 componenti. Gli altri tre a febbraio.
Si è conclusa la prima fase delle votazioni per il rinnovo dei componenti del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Patti. I componenti, in questa tornata, sono passati da 9 a 15 per adeguarsi al numero di iscritti che supera i 550 avvocati nel Foro di Patti. Al momento risultano eletti 12 componenti. Si tratta di Elio Leone Aquino (293 voti), presidente uscente, Lidia Di Blasi (264), Tindaro Giusto (261), Alvaro Riolo (254), Antonella Sicilia (254), Domenico Magistro (243), Carmelo Pirri (242), Fabrizio Trifilò (241), Francesco Pizzuto (240), Francesco Cacciola (233), Benedetto Caiola (230) Vincenzo Santo Vincenzo Trovato (230). Adesso, il prossimo 11 febbraio saranno eletti altri tre consiglieri scelti tra coloro che hanno riportato almeno un voto nel primo turno. In lizza per i rimanenti seggi sono Mike Bonomo, Eliana Raffa, Nunziatina Starvaggi, Rosalba Recupero, Pablo Magistro, Carmela Barbiera, Salvatore Salmeri, Salvatore Caputo, Salvatore Princiotta, Casimiro Randazzo, Giuseppe Sturniolo, Vinencenzo Amato, Nunziatina Castrovinci, Loredana Rigoli, Maria Tiziana Scolaro, Margherita Manasseri, Sergio Petralia, Nicola Saccone, Massimiliano Fazio, Giuseppe Mormino, Gisella Pizzo, Salvatore Zingales Botta, Francesco Librizzi, Carmela Sciacca, Pino Campione, Alessandro Ziino, Daniela Scurria, Alessandro Pruiti Ciarello, Claudio Calabrò ed Emma Musti. Soddisfazione per l’esito del voto è stata espressa dal presidente uscente, Elio Aquino. «Gli avvocati iscritti all’ordine di Patti – ha detto – hanno continuato a dare fiducia all’operato mio e dei colleghi che hanno validamente collaborato. In un momento particolare per l’avvocatura, in cui l’Ordine passava da 9 a 15 membri, la mia lista ha avuto un consenso eccezionale con l’elezione di ben dieci consiglieri, i sette uscenti più gli avvocati Lidia Di Blasi, Antonella Sicilia e Santo Vincenzo Trovato. Ringrazio tutti i colleghi che ci hanno dato, anche per l’avvenire, una conferma della loro fiducia nel nostro operato ed anche, ritengo, nel nostro modo di concepire l’avvocatura».(g.v.)