IL RICORDO – IL CONCERTO DI LUCIO DALLA A GIARDINI NAXOS DELL'ESTATE SCORSA: Quando Giardini divenne "Surriento"

3 marzo 2012 Culture

blogdalla3

FOTO DI ENRICO DI GIACOMO

MESSINA – Fu una vera “notte dei miracoli” quella che il 5 agosto dello scorso anno Lucio Dalla volle regalare al pubblico che assiepava l’arena “Teatro Nuovo” di Giardini-Naxos. Un concerto in cui respirava un’atmosfera particolare, in cui certe sensazioni si moltiplicavano tra le note conosciute e uniche che in quello scenario diventavano sezione illuminata di un particolare magma poetico. Chi ha assistito al concerto ha potuto respirare il canto di “Caruso” evocato davanti alla baia di Naxos sotto l’Etna infuocato che brillava nella notte, un paesaggio che sembrava rievocare lo sfondo del “golfo di Surriento”. La magia di questo scenario mediterraneo dilatava la bellezza del concerto del cantautore bolognese – reduce dalla trionfale tournée in coppia con Francesco De Gregori che aveva fatto tappa a Taormina – che non aveva mancato di ammettere il suo sentire profondo dell’anima della Sicilia, lui che percepiva il genius loci come pochi intellettuali e artisti sapevano fare: «Mi sarebbe piaciuto tanto che fossi nato qua, in Sicilia, dove ci sono posti magici come questi», disse con toni sinceri confidando di aver trascorso un mese di riposo proprio tra le acque siciliane e delle Eolie, «dove il mare è mare». Generoso, affabile, davvero ispirato, Dalla ha regalato una serata indimenticabile all’insegna dei suoi classici interpretati con tono teso e un tocco intimo, scegliendo con intelligente sensibilità canzoni all’insegna della stessa capacità emotiva e mostrando una voce limpida e armoniosa che sapeva modulare con abilità e precisione. Le note seducenti di “Tu non mi basti mai” aprirono il concerto, evocando accenti romantici assoluti, emozioni e sguardi alti come quelli presenti in “Se fossi un angelo”, dedicato a quegli «essere umani semplici» che stanno vicino ad ognuno di noi e che si rivolgono a Dio in modo personale. Indimenticabile serata. SERGIO DI GIACOMO – GDS