TAORMINA: L'ospedale S. Vincenzo presidio d'eccellenza. «Il Centro cardiologico punto di riferimento del sud. Funziona la collaborazione col Bambin Gesù»

3 marzo 2012 Cronaca di Messina

TAORMINA – «Sono stati raggiunti risultati eccellenti, perfino superiori agli obiettivi prefissati: vuol dire che abbiamo lavorato con professionalità ed entusiasmo. In appena un anno abbiamo arginato la mobilità passiva e siamo già divenuti punto di riferimento per le regioni del sud e presto lo saremo anche per i Paesi del Mediterraneo. Questi sono fatti indiscutibili. Ma io oggi voglio spazzare via le polemiche stupide e strumentali di coloro che ipotizzano tagli al presidio e le sciocchezze di chi parla di una colonizzazione da parte del “Bambin Gesù”, che invece è un centro all’avanguardia. Il nostro è, piuttosto, un lavoro finalizzato a fare un altro passo verso l’eccellente “normalità” a cui tende la sanità siciliana». Lo ha detto l’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, nel corso della conferenza tenutasi ieri mattina al Comune di Taormina durante la quale sono stati illustrati i dati dell’attività del Centro cardiologico pediatrico del Mediterraneo ed è stata presentata la nuova risonanza magnetica pediatrica sempre all’ospedale San Vincenzo di Taormina. L’assessore Russo ha smentito categoricamente le voci di un depotenziamento dell’ospedale di Taormina. «Sono voci prive di fondamento. Le cose stanno esattamente al contrario e Taormina è una struttura che vogliamo fare crescere. Quello di Taormina – ha detto Russo – è ormai un ospedale che serve non solo l’intera Sicilia ma anche l’Italia meridionale e che rappresenta un segmento del progetto di riorganizzazione del Sistema sanitario siciliano studiato per consentire alla Sicilia di stare alla pari con le altre Regioni». Diagnosi più accurate e rapide, standard qualitativi di eccellenza. È quanto consentirà, dunque, di ottenere nello specifico la nuova risonanza magnetica pediatrica adottata dal “Bambino Gesù” di Taormina. All’incontro dal titolo e tema “Salute dei bambini del Mediterraneo: i traguardi del Centro cardiologico e la nuova risonanza magnetica pediatrica”, promosso dall’Asp 5 di Messina e dal Centro cardiologico pediatrico, hanno preso parte l’assessore regionale alla Salute, Massimo Russo, il sindaco di Taormina, Mauro Passalacqua, il Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria provinciale di Messina, Francesco Poli, il direttore del Centro cardiologico pediatrico del Mediterraneo, Giacomo Pongiglione, e il presidente dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù IRCCS, Giuseppe Profiti, Giampaolo Grippa, direttore del progetto e il presidente del consiglio comunale, Eugenio Raneri. «Il Bambin Gesù – ha affermato il Commissario Asp, Poli – è una struttura che da un anno ha cominciato la sua operatività. Una realtà che ora si arricchisce con tecnologie che pochi altri centri hanno e che consentirà di operare nel modo più moderno a favore dei cittadini. A Taormina c’è una rete ospedaliera che nella sua globalità funziona e sulla quale si sta continuando a fare un lavoro finalizzato a farla crescere. Ai rumors rispondiamo con i fatti e vorrei ricordare che abbiamo rifatto in soli 40 giorni 7 sale operatorie e sono ora in corso le procedure per appaltare i lavori per la Centrale idrica, termica ed elettrica. Stiamo lavorando in silenzio e senza fare proclami, per migliorare questo ospedale. Il “San Vincenzo” verrà dotato di un Punto nascita provvisto di un’Unità di Terapia Intensiva prenatale, come stabilito nel decreto assessoriale, e dell’Ortopedia pediatrica, sempre in collaborazione con il Bambin Gesù, a oggi assente in Sicilia. Questa insomma è l’occasione anche per smentire tutte le voci basate sul nulla che parlano di un depotenziamento dell’Ospedale S. Vincenzo – ha aggiunto il commissario Poli – che potrà presto contare sull’elisuperficie e sul potenziamento dei parcheggi, di un centro diurno per l’Alzheimer e di una Rsa». Emanuele Cammaroto – GDS