Stroncato da infarto il giudice Gari impegnato pure nell'inchiesta Iblis

5 marzo 2012 Mondo News

Catania – Si è spento ieri mattina, per un infarto al miocardio, il presidente aggiunto dei Gip di Catania, Edoardo Gari, 72 anni, che per 40 anni è stato in prima linea nell’attività giudiziaria nel capoluogo etneo. Attualmente stava presiedendo i riti alternativi del processo antimafia “Iblis,” su presunti rapporti tra Cosa nostra, imprenditoria e politica. Nella sua lunga attività da magistrato aveva commesso certamente una “disattenzione”: nell’ottobre dello scorso anno nove presunti affiliati alla cosca mafiosa Scalisi di Adrano, collegata al clan catanese Laudani, erano stati scarcerati per decorrenza dei termini: condannati in primo grado il 21 giugno 2010 a pene comprese tra 3 anni e 4 mesi e 8 anni e otto mesi, per mafia, un’estorsione e detenzione di armi, il giudice per l’udienza preliminare Edoardo Gari, che li aveva giudicati con il rito abbreviato, non aveva depositato le motivazioni della sentenza. «La scarcerazione di questi imputati – ammise Gari in quella circostanza – è da addebitare a una mia mancanza. E mi brucia moltissimo. Ma c’è un problema di sostenibilità di lavoro, miracoli non ne possiamo fare e io alterno disperazione a serenità assoluta. È stata una defaillance, ma la prima in quarant’anni di carriera».