IL PUBBLICO CHE SI PIEGA AL PRIVATO. ALLA COPPIA SESTI-ROCCA L'ORGANIZZAZIONE – Tao FilmFest "nuova formula". Ecco il cartellone: da Ben Harper a Pogorelic al melodramma su testi di Mogol

18 aprile 2012 Culture

TAORMINA – Dopo una lunga attesa, arriva il programma di Taormina Arte. Il Comitato (formato dai sindaci di Taormina e Messina, Mauro Passalacqua e Giuseppe Buzzanca, e il presidente della Provincia di Messina, Nanni Ricevuto), ha annunciato ieri il calendario (non ancora definitivo) degli spettacoli estivi al Teatro Antico. Confermata la scelta dell’ente di non nominare i direttori artistici delle varie sezioni, ed avvalersi invece di un coordinamento dei progetti auto-gestiti ritenuti più significativi, presentati da soggetti ed istituzioni pubblici e privati. Così prenderà vita l’edizione 2012 sostenuta dalla Regione e dal Ministero Beni Culturali. «I finanziamenti pubblici – si legge in una nota di Taormina Arte – saranno utilizzati da TaoArte per pianificare e assicurare l’organizzazione generale della manifestazione, la sua pubblicizzazione, con la garanzia del massimo livello artistico; i singoli eventi saranno invece sostenuti dai promoter, con la partecipazione di sponsor. Un significativo risultato di partecipazione pubblico-privato con una sinergia di mezzi, esperienze e professionalità con l’intento di sostenere l’offerta turistica estiva con un cartellone di elevata qualità». Apriranno il calendario il Taormina Filmfest e poi i Nastri d’Argento, dal 23 al 30 giugno. Quindi eventi pop e di musica sinfonica fino alla fine di agosto. Per quanto riguarda la lirica e la sezione teatro è prevista una nuova riunione del Comitato entro pochi giorni. Il progetto prescelto per la produzione del Festival del Cinema è stato quello presentato dalla “Agnus Dei Production” di Tiziana Rocca, che avrà quindi l’incarico di general contractor della rassegna. Tutta la parte artistica sarà sostenuta dalla partecipazione di sponsor. «Sarò produttore del Festival – spiega Tiziana Rocca – nel contesto di una nuova formula auto-prodotta, con sponsor e privati. Mi occuperò della produzione, organizzazione, logistica e ospitalità di una rassegna che quest’anno si fonda sul presupposto e l’obiettivo di ottimizzare i costi. Ho sempre messo il massimo impegno e una grande passione in questo lavoro e sono molto motivata per questo impegno al Festival del Cinema di Taormina. Cercherò di portare a Taormina eventi di rilievo. Mi attende una sfida importante che sono pronta ad affrontare. Il mio obiettivo è quello di poter fare un festival senza sfarzi ma comunque di alto livello e con un certo stile. Non intendo stravolgere nulla, ma essere parte integrante di questa bellissima realtà nella quale mi onoro di poter lavorare. Ho lavorato a Los Angeles, New York e Cannes, ma anche Taormina è una ribalta internazionale. I tempi sono stretti e da qui alle prossime settimane avrò di fronte un impegno difficile ma sono determinata e convinta di poter ottenere risultati importanti». Contatti verranno ora avviati per organizzare serate glamour con star internazionali. Per il Festival l’obiettivo, e quindi la corsa contro il tempo, sarebbe l’autofinanziamento, trovando sponsor per circa 1 milione 500 mila euro. Direttore editoriale del festival – questa la formula scelta dal Comitato – sarà invece Mario Sesti, al quale verrà affidato il coordinamento della parte artistica. Regista e critico cinematografico di origini messinesi, Sesti è stato uno degli organizzatori del Festival del cinema di Roma e attualmente coordina un laboratorio di critica cinematografica per studenti della laurea magistrale al polo Dams di Roma Tre.
Entro qualche giorno, comunque, sarà presentata la squadra che si occuperà delle anteprime, del concorso e delle retrospettive. Il Filmfest si concluderà il 28 giugno e l’indomani s’aprirà la due giorni della 66a edizione dei Nastri d’Argento, i prestigiosi riconoscimenti del Sindacato giornalisti cinematografici riservati alla produzione italiana e che daranno vita, sabato 30, alla “Notte delle stelle” al Teatro Antico. Per i grandi eventi musicali il 13 luglio ci sarà Sting, che a Taormina approderà per una delle quattro tappe italiane del “Bach to Boss Tour”, ed il 17 seguirà l’esclusivo concerto (già sold out) di Ligabue (entrambi eventi organizzati da privati). Tre giorni dopo, TaoArte proporrà il polistrumentista minimalista Yann Tiersen. Il 22 luglio un grande chitarrista del rock “alternativo”: Ben Harper. Il 3 agosto sarà la volta di Giorgia, con il suo live “Dietro le apparenze”. Il 28 luglio il primo appuntamento col Festival del pianismo internazionale che, con il supporto della sicilianissima “Mediterranea Chamber Orchestra”, sotto la guida di direttori come Joachim Jousse e Wiktor Bockman, proseguirà il 4 (col Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di Tchaikovsky, solista Valentina Lisitsa) e il 31 agosto (Ivo Pogorelich col Concerto n. 2 in Do minore op. 18 di Rachmaninov). Concluderanno a fine agosto questo inedito confronto generazionale le tre pagine beethoveniane scelte dal tredicenne Marc Yu, il ragazzo prodigio di Macao che già da alcuni anni stupisce le platee di tutto il mondo. “Il piccolo Mozart” eseguirà il Concerto n. 2 in Si bemolle op. 19, l’Ouverture “Die Ruinen von Athen” op 113 e la Sinfonia n. 5 in Do minore op. 67 del grande genio di Bonn. L’1 e il 2 agosto spazio all’operetta con un’edizione ridotta de “Il pipistrello” di Johan Strauss jr e “Le rose di Vienna”. Dal 6 al 10 agosto è in programma la seconda edizione del Festival Internazionale Orchestre che vedrà coinvolte alcune delle più note ed antiche formazioni a plettro italiane ed europee. Il 25 e il 26 agosto una scommessa del melodramma moderno, “Storia di una capinera” composta dal catanese Gianni Bella su liriche di Mogol e libretto di Giuseppe Fulcheri, in scena in prima nazionale. Emanuele Cammaroto – GDS