MESSINA: Costrinsero uno dei soci a dimettersi dalla Casa per anziani che gestivano. Due rinvii a giudizi, tra questi anche il nipote di Sparacio

18 aprile 2012 Cronaca di Messina

A luglio del 2011 lo costrinsero a dimettersi dalla casa alloggio per anziani di cui era socio. In manette finirono Salvatore Sparacio, e Paolo Restivo e oggi il gup Antonino Genovese ha disposto per entrambi il rinvio a giudizio. Il 4 ottobre si dovranno presentare davanti alla Prima sezione penale del Tribunale e difendersi dall’accusa di estorsione. Dopo la denuncia presentata dalla stessa vittima, scattarono le indagini della Squadra Mobile. Nel 2011 nacquero dei contrasti tra i soci della casa alloggio per anziani di viale della Libertà. Quando la Regione si apprestava ad accreditare nelle casse della comunità alloggio, un finanziamento di mutuo da 120 euro a fondo perduto, i contrasti diventarono insanabili a tal punto che come raccontato dalla vittima, Restivo e Sparacio lo avrebbero costretto a firmare e sue dimissioni e rinunciare alle quota della casa di cura.