MESSINA: Marcia contro il razzismo "dedicata" ad Alì. "Rose non bastoni, insieme ad Alì"

23 aprile 2012 Cronaca di Messina

Qualunque sia stato il movente che alcuni giorni fa ha spinto un uomo di 40 anni a colpire violentemente al capo Alì con un bastone, il venditore egiziano di rose molto conosciuto nei locali del centro, a lui ieri sera il circolo Thomas Sankara e la Rete antirazzismo hanno dedicato una bella fiaccolata di solidarietà. Con riflessioni, striscioni, slogan. Soprattutto perché al di la dell’eventuale presenza, o no, di una componente razzista – questo il senso – Alì comunque rientra, in conseguenza dell’umile lavoro che svolge a contatto con migliaia di persone, nelle fasce più deboli, esposte a episodi di rabbia, violenza, irrisione. Ecco perché l’iniziativa di ieri, traendo spunto dalla cronaca ma spaziando molto al di là della stessa, è stata molto sentita, e anche toccante. Oltre che per la presenza di non pochi ragazzini e bambini, dalla cui spontaneità c’è sempre qualcosa da imparare, per quelle parole di semplice umanità che hanno inchiodato al palo, per un attimo, l’indifferenza del quotidiano. Dal tam tam sorto su Facebook al poetico, ieri su strada, “Rose non bastoni, insieme ad Alì”.(a.t.)