17 Maggio 2012 Cronaca di Messina e Provincia

MESSINA – IL PROCESSO, LA DEPOSIZIONE: L'ex presidente del consiglio comunale Umberto Bonanno, «Ho sempre fatto soltanto politica»

Intercettazione dopo intercettazione, delibera dopo delibera, carta dopo carta, frase dopo frase. Tra un sorriso amaro e l’altro. Ieri è andata avanti dalla mattina al pomeriggio inoltrato la deposizione dell’ex presidente del consiglio comunale Umberto Bonanno al processo “Oro grigio”, la speculazione edilizia e le “mazzette” del complesso “Green park” sul torrente Trapani, davanti ai giudici della I sezione penale presieduta da Attilio Faranda. Un vero fiume in piena quello che ha risposto, da imputato, per ore, alle domande del pm Angelo Cavallo (gli ha chiesto il significato di parecchie intercettazioni ambientali e telefoniche che sono agli atti dell’inchiesta), dell’avvocato di parte civile per il Wwf Aurora Notarianni (il centro di tutto è stata l’osservazione al Prg n. 231 che si occupava dell’area), degli avvocati Giovambattista Freni e Tommaso Calderone; il suo difensore Enrico Ricevuto s’è poi riservata un’altra udienza per sentirlo, si farà tutto l’8 giugno. E la storia ieri Bonanno l’ha ripercorsa tutta: le scelte politiche del Prg, i suoi rapporti con l’architetto Manlio Minutoli e l’avvocato Pucci Fortino, i “prestiti” ricevuti, solo per citare alcuni argomenti. Ha tenuto a sottolineare una cosa: ha fatto sempre e soltanto politica, non s’è occupato di affari.(n.a.)