27 Maggio 2012 Cronaca di Messina e Provincia

LA CITTA' CHE SARA'…: I "nuovi" messinesi sono tutti stranieri. Il continente asiatico è il più "rappresentato" col 56,69%: su tutti Sri Lanka, Filippine e Cina

Se la popolazione di Messina cresce, lo deve in gran parte all’immigrazione. È uno dei dati più interessanti emersi dalla ricerca sugli stranieri residenti a Messina pubblicata dall’Anolf (Associazione nazionale “Oltre la Frontiera”) in collaborazione con la Cisl, un dato che diventa verità assoluta grazie ai numeri: il numero degli stranieri, dal 2001 al 2011, è quasi raddoppiato, da 4.789 a 11.777, pari al 4,8% dell’intera popolazione; nel 2011, inoltre, la cittadinanza messinese ha avuto, per la prima volta negli ultimi anni, un incremento pari a 2.757 abitanti, di cui 2.064 sono stranieri e considerato che da questo computo sono esclusi coloro i quali hanno ottenuto la cittadinanza italiana, diventa evidente come l’incremento della popolazione messinese sia dovuta quasi per intero all’incremento degli stranieri residenti. Il quadro dell’immigrazione in riva allo Stretto regala sostanziali conferme: è ancora l’Asia il continente più rappresentato col 56,69% (per la stragrande maggioranza grazie a Sri Lanka, Filippine e Cina), seguita dall’Europa col 27,05% (per lo più Paesi dell’Est ed ex Jugoslavia) e dall’Africa col 90,37% (Marocco, Senegal e Tunisia). Meno significative le presenze del continente americano (2,45%, soprattutto America meridionale) ed Oceania (0,91%, quasi tutti australiane). Gli stranieri a Messina preferiscono vivere al centro: la quarta municipalità, infatti, e quelle confinanti (la terza e la quinta) ospitano insieme il 76,87% degli immigrati, la zona nord più periferica il 14,47% e la zona sud l’8,66%. Dando un’occhiata alle classi d’età, la maggiore presenza si ricava ancora una volta nella fascia compresa tra 36 e 50 anni, segue quella tra 19 e 35, mentre molto simili sono le fasce d’età 0-18 e 51-65. Secondo l’Anolf ciò è dovuto non solo alla mortalità, ma anche al fatto che il fenomeno dell’immigrazione in termini massicci è abbastanza recente. Viene ritenuta comunque forte la presenza di minorenni: sono 2.171 i residenti a Messina, pari al 18,63% degli stranieri: un continuo aumento dovuto sia alle numerose nascite che ai ricongiungimenti familiari. Tra l’altro il 63,15% dei minorenni è nato a Messina, il 4,33% in altre città d’Italia ed il 32,52% all’estero. Altra curiosità: gli stranieri messinesi sono per la maggior parte non coniugati, sia perché sono molti, appunto, i minorenni, sia perché sono tanti coloro i quali convivono, non sposati, con un’unione che, dunque, non risulta nei registri dello stato civile. Ma è proprio nel campo dei matrimoni che viene fuori qualche dato interessante, specie laddove gli stanieri hanno sposato messinesi. Ovviamente contenuto il dato sui nati a Messina, in quanto l’85% degli stranieri venuti al mondo in riva allo Stretto è minorenne. Più rilevanti i numeri sulle coppie di stranieri nati all’estero ma sposati a Messina: la maggioranza dei matrimoni con stessa cittadinanza riguarda gli stranieri provenienti dall’Australia o dalle Filippine, invece per quanto riguarda i matrimoni di cittadini stranieri con italiani, residenti e sposati a Messina, la presenza maggiore è quella di donne straniere, tra queste quelle provenienti dall’Europa dell’Est e dal Sudamerica. Le ultime particolarità arrivano dai periodi dei vari flussi migratori. Il più “longevo” degli attuali immigrati è un australiano giunto in Italia nel 1937, oggi ultranovantenne. Negli anni ’70 gli stranieri sono arrivati principalmente dalla Grecia, un fenomeno confermatosi negli anni ’80, mentre è del 1984 il primo “boom” degli srilankesi ancora oggi residenti a Messina. Negli anni ’90 il trend degli srilankesi è andato confermandosi, insieme all’immigrazione dal Marocco, mentre i primi anni del nuovo secolo hanno visto prevalere cinesi, polacchi e, dal 2005, rumeni. Sebastiano Caspanello – GDS

I numeri dell’immigrazione.
11.777 sono gli stranieri residenti a Messina, su una popolazione di 245.260.
6.676 provengono dall’Asia, pari al 56,59%.
3.559 sono gli stranieri provenienti dallo Sri Lanka, pari al 30,22%.
2.471 gli immigrati dalle Filippine, secondo Paese più rappresentato in città col 20,98%.
35,56% la percentuale dei residenti nella quarta municipalità, seguono la terza (25,41%) e la quinta (15,9%), in coda la seconda (3,89%).
3.764 gli stranieri nella fascia d’età compresa tra 36 e 50 anni.
3.294 quelli compresi nella fascia 19-35. Seguono le fasce d’età 0-18, 51-65 e, molto staccate, 66-79 e 80 e oltre (sono appena 124).
2.171 i minorenni stranieri residenti a Messina, di cui 719 (33,12%) in età compresa tra 5 e 10 anni, 617 tra 0 e 539 tra 14 e 18 e 296 tra 11 e 13.
1.685 gli stranieri residenti nati in Italia, di cui il 90,5% è nato proprio a Messina.