MESSINA, ‘ORO GRIGIO’. STORIA DI UN PROCESSO: ECCO LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA CON LA QUALE SONO STATI CONDANNATI L’EX PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE BONANNO E L’AVVOCATO FORTINO. LE INTERCETTAZIONI. QUINTA PARTE

news_71_green_park

Dalla telefonata n. 6631 ore 13.22 del 09/03/2006 RIT P.M. 669/05, prog. 6631 si desume invece la capacità di Ponzio di assumere informazioni dai suoi colleghi circa lo stato dei procedimenti amministrativi cui ha interesse diretto, come quello oggetto del presente procedimento; allorchè Fortino infatti gli chiede di scoprire il numero della concessione ,senza la quale gli imprenditori non potranno stipulare i compromessi e quindi dar loro i soldi, risponde che si attiverà contattando l’ing. Santoro.

PUCCI Pronto?

NINO Pucci.

PUCCI Nino, dimmi. Hai parlato?

NINO Sì, certo.

PUCCI Ah, bene, bene.

NINO Dice oggi.., oggi ormai.., oggi ormai è difficile, domani mattina gliela prepara..

PUCCI Sì.

NINO ..quindi settimana entrante, tra Lunedì e Martedì se la può andare a pigliare e gliela manda avanti direttamente, va bene?

PUCCI Ah, nella settimana entrante gliela dà?

NINO E co.., e non gliela può dare ora, perché dice:

<< Guarda – dice – è troppo lunga, è una cosa lunga >>, perché..

PUCCI Sì, lo so, ma loro sai che volevano Nino?

NINO Eh.

PUCCI Volevano anche solo il numero perché potevano inserire il numero della licenza nella.., nei compromessi, sennò non possono incassare soldi.

NINO E non me lo potevi dire prima?

PUCCI E lo so, ma io pensavo che era già.., era già superata ‘sta cosa.

NINO Ah, va bene, va bene, oggi..

PUCCI Lo richiami..

NINO Stai tranquillo..

PUCCI E ci dici se domani mattina può mandare.., po.., possono mandare e lui gli dà il numero quantomeno.

NINO Pucci.., Pucci, se ne sta andando a mangiare. Oggi pomeriggio lo chiamo verso le quattro, perché lui è là fino alle cinque..

PUCCI Sì, sì.

…………………..

Che Ponzio sia in diretto contatto con gli imprenditori i cui interessi cura, poiché ne ricava un beneficio diretto, si ricava dalla telefonata del giorno successivo n. 3476, ore 12.13, del 09/03/2006 RIT P.M. 715/05, in cui Arlotta Giovanni e Arlotta Salvatore parlano della concessione edilizia ancora non firmata. Il primo dice al secondo, che sta uscendo dagli uffici dell’urbanistica, di farsi vedere da Ponzio.

PADRE Pronto?

FIGLIO Papà?

PADRE Sì.

FIGLIO Unni si’ tu?

PADRE Unni.., ‘o (…)

FIGLIO Eh. Senti una cosa.., mi telefonò, dà, (…..)

PADRE Eh.

FIGLIO Dice che.., che dassupra, dà, si.., si spaccau ‘n autru tubu ‘ill’acqua, di chiddi chi ci vannu dà, i (piscini)..

PADRE Comu si spacco’ ‘n autru tubu ‘ill’acqua?

FIGLIO Dici chi ci fu ‘na frana, docu, forsi pi’ l’acqua, no’ sacciu, papà, dicu.., e si.., si apriu un tubu, và, non ci arriva acqua a chiddu. Praticamente.

PADRE Ma scusa, unni si apriu ‘stu cosu di ‘sta frana?

FIGLIO Papà du’ latu ‘i supra, dici, iddu, dà unni passau ‘u tratturi.

PADRE Eh.

FIGLIO Eh. Ora chisti cà.., chiddi dà ‘i du’ latu, chi hannu (….) l’acqua, no’ sacciu io’ dà com’era ‘u fattu, giusto? E chiamare a iddi.

PADRE Eh.

FIGLIO Si ci ‘u putemu sistemare, picchì (…..)

PADRE L’è fari ghiri dà (…..) videmu si pozzu ‘nchianari, ma ora non pozzu ‘nchianari.

FIGLIO No, no, io’ ci ‘u dissi (…..). Va bene? senti ‘na cosa, vidi che.., per quanto riguarda ‘u Genio Civile..

PADRE Eh.

FIGLIO ..parrai cu’ Mario, no?

PADRE Eh.

FIGLIO E s’ ‘a vidi iddu, picchì.., dopu sicuramente, capisti, c’era du’ discursu, và.

PADRE Eh.

FIGLIO E ora s’ ‘a vidi iddu. Dici chi mi ‘n’annamu, non parramu chiù, dumani matinu ‘a cosa (…)

PADRE Hm.

FIGLIO Va bene? E chistu è unu. Pi’ quantu riguarda Giovanni LA CAVA ‘a stannu priparannu dà cosa, papà, picchì dici chi fu incasinato n’hamu ‘a vidiri ‘a prossima simana.

PADRE Puttana d’ ‘a madonna iarusa, non ci niscemu chiui.

FIGLIO E chi ci pozzu fari io’, papà?

PADRE (sbuffa) Dicu p’aviri ‘u numero nenti da fare, vero?

FIGLIO E papà, si non prima preparunu.., iddi, giustu, chi numero n’hannu ‘a dari. L’hannu ‘a protocollare prima, capisci? Cioè deve essere preparato, firmata dal funzionario.., du’ dipartimento e poi veni protocollata prima capisti? ‘Na vota chi veni protocollata assume ‘u numero, ma prima non.., non esiste il numero.

PADRE Chi facemu, ci telefonami a chiddu?

FIGLIO A cui?

PADRE All’avvocato.

FIGLIO All’avvocato cui?

PADRE Fortino.

FIGLIO Papà, io non lo so, capisti? Picchì docu dipende tuttu di Giovanni LA CAVA, ah. Cioè non è chi poi, dico, (…..) si pigghia, giustamente.., capisci tu, no?

PADRE Ma io’ ci dicu a iddu, a tipo mi si informa.

FIGLIO Ma no’, sacciu.

PADRE Ah?

FIGLIO Tu ‘u sai comui ragiununu chisti poi, no? Chisti cà quannu pattunu pattunu a spron battutu. Tu non ci poi parrari, tu direttamente, a Giovanni LA CAVA?

PADRE Tu.., tu unni si’?

FIGLIO Io’.., ora staiu niscennu dill’urbanistica.

PADRE Di dà, dill’urbanistica?

FIGLIO Sì.

PADRE Fatti avvidiri i Ponzio, così. E ci dici ‘u fattu, vidi com’è.

FIGLIO Non capia.

PADRE Dico ti ni ‘nchiani e vidi si vidi a Ponzio. E ci dici ‘u fattu com’è. Senza..

FIGLIO Ora videmu, và.

PADRE Va bene?

FIGLIO Ora torno e giro, videmu.

PADRE Eh.

FIGLIO Va bene? chiù tardu poi ni videmu.

Le interferenze indebite degli odierni imputati sui funzionari dell’ufficio urbanistico si ricavano anche dalla conversazione n. 3497 ore 16.56 sempre del 09/03/2006 (RIT P.M. 715/05) in cui Fortino rassicura Arlotta dicendogli che l’indomani la concessione sarà pronta e che potrà pertanto essere ritirata.

ARLOTTA Sì?

UOMO Signor Arlotta?

ARLOTTA Sì.

UOMO Domani mattina è pronta quella cosa, va bene?

ARLOTTA Va bene.

UOMO D’accordo? Quindi può mandare suo figlio, verso le undici può andare, va bene?

ARLOTTA Va bene, la ringrazio.

UOMO E se ha difficoltà parli con l’ingegnere Santoro, che è informato di tutto.

ARLOTTA Va bene.

UOMO Arrivederla.

Il contenuto della telefonata n. 3525 ore 11.50, del 10/03/2006 (rit 715) mostra come gli Arlotta conoscano i vari passaggi della pratica inerente la concessione; Arlotta Salvatore infatti riferisce al padre che la concessione deve ancora essere “battuta” , poi passata a Parlato (che non farà alcun problema) ed infine a Minutoli (sul comportamento del quale gli imprenditori nutrono dubbi). Gli spostamenti “di scrivania in scrivania” della pratica non possono che discendere dalle informazioni date loro da Ponzio a proposito del quale i due dicono che dall’ospedale di Busto Astirzio ove è ricoverato per un’operazione al cuore, ha telefonato ai colleghi per sapere se la concessione è stata rilasciata o meno.

PADRE Sì?

FIGLIO Papà?

PADRE Eh.

FIGLIO Unni si’ tu?

PADRE Cà, unni Luciano.

FIGLIO Unni, unni RIZZU?

PADRE Sì.

FIGLIO Hm. Va bene, vidi chi io staiu niscennu ‘i cà, dill’urbanistica, ah.

PADRE Eh.

FIGLIO Eh, praticamente.., annai cà, unni Giuvanni..

PADRE Eh.

FIGLIO ..e mi dissi Lunedì iddu ci ‘a manna ‘sta.., ‘sta concessione. Picchì l’havi dà, l’havi ‘a battiri, và.

PADRE Ma ‘u numeru no’ putemu sapiri?

FIGLIO Minchia, ‘u numeru ti dissi chi havi annari ‘a firma, prima. Me l’ha detto dieci volte lui.

PADRE Va bene. ‘U poi chiamari all’avvocato?

FIGLIO Io’ ‘u pozzu chiamari all’avvocato .

PADRE Eh. Dicu ma.., tu stamatina ‘u chiamasti pi’ sapiri a cu’ t’avivi ‘a rivolgere?

FIGLIO No, io’ no’ chiamai stamatina. Io’ avia annari unni Giovanni per altre cose.

PADRE Però vidi.., iddu mi pari chi.., l’ingegnere.., l’ingegnere.., l’ingegnere.., facci un coppu ‘i telefono, vidi si..

FIGLIO Picchì fra l’autri cosi mancu Nino Ponzio c’è per ora cà. Apposta non c’era Nino Ponzio.

PADRE Iddu parrai cu’ l’ingegnere.., chiamulu, và e t’’ ‘u fai diri d’iddu.

FIGLIO Va bene, ora ‘u chiamo, và.

PADRE Ma sicuru.., Lunedì t’ ‘a duna?

FIGLIO Papà non m’ ‘a duna Lunedì. ‘a concessione havi annari ‘e firme. Lui la deve preparare, come ufficio lui la deve battere, preparare e battere e poi ci l’havi ‘a passari all’architetto Parlato chi l’havi ‘a firmare come capo dirigente sezione e poi havi annari unni Minutoli. Eh, chista è ‘a prassi d’ ‘i concessioni.

PADRE Santoro, chi c’è un ingegnere Santoro docu?

FIGLIO Santoro?

PADRE Eh.

FIGLIO Eh, l’ingegnere Santoro mi pari chi è chiddu dà chi c’è ‘nta stanza cu’ Nino Ponzio. Sì ma iddu m’ ‘u dissi Giovanni chi già ci ‘u dissiru, ci telefonau puru, dice Nino Ponzio, di dà, di Busto Arsizio, chi è ‘o ‘spedale, Nino Ponzio, ‘u sapivi tu?

PADRE Eh.

FIGLIO Ci ficiru ‘u by pass e due.., e un pezzo d’aorta ci appiru ‘a canciari.

PADRE Ah, ah.

FIGLIO Dici chi annu p’un controllu e ci dissiru: << Dermu, settiti cà picchì hai deci ionna ‘i vita.>>.

PADRE (ride) Eh, e allura?

FIGLIO Quindi ‘u sapi iddu, ci arrivare giustamente ‘i telefonati. ‘u capia cu’ è Santoro, papà. Santoro è chiddu chi c’è ‘nta stanza cu’ Nino Ponzio. Parramuni chiaro.

PADRE Eh. E passici.., passici, docu.., docu vicini sunnu.

FIGLIO E ora ‘u chiamo all’avvocato, và, forza.

PADRE Eh.

FIGLIO Va bene?

PADRE Ci ha diri: << Io’ sugnu così.., ‘u sacciu – ci ha diri – mi dissiru chi ci arrivaru tutti i silurati, però prima di tannu non si poti fari.>>. Va bene?

FIGLIO No, iddu mi dissi.., Giovanni mi dissi chistu..

PADRE Eh.

FIGLIO ..dici: << Io’ ‘na vota c’ ‘a battu..>>..

PADRE Eh.

FIGLIO ..dici: << Poi i pressioni – dici – l’ati ‘a fari giustamente supra a Parlato e ‘a firmati e supra a Minutoli soprattutto.>>.capisti? <>.

PADRE Cu’ Parlato problema non ci n’è.

FIGLIO Parlato ‘u sacciu chi non ci n’è problema, però unni Minutoli, giustamente, s’havi ‘a vidiri.

PADRE Va bene.

FIGLIO Va bene? quindi, nui facemula nesciri di cà, io’ è inutile chi parru.., io’ ora ci telefono all’avvocato, ‘u stissu.

PADRE Va bene.

Illuminante ancora della partecipazione degli imprenditori agli accordi stipulati con Fortino (ed i “soci” dello stesso) è la conversazione n. 3640 n. 3640 ore 10.12, del 14/03/2006 fra Arlotta e Magazzù Giovanni in cui il primo lamenta le continue pressioni che subisce da Fortino. Magazzù suggerisce ad Arlotta di rispondere che non possono dare soldi senza avere prima il numero della concessione, necessario per la stipula dei compromessi. Ancor più significativa la conversazione nella parte in cui Magazzù mostra di avere piena consapevolezza dell’entità del debito e delle mensilità arretrate.

UOMO Sì, Margherita.

ARLOTTA Sì, buongiorno, sono Arlotta, c’è Magazzu’?

UOMO Un attimino, attenda.

MAGAZZU’ Pronto?

ARLOTTA Sì, Magazzu’.

MAGAZZU’ Amico Arlotta, buongiorno.

ARLOTTA Buongiorno. Dicu, c’avemu ‘a fari cu’ chistu? Dicu stamatina.., havi.., havi ‘na simana chi mi telefona e non mi fa reggiri ‘i nudda manera.

MAGAZZU’ Eh. Chi ti pozzu diri. Dicci mi ‘spetta ‘n’autra para ‘i ionna.

ARLOTTA E non si’ po’ ‘spettari, io..

MAGAZZU’ Ah.., stamatina Salvatori annau dà?

ARLOTTA Sì, sì.

MAGAZZU’ Eh, si ci dugnunu ‘u numeru pigghio a me’ frati chiama subitu ‘u.., e ni incassami l’assegnu. Io’ ‘na lira si mi vutati suttasupra ‘a ‘stu mumentu non l’haiu.

ARLOTTA Io’ non sacciu chiù comu mi l’è livari..

MAGAZZU’ Eh, ma picchì non ci dici ‘a verità? Eh.

ARLOTTA E non ci dissi ‘a verità? Ci dissi ‘a verità e iddu havi..

MAGAZZU’ Iddu, ora stamu..

ARLOTTA ..i so’ problemi, havi i so’ cosi, havi chiddu, havi s’autru, havi..

MAGAZZU’ Eh, e nui.., e nui non avemu puru nui i nostri problemi, ci ha diri nui stamu aspettannu mi ni dugnunu u numeru così pigghia e ci brucia ‘u culu puru a iddu, e avemu.., avemu l’assegnu e non n’ ‘u putemu incassari. E sunnu pronti mi vi damu. Così pigghia e ci fannu primura puru iddi, no.

ARLOTTA Ma ci fici premura iddu aieri.

MAGAZZU’ Ora videmu chi dici Savvaturi. Picchì magari ‘u chiamamu ‘u primu ‘i tutti, ci facemu u compromessu e ni incassami l’assegni. Non ha.., io’ ‘na lira non l’haiu Arlotta, magari chi ci vurria dari non ho una lira. Sugnu su.., sugnu scopertu. Picchì havia l’assegnu ‘i ventimila euru e mi.., e mi ritunnau arreti.

ARLOTTA Magazzu’ io’ com’adora haiu un cori bruciatu (…..) mi non ci sentu apriri ‘a bucca (…..) ‘na lira mancu io’ n’haiu, picchì sinnò ci avissi stuppatu ‘a bucca a ‘stu pezzu di merda.

MAGAZZU’ Eh. Fallu ‘spittari ‘n’autra para ‘i ionna, videmu si iddu stamatina ci dugnu ‘u numeru, io’ pigghia e ci dicu a me’ frati mi chiama subitu ‘u primu chi havi l’assegnu, ‘u scanciamu e ci damu.

ARLOTTA Va bene. io’ dumani matina ‘e novi.., ‘e deci haiu l’appuntamentu dà, ‘o cosu commerciale.

MAGAZZU’ Cu’.., cu’ Bonina?

ARLOTTA Sì.., no, cu’ un catanisi.

MAGAZZU’ Eh?

ARLOTTA Eh. (…..) pigghiamu chiù ‘ssai. Capisti?

MAGAZZU’ Eh, certo.

ARLOTTA Ci ‘u dissi puru a Santino.

MAGAZZU’ Va bene, forza, n’hamu ‘a fari forza pi’ partiri, Arlotta.

ARLOTTA Ah?

MAGAZZU’ Hamu ‘a fari forza pi’ partiri, quantu rientramu, picchì io’ sugnu.., ristai ‘sciuttu. Ma sciuttu comu un ossu. Picchì cà, ‘o margherita travagghiu ci n’havi ‘a statu picca, soddi non n’ha pututu

pigghiari, a.., avemu tanti soddi pedi pedi e non ni riniscemu a incassari, e.., sunnu momenti tristi pi’ tutti, eh, chi vu.., chiddi sittati arreti ‘a scrivania pigghia e fannu traficu.

ARLOTTA Eh, ‘u sacciu, però.., però cu’ ci va sutta ‘e pedi sugnu sempri io’, picchì malidittu di quannu ci accettau ‘u fattu di ‘sti cosi, picchì ci dava ‘a permuta e.., e così erumu puliti tutti.

MAGAZZU’ Eh, esatto.

ARLOTTA Vero è?

MAGAZZU’ Eh, ma siccomi vosiru iddi ‘i ‘sta manera! Iddi pressaru pi’ fari ‘i ‘sta manera. Va bene, Arlotta, non ni piddemu di curaggiu.

ARLOTTA No, non mi peddu ‘i curaggiu, e.., picchì m’ha cridiri, ogni matina, avanti chi pattu, chistu mi.., mi faci cadiri malatu.

MAGAZZU’ Eh.

ARLOTTA Capisti?

MAGAZZU’ Fa.., facemu so.., sollecitu mi ni dugnunu ‘stu numeru, quantu facemu ‘u co.., quacchi compromesso.

ARLOTTA Va bene. dicu, appena ‘i pigghiamu, pi’ favureddu, così..

MAGAZZU’ Eh.

ARLOTTA ..damuccilli, puru chi ci hamu ‘a dari acchi cosa dill’autru misi, quantu ci stuppamu ‘a bucca.

MAGAZZU’ Sissignore, certo, così ristamu.

ARLOTTA Eh?

MAGAZZU’ Certo.

ARLOTTA Va bene?

MAGAZZU’ Va bene.

ARLOTTA Picchì nui semu du’ misi già arreti.

MAGAZZU’ E ci ni damu du’ misi, comu..

ARLOTTA Ci ni damu tri misi. Dicu, si ‘i pigghiamu ci ni damu tri misi.

MAGAZZU’ Ci ni damu tri misi si.., si l’avemu ‘a possibilità, Arlotta. Videmu comu semu. Quarantacinque mila euro chi misimu l’autra vota, ni l’avissimu ‘a pigghiari quacchi cosa, picchì io’ sugnu senza ‘na lira, completo. Va bene, videmu si putemu.., si putemu fari tri, ci damu, così pigghia e stamu.., almenu stamu tranquilli ‘na para ‘i misi.

ARLOTTA Va bene.

MAGAZZU’ Va bene, và, ni sintemu.

ARLOTTA Va bene, Magazzu’, videmu..

MAGAZZU’

Le superiori telefonate sono seguite da numerose altre che si collocano fra il 13.03.06 ed il 23.03.06 dello stesso tenore delle prime.

Ve ne sono, infatti, varie fra Fortino e Ponzio in cui i due discutono della mancata firma della concessione da parte di Parlato, poi dal Minutoli e sugli interventi anche veementi da effettuare sui funzionari dell’urbanistica per accelerare la pratica anche per il tramite di Bonanno e di Gierotto (rit 669/05: 6846, 6849,6854,6877,6892, 6894, 6897, 6898, 6900, 6901, 6902, 6905, 6912, 6913, 6917,6918, 6919, 6949, 6957, 6958, 6959, 6961,6974, 6975, 6996,6997, 6998,7000,7007,7008,7009,7011,7012,7013,7014,7031, 7088, 7155,7190,7220,7221,7222,7383,7250,7254,7385,7387,

7043,7637,7953). Fra le altre si segnala la conversazione fra Bonanno e l’onorevole Ricevuto in cui il primo chiede al secondo di contattare il Minutoli (sul rit 63/06 n.1721). Anche il Gierotto attiva i suoi contatti in particolare con l’assessore Catalioto (anzi vanta l’efficacia del suo intervento). Ad ogni informazione acquisita poi Fortino telefona ad Arlotta per ragguagliarlo sullo stato della procedura ed al figlio perché convinca il padre ed i soci dello stesso ad onorare gli impegni da tutti presi. Fortino poi in più occasioni minaccia Arlotta di registrare i compromessi di cui ha la disponibilità. Seguono alle richieste insistenti di denaro fatte da Fortino i dialoghi fra gli imprenditori che si interrogano sul da farsi; si segnala in particolare la conversazione n. 4279 (rit 715) in cui parlano Magazzù Santi e Magazzù Giovanni dei compromessi da concludere e del denaro da dare a Fortino ed ai soci dello stesso). Tali dialoghi sconfessano le dichiarazioni rese in sede di interrogatorio dagli imprenditori imputati che hanno sostenuto di essere all’oscuro degli obblighi assunti da Arlotta con Fortino.

Sempre dello stesso periodo sono le telefonate fra Ponzio e Fortino in cui il primo chiede al secondo se vi sono novità per lui (dal collegamento logico e cronologico fra questa, le precedenti e successive conversazioni si comprende che le novità altro non sono che gli attesi pagamenti da parte degli imprenditori); di analogo contenuto altre fra Fortino da una parte e Gierotto o Bonanno dall’altra.

Conversazione n. 6846 ore 12.32 del 13/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata dall’utenza n. 349/062534 in uso a PONZIO Antonino.

PUCCI Pronto?

NINO Pucci?

PUCCI Nino, come stai?

NINO Ciao, gioia. Eh, un po’ meglio, Pucci, grazie a Dio, sì.

PUCCI Meno male, meno male, sono felice, sono contento. Senti, Nino, sai che ti volevo dire? Niente, questi ancora, questi due bastardi del comune non hanno fatto niente.

NINO Minchia..

PUCCI Io sono..

NINO Eh?

PUCCI ..sono veramente nei guai, perché ci ho tutte una serie di (…) che sono state prorogate e sono veramente nei guai.

NINO Vero?

PUCCI Non so, se vuoi chiamare tu a SANTORO di nuovo.

NINO Certo che lo chiamo.

PUCCI Io non so per quale motivo..

NINO Almeno per darti il numero, certo.

PUCCI ..avevano detto che venerdì glielo davano, siamo a Lunedì.

NINO Certo, certo.

PUCCI Mi fai la cortesia, Nino?

NINO Certo, sto chiamando.

PUCCI Va bene, mi fai sapere.

NINO Ora chiamo. Ciao, certo, ciao.

Conversazione n. 6849 ore 12.54 del 13/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/062534 in uso a PONZIO Antonino.

NINO Pronto?

PUCCI Nino?

NINO Pucci.

PUCCI Sei riuscito a chiamare?

NINO Ho chiamato.., sì, ho chiamato a Nunzio SANTORO, perché il perno principale là dentro è lui no?

PUCCI Sì.

NINO Ci dissi: << Senti, mi fai ‘sta cortesia? Mi telefonau l’avvocatu, ma chiddu chi fa, ni pigghiau in giru? Ci l’havi ci ‘u fa e non si ni parra chiù. Ma chi ci voli mi ci dugna ‘u numeru ‘i protocollo? D’altronde lui ha un protocollo là, lui che cosa fa? Prende, dice questa concessione qua gliela mettiamo a questo numero di protocollo e a iddu chiddu ci giuva e basta e ha risolto il problema. >>.

PUCCI Certo. E allora?

NINO Dice: << Nino sono fuori, – dice – sto rientrando, – dice – io fra.., fra mezz’ora sono in ufficio. Non ti preoccupare che fra menz’ura io’ vaiu e ‘u trovu, non ti preoccupare. Va bene, ora m’ ‘a vidu io’ – mi dissi – va bene.>>.

PUCCI Ho capito.

NINO Quindi aspetto che lui mi chiami.

PUCCI Certo, certo.

NINO Ma tu perché non hai chiamato lui direttamente?

PUCCI Ma io.., ho chiamato venerdì, Nino, Giovedì.

NINO A lui fa.., va bè, ma a lui fa piacere se lo chiami. L’ingegnere SANTORO?

PUCCI Sì.

NINO L’ingegnere SANTORO sai cos’è per me? Vadda, iddu pi’ mia si faria tagghiari in quattru, basta sapiri chi tu si’ amicu mei e quello.., e lui sa quanto ci tengo a te, lui si fa in quattro per te, certo.

PUCCI Sì, no, ho capito, Nino, ma io l’avevo chiamato e lui mi aveva detto che ie.., venerdì sarebbe stata pronta.

NINO Eh. Invece no.

PUCCI Eh, e invece no.

NINO Lo potevi chiamare pure sta.., pure in giornata stesso.

PUCCI Hm.

NINO D’accordo, comunque, lui sta provvedendo in ogni caso.

PUCCI Va bene, ora io.., ti chiamo fra un’oretta allora.

……………….

Conversazione n. 6854 ore 13.44 del 13/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 333/1020734 in uso ad ARLOTTA Giovanni.

ARLOTTA Pronto?

AVVOCATO Signor ARLOTTA?

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO Domani mattina si può andare a prendere ‘sto numero.

ARLOTTA Domani mattino?

AVVOCATO Sì, anche.., suo figlio doveva andare oggi e non è andato.

ARLOTTA No, ancora cà è me’ figghiu, po’ annari.

AVVOCATO Eh, ma è chiuso, sono le due, eh.., chi trova? Non trova più nessuno. Deve andare da.., sempre dall’ingegnere SANTORO.

ARLOTTA Domani mattina?

AVVOCATO Eh, domani mattina. Senta, ma io Giovedì quella scadenza..?

ARLOTTA Ora vediamo.., vediamo, avvocato.

AVVOCATO No, signor ARLOTTA, io poi devo partire dieci giorni. No.., non c’è possibilità, lei parli con i suoi soci, gli dica..

ARLOTTA Va bene, ora vediamo.

………..

Conversazione n. 6877 ore 9.30 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 333/1020734 in uso ad ARLOTTA Giovanni

ARLOTTA Pronto?

AVVOCATO Signor Arlotta, buongiorno.

ARLOTTA Sì.

AVVOCATO Senta, lei mi deve confermare che Giovedì mattina presto ci dobbiamo vedere.

ARLOTTA Avvocato, stamatina non ci pozzu confermare niente, staiu.., io’ staiu.., sugnu cà chi staiu telefonannu pi’ vidimi chiddu chi pozzu fari. Ancora non ci pozzu confermare nenti io’. Sono in ufficio che sto..

AVVOCATO No, no, non è.., non è il problema di confermare, il problema è che lei va dai suoi amici e gli dice che praticamente Giovedì mattina loro..

ARLOTTA No..

AVVOCATO ..non me ne frega un cazzo di quello che devono fare, sono cazzi suoi, ci sono tre scadenze già scadute..

ARLOTTA Sissignore, sì.

AVVOCATO ..non me ne frega nulla.

ARLOTTA Avvocato, sto facendo questo.

AVVOCATO Eh, mi faccia ‘sta cortesia. Io giovedì pomeriggio devo partire, poi manco dieci giorni, devo sistemare tutte le cose che devo fare quindi io non ci..

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO ..non ci ho.., non c’è un minuto oltre giovedì mattina alle nove, quindi io glielo dico, è da un pezzo che siamo qua a telefonarci, basta. Non mi faccia più chiamare.

ARLOTTA Avvocato.., avvocato..

AVVOCATO Lei sa quello che deve fare.

ARLOTTA Dicu io’ sugnu cà pi’ sistimari ‘sti cosi cà.

AVVOCATO Va bene.

ARLOTTA Non staiu partennu. Videmu chiddu chi pozzu..

AVVOCATO Siccome lei mi dice << Non posso confermare >>, lei.., a me non interessa quello che lei..

ARLOTTA No..

AVVOCATO ..lei deve confermare.

ARLOTTA ..scusi, ma.., no.., devo.., (non si sente a causa di interruzioni alla linea) sugnu cà chi staiu aspettannu ‘a risposta.

AVVOCATO Va bene, io le sto dicendo che non posso ulteriormente ritardare oltre le nove di giovedì. Quindi lei faccia.., lei si regoli.., gliel’ho detto pure a suo figlio ieri..

Conversazione n. 6892, ore 11.40 del 14/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata dall’utenza n. 348/4030285, in uso all’ingegnere ARLOTTA Salvatore.

AVVOCATO Pronto?

INGEGNERE Sì, avvocato?

AVVOCATO Ingegnere, allora.., da MINUTOLI non è ancora arrivato ‘sto coso, quindi arlo.., coso.., ce l’ha ancora PARLATO e lo deve firmare, questo è una specie di.., di.., di.., di animale.

INGEGNERE Hm.

AVVOCATO Ora che fa, lei può andare da PARLATO? Perché Nino.., ho chiamato a coso, a.., a Nino PONZIO e è in riabilitazione dal medico, non mi può parlare, ho telefonato a SANTORO e non mi risponde più, ho telefonato a Umberto BONANNO che lo conosceva e non c’è.., non mi può rispondere. Ora io non lo so, io non ho buoni rapporti con questo.

INGEGNERE Io.., diciamo, i rapporti che ho tramite LA CAVA. Vediamo, vediamo quello che posso fare, và.

AVVOCATO No, ma io dico se lei va..

INGEGNERE Hm.

AVVOCATO ..perchè lui era.., era stato già sollecitato dall’ingegnere SANTORO e aveva detto che ieri avrebbe firmato. Dove cazzo è ‘sta cosa? Perché da MINUTOLI non è arrivato. Hanno preso l’elenco e non c’è.

INGEGNERE Va bè, mi fa.., mi faccia vedere.

AVVOCATO E mi richiama lei?

INGEGNERE Sì, la richiamo io, sì.

AVVOCATO Fra dieci minuti, un quarto d’ora posso intervenire di nuovo con SANTORO sennò.

INGEGNERE Mi faccia vedere e la richiamo io?

……………….

Conversazione n. 6894 ore 11.46 del 14/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata dall’utenza n. 348/4030285, in uso all’ingegnere ARLOTTA Salvatore.

AVVOCATO Pronto?

INGEGNERE E allora, avvocato.

AVVOCATO Sì, ingegnere.

INGEGNERE La.., il problema è questo: io sono riuscito a parlare con LA CAVA, LA CAVA gliel’ha passata ieri a PARLATO che la doveva semplicemente firmare. Ora PARLATO stamattina non c’è, perché è in conferenza di servizio, non so, quindi praticamente è come se non ci fosse, va.

AVVOCATO Sì.

INGEGNERE Tutta ‘a matinata. Ora, giustamente, dico, se lui non c’è e non l’ha fatto, eh.., si non c’è no’ po’ fari, quindi lo.., lo farà.., non lo so, se oggi pomeriggio hanno loro rientro, non lo.., questo non glielo so dire.

AVVOCATO Oggi pomeriggio potrebbe essere firmata, no?

INGEGNERE E come?

AVVOCATO Adesso mi.., mi interesso io attraverso Nino PONZIO, perché non.., non sono riuscito a rintracciarlo perché era in.., in.., in riabilitazione dal medico..

INGEGNERE Hm. Hm. Hm.

AVVOCATO ..e, in palestra, e quindi non c’era.

INGEGNERE Comunque io..

AVVOCATO Ora però..

INGEGNERE ..mi ascolti, io in qualsiasi caso, domani mattina, rientra LA CAVA. Quindi io sono qua.

AVVOCATO Sì.
INGEGNERE Dico. Quindi io domani mattina, diciamo, personalmente posso avere un.., un appiglio maggiore, ecco, questo le voglio dire.

AVVOCATO No, no, ma io devo risolverla oggi, perché a questo punto se.., se PARLATO mi fa la cortesia, a mezzo Nino PONZIO, la firma.., gliela porta a MINUTOLI e se la fa firmare, e se la tiene lui, io so che praticamente ce l’ha lui già firmata, ecco, è inutile che aspettiamo.., facciamo un discorso normale, sennò domani.., neanche domani ce l’ha lei ‘sta cosa.

INGEGNERE No, ma.., non ci siamo capiti. Mi ascolti, dico, il fatto di.., di sistemarla..

AVVOCATO Eh.

INGEGNERE ..questo è a prescindere, cioè, nel senso.., forse non mi sono spiegato io. E’ inutile che io aspetto qua, va, mi segue?

AVVOCATO No. No, no, è inutile, se ne vada, certo. Ora la..

INGEGNERE Io non posso fare più niente. Cioè la cosa deve..

AVVOCATO No, no, no, ora ci penso io, ci penso io, sì. Se lei.., eventualmente, dico..

INGEGNERE Io domani mattina scendo, io eventualmente mi prendo tutto quanto..

AVVOCATO Allora domani.., oggi pomeriggio lei perché non (la linea è disturbata) perché io glielo risolvo il problema, (…) dall’urbanistica alle quattro. Ce l’avete già là. Se io lo risolvo il problema, dico, faccia conto che io entro l’una risolvo il problema..

INGEGNERE Dico, mi fa un colpo di telefono e io pomeriggio avvicino.

…………………………………..

Conversazione n. 6897 ore 11.57 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 in uso a PONZIO Antonino.

…………………

PUCCI Sì. Senti Nino, ti volevo dire.., io ti disturbo per questo..

NINO No, gioia..

PUCCI Questa cosa di ARLOTTA non si è risolta, per un semplice motivo, perché LA CAVA ieri l’ha firmato e gliel’ha portato a PARLATO..

NINO Eh.

PUCCI ..Eh, stamattina è andato ARLOTTA là e PARLATO è in conferenza di servizio e non c’è e non gliel’ha né firmata né passata a MINUTOLI per la firma.

NINO Ah sì?

PUCCI E quindi che debbo fare?

NINO Ed è.., e..,

PUCCI Tu non..

NINO ..ed è in conferenza di servizio?

PUCCI Dice che è in con.., tu non ce l’hai il telefonino di PARLATO?

NINO Certo che ce l’ho.

PUCCI E no’ poi chiamari e ci dici si.., se ci fa questa.., questa grazia?

NINO Sì, perché io ieri sera poi mi ha chiamato a me l’ingegnere SANTORO.

PUCCI Sì, lo so, me l’ha detto.

NINO E così e mi mi dice che dopo gliela porta da PARLATO a MINUTOLI, la firma e gliela danno la copia che è valida a tutti gli effetti.

PUCCI Ho capito, però, dico, se PARLATO se la tiene e non la firma, praticamente questo discorso non.., non va da MINUTOLI dovrebbe fa.., fare la cortesia di.., PARLATO di firmarla, portarla da MINUTOLI e..

NINO Però Pucci.., però Pucci tu hai ragione, ma se quello è stato invitato ad una conferenza di servizi ed ha una sorta di responsabilità nei confronti dell’amministrazione, comu fa ‘stu poveru Gesù Cristu? E’ un guaio. Credimi.

PUCCI No, ma dico, almeno ti può dire se lo può fare oggi pomeriggio.

NINO Oggi che è Martedì? Sì, oggi sì.

PUCCI Eh, questo.., lo potresti..

NINO Ora chiamo..

PUCCI Lo potresti chiamare e ci può dire se.., se.., se oggi pomeriggio posso mandare qualcuno per ritirare ‘sta licenza.

NINO Sì, sì, certo.

PUCCI Lui dovrebbe firmarla, portarla da MINUTOLI e oggi pomeriggio essere pronta.

NINO Certo, certo. Bisogna vidiri se me lo firma subito, però Pucci, questa è la storia. Comunque ora..

PUCCI Io ho parlato con SCINALDI e mi ha detto sì.

NINO Ah, va bene, meno male. Allora facciamo una cosa, ora provvedo con PARLATO e..

PUCCI Va bene, mi fai sapere?

NINO ..e ti comunico. Certo!

…………………………………..

Conversazione n. 6898 ore 12.07 del 14/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata dall’utenza n. 349/0625534 in uso a PONZIO Antonino.

PUCCI Sì, Nino.

NINO Franco.., e.., Pucci, allora, l’ho rintracciato finalmente. Meno male chi avia ‘n’autru numero di telefono..

PUCCI Sì.

NINO ..privato.

PUCCI Sì.

NINO E.., niente, mi ha detto, dice: << Nino – dice – non aviri preoccupazioni so tutto. Io – dice – son dovuto andare alla conferenza di servizio e ho finito. Ora vediamo se ci arrivo, mi devo sbrigare due cose, vado in ufficio, sennò di primo pomeriggio tu sai che io sono là che è giornata di ricevimento, per cui, la firmo e gliela passo subito a MINUTOLI, non ti preoccupare, Nino.>>.

PUCCI Va bene.

NINO << So che ti interessa, non aviri preoccupazioni.>>.

PUCCI Va bene, allora, praticamente, gliela passa lui a MINUTOLI?

NINO Ha detto che gliela passa lui direttamente.

PUCCI Quindi..

NINO Oggi la prima cosa che fa è quella, quindi, almeno così mi ha detto..

PUCCI Ho capito. Va bene, d’accordo, d’accordo. Quindi, dico, io posso dire a ca.., ad ARLOTTA di andare a prendersela stasera? Mi pare difficile, perché..

NINO Ma io direi che lui.., ma io direi che vada verso le quattro, così, va a parlare da PARLATO e glielo dice se l’ha già firmata.

PUCCI Sì, sì, sì.

NINO So che l’ha firmata, architetto, sì. Se ce l’ha..

PUCCI Va bene, Nino. Va bene, d’accordo.

Conversazione n. 6900 ore 12.21 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 in uso a PONZIO Antonino.

NINO Sì, pronto.

PUCCI Sì, pronto, Nino?

NINO Sì, dimmi Pucci.

PUCCI Ti volevo dire e.., ho parlato con.., con coso.., con ARLOTTA, al quale ho riferito questo discorso.

NINO Sì.

PUCCI Lui dice, non so se tu te lo ricordi, ma una volta che firma MINUTOLI, il numero.., deve tornare da LA CAVA per dare il numero?

NINO No, no, no, no, deve fare soltanto la registrazione e comunica l’inizio dei lavori.

PUCCI No, non mi sono spiegato, dico io questa.., questa.., dopo la firma di MINUTOLI la.., questa concessione va di nuovo da LA CAVA che dà il numero?

NINO No, va da LA CAVA e gli consegna la concessione.

PUCCI Eh, ho capito, ma dico il numero..

NINO Ma il numero c’è già.

PUCCI No, non c’è già, dice che venivano fatti dopo la firma? No?

NINO No, il numero c’è già nella concessione edilizia, no, gliel’ha messo, no.

PUCCI No dici tu?

NINO Che vuole dire. Certo che firma chiddu? ‘Na concessione senza numero?

PUCCI Ma, dico, sai che possiamo fare? Se tu oggi pomeriggio, quando parli con PARLATO, gli dici se.., se se lo fa firmare da MINUTOLI, così io mando dire..

NINO No. No, no, non ha un buon rapporto con MINUTOLI, no, assolutamente.

PUCCI A no?

NINO Tu mi hai detto che hai parlato con coso.., con..

PUCCI Con SCINALDI.

NINO Eh.

PUCCI Ma se lui gliela deve portare (…) a MINUTOLI.

NINO Sì, ma mi ha detto che lo fa però.

PUCCI Ah, lo fa, lo fa.

NINO Sì, mi ha detto che gliela porta direttamente a SCINALDI.

PUCCI Va bene, va bene, d’accordo.

…………………

Conversazione n. 6901 ore 12.25 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

INGEGNERE Sì, pronto?

AVVOCATO Ingegnere?

INGEGNERE Sì.

AVVOCATO Allora, Nino.., Nino PONZIO mi diceva che il numero a quest’ora c’è già, perché una volta firmata da PARLATO ci deve essere già, firmata da LA CAVA ci deve essere già il numero.

INGEGNERE Hm, va bene, allora..

AVVOCATO Lui così dice.

INGEGNERE Quindi..

AVVOCATO Secondo me, per andare a fare un discorso più pratico, se lei oggi pomeriggio o.., avvicina lei da.., da PARLATO..

INGEGNERE Hm.

AVVOCATO ..le dirà, praticamente.., le può fare pure una fotocopia di quello che.., una volta che è firmata da lui, così lei ci ha.., oppure si può fare dare il numero. E domani.., perché poi si deve registrare la concessione.

INGEGNERE Certo.

AVVOCATO Registrare, no, giusto?

INGEGNERE Certo. E il tempo poi se ne va comunque, a noi interessava il numero, più che altro, no?

AVVOCATO Ecco, questo dico io, e appunto dico io. Quindi non c’è bisogno.., quindi io credo che quando lei oggi pomeriggio va, ce l’ha. Sennò se lei non vuole andare, io attraverso Nino PONZIO mi faccio dare il numero io. E glielo comunico, perché sicuramente..

INGEGNERE No, allora.., qua.., dico, tanto..

AVVOCATO Lui sta rientrando al comune. Se ha un buon rapporto con PARLATO può darsi pure che lo fa a fine mattinata, prima di andarsene a.., a mangiare. E a questo punto così lei non fa.., non perde.., non perde la venuta. A Messina.

INGEGNERE Hm.

AVVOCATO Hm. Perché lui mi ha detto che aveva finito e che stava andando al comune. Non sapeva se arrivava materialmente in mattinata a firmarla e a portarla a MINUTOLI, ma sicuramente se non l’avesse.., se non fosse arrivato di mattina sarebbe arrivato di primo pomeriggio, alle tre. Questo è quello che gli ha detto a Nino.

INGEGNERE Hm.

AVVOCATO Dice che ci ha detto: << so che ti interessa stai tranquillo che è una cosa che ti faccio senz’altro. >>. Quindi, se lui già con la firma ci abbiamo già il numero, va, poi alla fine ce ne freghiamo quando firma MINUTOLI, non so se mi sono spiegato.

INGEGNERE Ho capito.

AVVOCATO Se invece dobbiamo aspettare a MINUTOLI, allora me ne devo interessare nel pomeriggio io.

INGEGNERE Però sa qual è.., però lo sa qual è il discorso? Io ritengo che se LA CAVA avesse avuto (si interrompe la linea).

AVVOCATO E certo.

INGEGNERE Penso io, ah. Io posso chiamare la.., facciamo una cosa, avvocato, mi faccia chiamare LA CAVA e vediamo che mi dice lui.

AVVOCATO Sì, perché se il numero c’è già, a questo punto io..

INGEGNERE Se c’è già a questo punto io aspetto.

AVVOCATO Me lo faccio dare da PARLATO, giusto?

INGEGNERE Ecco, dico se c’è.

…………….

Conversazione n. 6902 ore 12.25 del 14/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

AVVOCATO Pronto?

INGEGNERE E allora, avvocato.

AVVOCATO Ingegnere.

INGEGNERE Funziona così, come le dicevo io. Del resto!

AVVOCATO Ancora non ci ha numero?

ARLOTTA No perché.., no perché io sia esperto, assolutamente.

AVVOCATO Sì.

ARLOTTA E allora, la firma PARLATO..

AVVOCATO Sì.

ARLOTTA ..il direttore, diciamo, del dipartimento. La firma MINUTOLI, perché è il capo dell’urbanistica, dopo di che, ritorna all’ufficio, non proprio da LA CAVA ma accanto, protocollo (…) si chiama. Là gli mettono il numero, materialmente.

AVVOCATO E quindi prima di domani mattina non è possibile.

INGEGNERE Ora che cosa mi diceva LA CAVA? Dice: << E’ inutile che lei aspetta, perché ammesso che MINUTOLI ..>>.. (si interrompe la linea)..

AVVOCATO Sì.

INGEGNERE ..dice, << vaia, prima di dumani matina è (…) parlare >>..

AVVOCATO E lo so.

INGEGNERE Ora noi possiamo fare una cosa, avvocato, se lei riesce a sapere questo numero oggi pomeriggio, me.., e me lo dà telefonicamente noi anticipiamo qualcosa, sicuramente. Sennò domani mattina..

AVVOCATO Va bene, ritorna lei, va bene, ci risentiamo nel pomeriggio.

INGEGNERE Però l’importante.., l’importante, avvocato, la cosa che le chiedo mi ci facemu firmari, picchì sennò dumani matinu semu..

AVVOCATO Sì, no, tranquillo. A questo ci penso io.

INGEGNERE Questo, dico, qua è un discorso..

AVVOCATO Senta, ingegnere, io la prego di quella cortesia di ieri sera, perché per me è assolutamente essenziale.

INGEGNERE Sì, me l’ha detto stamattina mio padre, l’ho visto io, però..

AVVOCATO Sì, sì. Eh.., lo so.., però guardi i.., i signori che sono soci si devono mettere in testa che le scadenze, al di là di quelle che sono le.., le cose, vanno rispettate. Sono tre.., tre scadenze, non è possibile questo discorso, non è possibile. Io tra l’altro le ripeto..

INGEGNERE Avvocato.., avvocato..

AVVOCATO ..guardi ingegnere..

INGEGNERE ..no mi ascolti, mi ascolti. Lei ha pie.., perfettamente ragione, però dico si.., questo problema, giustamente, sta sorgendo in

questo momento perché si deve partire questa cosa e lei sa benissimo tutti i retroscena, è inutile che io glieli sto a raccontare.

AVVOCATO Sì, sì, lo so, lo so.

INGEGNERE Io non.., non penso che sia una cosa voluta, o volutamente fatta, ecco, mi segua nel mio discorso.

AVVOCATO No, ma io lo escludo. Però..

INGEGNERE Ecco, nella maniera..

AVVOCATO ..però..

INGEGNERE ..più assoluta, dico, ah.

AVVOCATO ..lo escludo, però praticamente dico io, al di là di ogni discorso..

INGEGNERE Anche perché penso che lei ha conosciuto mio padre e quindi sa..

AVVOCATO No, no, su.., guardi, su suo padre io lo sa, ci ho stima e affetto e tranquillità, sotto questo profilo.., però io a questo punto lo sto chiedendo come discorso mio di cortesia. Siccome io Venerdì.., Giovedì sera parto (…) manco dieci giorni devo risolvere una serie di problemi che sono connessi e.., e per cui io sono responsabile. Quindi lei mi deve fare questa cortesia, non dico tutto, ma quello che è il po.., diciamo un minimo indispensabile in maniera tale che praticamente ‘sta cosa io.., io me ne vado con tranquillità. Sennò manco posso partire e dopo tutti gli impegni che ho preso fuori, non posso farne a meno, quindi in qualche maniera loro si devono trovare, li anticipano, poi pazienza, poi se li recuperano dopo. Eh, questo è il discorso. Quindi io le.., le ho spiegato qual è la.., non sono.., non sto facendo delle.., delle richieste.., mi sente?

INGEGNERE Sì, la sento avvocato.

AVVOCATO Quindi non sto facendo delle richieste che sono campate in aria, né ce l’ho con nessuno..

INGEGNERE Noo..

AVVOCATO ..sono.., ho delle esigenze.., nei confronti di suo padre, per carità, l’affetto e la stima più grande, però ho bisogno necessariamente di risolvere ‘sto problema, quindi vedete in qualche maniera come potete fare, ecco. O.., non sarà al cento per cento, sarà al settanta, al sessanta, al cinquanta, ma intanto troviamo una soluzione momentanea, prima che io possa partire, va bene?

INGEGNERE Va bene, avvocato, per intanto tiriamo fuori questo numero e forse risolviamo diversi problemi.

Conversazione n. 6905 ore 12.53 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 in uso a PONZIO Antonino.

NINO Pronto?

PUCCI Nino?

NINO Ehi, Pucci.

PUCCI Allora, senti Nino, guarda, il discorso è questo, perché.., abbiamo parlato al comune, e il numero lo danno dopo che firma MINUTOLI.

NINO Ah, sì?

PUCCI E sì. Perché non lo..

NINO E’.., è strano ‘sto fatto, va bene.

PUCCI No, è così Nino. E’ così. Arrivato a questo punto..

NINO Allora.., allora hanno modificato un po’ tutto. Anche perché loro mi dicono ora, recente novità, che io non sapevo, che.., non va più in (…), si fa la registrazione e via. E lui comunica l’inizio dei lavori.

PUCCI Sì, lo so, lo so, questo lo so. Però il problema è uno, praticamente non possiamo avere numero se praticamente oggi PARLATO non va da MINUTOLI, lo fa firmare e poi MINUTOLI glielo passa a un ufficio vicino, che non so che cazzo di ufficio è, ed è tutto bloccato con.., con le cose che sai tu, in relazione a questo, se non abbiamo ‘sto numero è come se non abbiamo fatto nulla.

NINO Pucciceddu, hai ragione. Io quello che potevo fare, credimi, l’ho fatto..

PUCCI Io che cosa.., io cosa posso fare per sbloccarlo?

NINO Dovresti.., dovresti a questo punto telefonare a MINUTOLI.

PUCCI Secondo me tu ti dovresti ricordare di chiamare a PARLATO per ricordargli di portarla a MINUTOLI firmata. Poi io parlo con SCINALDI..

NINO Ma sai Pucci.., sai Pucci, la.., la considero come una sorta di.., che ti posso dire, di.., voglio dire.., di mancanza di fiducia, perché lui mi ha detto: << Nino, non ti preoccupare, so tutto, oggi faccio tutto >>, m’ha detto.

PUCCI Va bene, allora..

NINO Io.., io invece di chiamare lui, chiamo a Nunzio SANTORO e glielo faccio dire a lui.

PUCCI Se Nunzio SANTORO..

NINO Come.., come s’è fatto..

PUCCI ..no, se Nunzio SANTORO si può fare, diciamo, promotore di farla firmare a MINUTOLI e di farla.., metterci ‘stu numero stasera.

NINO Vedi Pucci, sai qual è il guaio Pucci? Che con MINUTOLI non va d’accordo nuddu.

PUCCI Ah, nessuno! Ho capito.

NINO Niente, nessuno, nessuno. Ma comunque..

PUCCI Ma comunque io attraverso SCINALDI..

NINO Eh.

PUCCI ..io la riesco a fare questa cosa.

NINO Va bene.

PUCCI A me l’interessante che alle due e mezza mi arriva sul tavolo di MINUTOLI.

NINO Va bene, Pucci.

PUCCI In modo tale che alle quattro arrivo allo studio, chiamo SCINALDI, e gli chiedo la cortesia, va bene?

NINO Farò il tutto Pucci, stai tranquillo, farò il tutto.

…………….

Conversazione n. 6912 ore 15.28 del 14/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’utenza n. 335/1234816 intestata al Municipio di Messina ed in uso a BONANNO Umberto.

………..

UMBERTOTutto a posto tu? Novità?

PUCCI No, no, ti volevo dire se potevi.., fare un intervento per quella cosa, per quella.., per quel rilascio della concessione, dovrebbe essere.., dovrebbero dargliela oggi pomeriggio. Se puoi fare una telefonata per parlare..

UMBERTOA Gianni LA CAVA?

PUCCI Ma Gianni LA CAVA non c’è.

UMBERTOE chi c’è?

PUCCI Perché Giovanni LA CAVA dice che l’ha preparata, l’ha redatta ce l’aveva PARLATO per farla firmare e poi la doveva firmare MINUTOLI.

UMBERTOEh, ora chiamo nell’ufficio di MINUTOLI e ti do notizie, va bene?

PUCCI Gli dici se.., appena arriva.., sì, va bene.

UMBERTOPerfetto, ciao, ciao, ciao. Come esce?

Conversazione n. 6917 ore 17.29 del 14/03/2006 proveniente dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 intestata a PONZIO Antonino.

NINO Sì pronto?

PUCCI Nino?

NINO Pucci, dimmi.

PUCCI Niente, e.., PARLATO non gli ha portato niente. E’ un grande stronzo.

NINO Ah, non gliel’ha portato?

PUCCI No. Perché poi..

NINO Ma è andato là.., ma è andato in ufficio lui oggi?

PUCCI Pomeriggio non lo so, Nino.

NINO Perché sa.., picchì si non ci annau lo mando a fan culo io, capisci? Chista è ‘a questione.

PUCCI Gioia, io non lo so, questo qua.., io non posso dire.., io so che da MINUTOLI la pratica non è arrivata. Perché già erano allertati tutti per (la linea è disturbata e non si capisce) all’ufficio accanto per il numero.

NINO Hm, ho capito.

PUCCI Ma non.., non riesco a capire per una cosa.., per una firma che ci vuole cinquant’anni?

NINO Che ore sono? Le cinque e mezza sono vero?

PUCCI Non lo so.

NINO E’ tardi, ci telefonai tanti voti e non mi risponde, ha chiuso il telefono. Che ti pozzu fari?

PUCCI Neanche il telefonino?

NINO Il telefonino sì, non ce l’ha completamente, perché ne ha due.

PUCCI E in ufficio non risponde?

NINO No, io non so il numero di telefono dell’ufficio suo. Io so soltanto i due telefoni privati suoi. Li ho fatti tutti e due, uno è staccato e l’altro..

PUCCI Nino..

NINO ..non c’è niente da fare.

PUCCI Va bè, niente, lascia stare, fregatene, domani mattina se ne parla. Non so che dirti.

NINO Ma cose da pazzi! Ma lui che deve fare? Ha bisogno urgentemente della concessione vero Pucci?

PUCCI Nino, siamo bloccati di.., di tutto, per quella cosa che tu sai.

NINO Certo, certo, certo, certo.

PUCCI Perché questo..

NINO Ma lui.., ma lui intenderebbe iniziare subito i lavori, sì?

PUCCI Sì.

NINO Subito, è vero?

PUCCI Sì, sì, perché ora non va.., non va più alla.., non viene pubblicata (…) per quindici giorni.

NINO Lo so, lo so, lo so. Lui domani..

PUCCI C’è una nuova..

NINO ..lui domani mattina appena gliela dà deve fare tutto il discorso, deve fare la registrazione e basta.

PUCCI Dovrebbe solo registrare..

NINO Perché dice che si prende la cosa..

PUCCI Comunque una volta.., una volta che è firmata dall’altro ufficio si può fare una copia conforme e ci ha il numero.

NINO Ci ha.., tutto ci ha, certo, domani gliela danno.

PUCCI Questo è il problema, certo, quindi domani risolverebbe il problema. Se questo s.., cretino non va.

NINO No, Pucci, domani se.., appena gliela danno lui, praticamente, è come se avesse già..

PUCCI Ho capito, ma se PARLATO non gliela porta a MINUTOLI e MINUTOLI non la firma.

NINO Stasera ‘u chiamu ‘a casa io’. Iddu mi l’havi ‘a fari ‘stu cosu, minchia.

PUCCI Ma perché, dico io, prendono gli impegni e non li mantengono, non lo so io.

NINO Che ti posso dire? Mi ha detto << Sì, sì, sì >> e poi non me l’ha fatto!

PUCCI Va bè, comunque.

NINO Che ti posso dire, Pucci?

PUCCI Va bò. Va bene.

NINO Tranne che.., tranne che non sia andato in ufficio. Che ti posso dire, Pucci, non lo so, gioia mia, hai ragione, hai perfettamente ragione.

Conversazione n. 6918 ore 17.29 del 14/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’utenza n. 349/0625534 intestata a PONZIO Antonino.

PUCCI Sì, Nino.

NINO Pucci. Niente, ho parlato io con gia.., con coso.., con l’ingegnere SANTORO che è nella stanza di fronte.

PUCCI Eh.

NINO << Mi poi fari ‘na cortesia, voi vidimi? >>, perché mi aveva promesso che me l’avrebbe fatta. Mi ha fatto fare figura di merda, ora io queste figure non le voglio fare, perché se lui mi avesse detto: << Sai oggi non te la posso firmare >>, va bene. Io.., io riferivo all’avvocato: << Avvocato, non t’ ‘a po’ fari, si ni parra dumani matinu >>.

PUCCI Sì.

NINO Ma se io glielo do per certo io non posso fare figure di merda.

PUCCI Appunto.

NINO << Aspetta Nino, ora trasu >>, ‘a so’ stanza era aperta. (…) col telefonino in mano mi dice:
<< Senti, chi è? CARUSO, PASQUA e compagnia bella?>>, gli ho detto io: << Sì >>. << E ce l’ha qua tutta aperta – dice – è d’accordo, se la stava leggendo, era arrivato l’u.., nella penultima pagina – dice – ma poi non l’ha firmata, sicuramente l’avranno chiamato perché è rimasto – dice – è rimasta la porta aperta.>>. Che vuoi che ti dico? Non c’è arrivato a tempo, sicuramente. Anche a me aveva promesso che me l’avrebbe fatta oggi. Comunque..

PUCCI Ho capito.

NINO ..<>. Ci dissi:

<< Diccillu, onestamente, chi io’ sugnu incazzato, diglielo che domani mattina ‘sta cosa havi ‘a nesciri pi’ forza.>>.

PUCCI Va bè, Nino, d’accordo.

……………….

Conversazione n. 6919 ore 18.00 del 14/03/2006, effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

INGEGNERE Pronto?

UOMO Sì, ingegnere?

INGEGNERE Sì?

UOMO Allora, ascolti, la pratica era.., ancora.., coso.., l’ingegnere PARLATO non l’ha firmata. Perché ce l’aveva aperta, fino alla penultima

pagina, si vede che l’hanno chiamato da qualche parte, alle quattro e un quarto, quattro e mezza, è entrato l’ingegnere SANTORO e ancora la pratica è ape.., era aperta sulla sua scrivania, quindi non è arrivata allo studio di.., di.., dell’architetto MINUTOLI. Quindi, domani mattina col presto gliela faccio arrivare a MINUTOLI, ho già parlato col se.., con.., con MINUTOLI e la firma subito e la manda.., quindi lei, domani, verso le undici, se la vada a prendere, sicuramente domani, verso le undici sarà pronta.

INGEGNERE Va bene.

UOMO Eh, questa è.., è la situazione. Più di questo..

INGEGNERE Va bene.

UOMO La gente io non lo so perché non ha parola assolutamente. ‘Stu PARLATO ci ha rovinato sempre, perché l’ha tenuta anni questa cosa e ancora ora prende tempo, per fare una firma.

INGEGNERE Non lo so, onestamente, io non ho.., rapporti con.., con lui, quindi non so che cosa..

UOMO E io neanche, purtroppo neanche, ce l’ha PONZIO e (…..)

INGEGNERE Lo so.

UOMO Ingegnere non so che dire, quindi domani mattina, sicuro, verso le undici..

INGEGNERE Cioè io l’ho conosciuto, diciamo, in questa occasione. Apparentemente sembra una brava persona, poi in fondo in fondo..

UOMO E lo so.., sì.., va bè, ma insomma nessuno.., nessuno si mette mai nei panni di chi ha la.., esigenze e problemi e fa le cose con.., con la

calma assurda. Va bè, comunque. Quindi domani mattina prima delle undici lei.., vada..

INGEGNERE Va bene e io domani mattina.., io domani mattina..

UOMO Alle undici se ha difficoltà mi chiami, però oramai, insomma, ce l’ho.., la sto seguendo passo passo, è sulla scrivania di PARLATO aperta alla penultima pagina. So pure dove.., (sorride)

INGEGNERE (sorride)

UOMO Perché si vede che l’ha iniziata a fare.., a collazionare e poi non è arrivato perché l’hanno chiamato.

INGEGNERE Sì, perché io so, fra le altre cose, a me era stato detto che non c’era neanche bisogno che la guardava, dicu, picchì, fra le altre cose, l’istruttoria l’aveva fatta anche lui, evidentemente.., vuole essere più pignolo, non lo so.

UOMO E non lo so, che le posso dire? Questa è la situazione. Va bene, allora, quindi domani alle undici può andare per ritirarla.

INGEGNERE Va bene, domani, allora, in tarda mattinata io passo.

……………………..

Conversazione n. 6949 ore 10.52 del 15/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, iin uscita verso l’utenza n. 335/1234816 in uso a BONANNO Umberto.

PUCCI Pronto?

UMBERTOPucci?

PUCCI Umberto, dimmi.

UMBERTOCom’è finita ieri?

PUCCI E non lo so, niente.

UMBERTOHai chiamato?

PUCCI Sì, ho chiamato ma non.., non l’aveva firmata MINUTOLI quella cosa.

UMBERTOE quindi ce l’ha ancora PARLATO?

PUCCI Eh, ce l’aveva PARLATO sul.., sul tavolo. Stamattina non so che è successo. Ancora non ho potuto..

UMBERTOScusa un attimo, Gianni LA CAVA l’aveva firmata? L’aveva predisposta?

PUCCI Gianni LA CAVA l’ha firmata. L’ha passata al.., a coso, ce l’aveva PARLATO sulla su.., sul suo tavolo, la stava leggendo, poi è dovuto uscire e non l’ha firmata, l’avrebbe dovuta pa.., portare ieri sera da.., da MINUTOLI. Io ho parlato con la segretaria, col numero che mi hai dato tu e mi ha detto che fino all’ultima ora non gliel’ha portata. Quindi, avrebbe dovuto..

UMBERTOAh, quindi posso chiamare PARLATO stamattina e dirgli << Ma che cazzo fai? Quanto ci vuole a passare ‘na pratica? >>.

PUCCI Eh, oppure ci.., potresti almeno parlare con la segretaria per sapere se gli è arrivata. E così eviti di..

UMBERTOVa bè, io chiamo PARLATO, se mi dice che l’ha passata << Ti ringrazio, Salvatore, ciao, ciao.>>. Giusto?

PUCCI Eh, e poi gli dici se..

UMBERTOSe non gliel’ha passata gli dico.., (si interrompe un attimo la linea) cu’ ‘na pratica.

PUCCI V abene, va bene.

UMBERTOTri ionna pi’ ‘na firma? Ora chiamo.

PUCCI E me lo fai sapere

Conversazione n. 6957 ore 11.12 del 15/03/2006, effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

INGEGNERE Sì, pronto?

AVVOCATO Ingegnere?

INGEGNERE Sì.

AVVOCATO Non l’ha portata ancora.

INGEGNERE Non l’ha portata ancora.

AVVOCATO Non l’ha portata, ma.., la signora mi ha detto che appena arriva gliela fa firmare a MINUTOLI e la porta sulla.., alla porta accanto per la registra.., per avere la..

INGEGNERE Eh, ma avvocato, purtroppo stamattina c’è commissione e quindi lui si sbrigherà tardi.

AVVOCATO eh, ma è uno stronzo, scusi, dopo che l’ha promesso, gliel’ha promesso a PONZIO che.., che sta male, gli ha detto che l’avrebbe portata avantieri. Io non lo so! Se la tiene due giorni! Ma proprio però è…,

è.., è uno stronzo, un grosso stronzo. Ma lei non può andare in commissione edilizia? A cercarlo?

INGEGNERE Ma anche quando? Vedia.., vediamo quello che posso fare.

AVVOCATO Perché io sto chiamando PONZIO e è dal medico, pe.., quindi sto cercando un attimino di.., di rintracciarlo, mi richiamerà e cercherò di fare ‘st’intervento pure io attraverso.., però se lui non.., è sicuro che non è nella sua stanza lui?

INGEGNERE No, tranquillo, sicuro. Io sono andato là e la porta è chiusa. Tra le altre cose.

AVVOCATO Posso chiamare l’ingegnere SANTORO di nuovo. Aspetti un attimo, và, non si muova. Cose da pazzi. (parlando tra sé e sé) 348329.. Dico, pare che uno ci sta chiedendo il.., il pane con la tessera. Un diritto! Da qua.., da dieci giorni che siamo..

INGEGNERE No, ma poi.., ma poi al limite, dico và, uno lo diceva (si interrompe un attimo la linea) non ni fazzu, così uno evita di fare tutte queste camminate e telefonate.

AVVOCATO Ha ragione.

INGEGNERE Almeno! (sorride)

(si interrompe la linea )

(si sente l’avvocato soltanto che parla al telefono con qualcuno mentre l’ingegnere viene lasciato in attesa.)

AVVOCATO Ingegnere? No, niente le volevo dire che l’architetto PARLATO ci ha ancora.., non ha portato quella.., quella licenza al.. eh, ma non è.., non è in commissione edilizia? Ah, non c’è commissione edilizia?

Allora.., mi fa la cortesia, gli.., gli.., gli chiede.., perché poi.., io ho parlato.., ho parlato con l’architetto MINUTOLI e mi ha detto che appena arriva la firma e gliela passa all’ufficio accanto per fare quel.., mi fa la cortesia. D’accordo grazie, arrivederla.

(ora riprende la linea con l’ingegnere)

AVVOCATO Ingegnere? Pronto?

INGEGNERE Sì, pronto.

AVVOCATO Ingegnere, PARLATO non è in commissione edilizia, non c’è commissione edilizia è nella sua stanza, dice, che la sta guardando. Ci vada per cortesia.., ora..

INGEGNERE Nella sua stanza? Ma stamu scherzannu va?

AVVOCATO Sì, SANTORO me l’ha detto.

INGEGNERE Ma stamu scherzannu!

AVVOCATO Ci vada perché..

INGEGNERE Va bene, và.

AVVOCATO ..l’ingegnere SANTORO.., l’ingegnere SANTORO..

INGEGNERE Va bene, io qua, sono sceso in questo momento, avvocato, non è che dice sugnu.., va bè, sto salendo, ora vediamo.

AVVOCATO Veda un attimino, chieda dov’è perché dice che non ce n’è commissione edilizia oggi, me l’ha detto l’ingegnere SANTORO.

INGEGNERE Non ce né?

AVVOCATO No. E quindi..

INGEGNERE Va bene.

AVVOCATO Dice che stava andando pure lui per sollecitarla, per portarla..

INGEGNERE Va bene, ora salgo di nuovo.

AVVOCATO Sì, mi faccia ‘sta cortesia. Arrivederla.

…………..

Conversazione n. 6958 ore 11.53 del 15/03/2006 effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’utenza n. 349/0625534 intestata a PONZIO Antonino.

…………………………

NINO E come è andata a finire Pucci?

PUCCI Parla chiaro, dicci che vuoi notizie precise.

NINO Sì, certo, chiaro.

PUCCI Eh, è brutto.

NINO Senti, come è andata a finire poi?

PUCCI Sì.

NINO Eh?

PUCCI E, co.., non ho capito, come abbiamo finito.. Niente, Nino, ancora quello là, quel porco di PARLATO ce l’ha sulla sua scrivania, non l’ha portata ancora.

NINO Ora.., ora..

PUCCI E’ un gran porco.

NINO Ora chiamo, va bene, d’accordo, va bene, ora chiamo. Ciao

Conversazione n. 6959 ore 11.55 del 15/03/2006, effettuata sull’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

AVVOCATO Pronto?

INGEGNERE Sì.

AVVOCATO Sì, ingegnere.

INGEGNERE Avvocato. E allora, senta una cosa, io l’ho incontrato ora, in strada perché non era nella sua stanza lui.

AVVOCATO Eh.

INGEGNERE E allora, abbiamo parlato.

AVVOCATO Sì.

INGEGNERE Lui dice che aveva.., tutto a posto, però aveva un piccolo dubbio che voleva chiarire con LA CAVA.

AVVOCATO Sì, va bene, và!

INGEGNERE Mi ascolti, mi ascolti. Ora siamo rimasti che all’una.., verso l’una, perché aveva un impegno ora, avvicino io, vediamo se io riesco a.., a convincerlo a risolvere questa cosa, e lui la firmerà e gliela porterà.., però giustamente oggi pomeriggio io non so se al comune..

AVVOCATO Ah, niente..

INGEGNERE ..operano.

AVVOCATO ‘Na vergogna è, ‘na vergogna.

INGEGNERE Avvocato, io le sto dicendo come stanno le cose, io non.., non ho motivo di dire..

AVVOCATO Ma che cos’è questo.., questa piccola cosa di cui non è convinto che cos’è?

INGEGNERE No, era una cosa.., siccome allora avevamo fatto quel piano garage.

AVVOCATO Sì.

INGEGNERE E a lui.., lui sosteneva che ci voleva l’autorizzazione dei vigili del fuoco, no?

AVVOCATO Sì.

INGEGNERE Dissi io’: << Ma m’havi ‘a scusari, ma se io prevedo che metto meno di nove posti.., cioè nove posti auto non ce l’ho bisogno.>>, dice: << Sì, vero, ha ragione.>>. E così siamo andati avanti. Dico, ni desiru puru l’approvazione d’ ‘a commissione, io’ non vidu picchì ‘stu problema.

AVVOCATO Ma cose da pazzi, vidi, è uno stronzo. Va bè, ho rintracciato PONZIO, credo che lo stia rintracciando però non so se l’ha.., se lo trova. Lui stava tornando in..

INGEGNERE No, in.., in studio, in stanza stava tornando, sì.

AVVOCATO Ah, va bene, va bene, allora lo trova PONZIO. Ci risentiamo..

INGEGNERE Io ora.., io ora.., io ora sto aspettando qua, all’una ci avvicino, vediamo come.., ammesso che lui la fa.., ammesso che la faccia per l’una, ammesso che la faccia.
AVVOCATO Sì.

INGEGNERE Oggi pomeriggio, non penso che Mercoledì pomeriggio ci sia qualcuno al comune.

AVVOCATO Non lo so, va bene..

INGEGNERE Ecco, dico và. Però, dico, l’importante che ‘n’a.., almeno chi ‘n’a firma iddu, và.

AVVOCATO Sì, certo, certo, va bene, d’accordo.

INGEGNERE Ecco..

AVVOCATO Ingegnere, lei poi ha riparlato con suo padre?

INGEGNERE Comunque, io domani mattina, in qualsiasi caso, sono qua a ma.., a prima mattina, perché ci sarà pure Giovanni, che io diciamo lo conosco bene, e vediamo se questa cosa la possiamo risolvere in qualche maniera.

AVVOCATO Hm, ho capito. Va bene, senta, lei poi ha parlato con suo padre?

INGEGNERE No, io poi ieri non mi sono visto con mio padre.

AVVOCATO Va bene, ora lo chiamo io.

INGEGNERE Io ne ho parlato ieri mattina.., ieri mattina ne ho parlato con mio padre.

AVVOCATO Sì, sì, sì. Va bene, d’accordo.

Conversazione n. 6961 ore 12.49 del 15/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 intestata a PONZIO Antonino.

PUCCI Sì, sì, sì, sì. Dimmi Nino, hai parlato con quello stronzo?

NINO Sì, ho.., ho parlato con coso, con.., forse non ti ha.., non ti ha detto niente l’ingegnere ARLOTTA, l’ingegnere ARLOTTA là era, con lui.

PUCCI Sì, no, ARLOTTA me l’ha detto poi, perché..

NINO Sì, una piccola.., una lieve modi.., una modifica, una firma sua, e basta.

PUCCI Sì.

NINO E glielo passa, a quest’ora gliel’ha già passato. << Nino – dice – gliel’ha fatto – dice – entro.., entro l’una – dice – è nella.., nella scrivania – dice – di.., di MINUTOLI – dice – stai tranquillo.>>.

PUCCI E allora lui che fa, va oggi pomeriggio a pigliarlo? O ri.., o ritorna? Non lo sai, questo non lo sai.

NINO Non te lo so dire, questo non te lo so dire.

PUCCI Comunque..

NINO So soltanto che la cosa è già stata sistemata. Va bè, c’era qualcosa che non andava, in effetti, eh.

PUCCI Ho capito, ho capito, va bè, d’accordo. Eh, che ti posso dire? Non posso.., non posso dare nessun giudizio. Va bene, d’accordo, Nino.

………………………………………………………….

NINO Senti, Pucci, altre novità niente, vero?

PUCCI No, niente, Nino, tutto.., e qua tutto bloccato per ‘sta cosa è. Va bè, comunque speriamo.., speriamo che oggi si sia risolto.

NINO Se si sblocca quella si sblocca il resto, sì?

PUCCI E sì, Nino, qualche giorno e poi si sblocca tutto, certo.

NINO Magari Dio, Pucci.

PUCCI Sì, sì, no, tranquillo, tranquillo. Va bene, Nino, fammi sapere dopo che parli con MONTENERO, ah.

NINO Certo, ciao. Ciao, gioia, ciao, grazie.

PUCCI Ciao, ciao.

Conversazione n. 6975 ore 18.13 del 15/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 349/0625534 intestata a PONZIO Antonino.

………………………….

PUCCI Penso che domani.., domani si ritireranno ‘sta benedetta..

NINO Certo. Ma non c’è dubbio, domani gliela danno, certo che gliela danno.

PUCCI Sicuramente. Mah, comunque..

NINO Quelli sistemano tutto. Eh, ma.. Vuol dire, questa pratica, ha subito tante di quelle vicissitudini..

PUCCI Ah!

NINO ..che c’è da sballare..

PUCCI C’è da dire pure..

NINO ..dovremmo fare un poema.

PUCCI ..c’è da dire pure che praticamente questi signori si sono ricordati di chiedere la licenza dopo un anno, Nino.

NINO Eh, se ne sono fottuti, caro Pucci.

PUCCI Eh, se ne sono fregati, è questo che.., che c’è da dire e poi fanno.., fanno.., danneggiano le persone che non c’entrano né dalla porta, né dalla finestra.

NINO Tu, per esempio, Pucci, com’è che non hai puntato i piedi? Almeno per prenderti un appartamento là dove l’avevi scelto?

PUCCI Ma Nino, che ne so, niente, per ora.., per ora, ancora io non ci ho neanche le nuove scritture, non so nulla.

NINO No?

PUCCI Di una cosa che.., no, perchè? Che mi hanno portato niente? Io ci ho quelle.

NINO Ah, tu quelle hai?

PUCCI Peggio per loro.

NINO E tu sai che fai, Pucci?

PUCCI Peggio per loro, sono loro che mi devono inseguire, certo.

NINO Pucci, fai la registrazione come la farò pure io.

PUCCI Sì, sì, sì, sì.

NINO Quanto costa la..

PUCCI Va bene, Nino.

NINO ..quanto costa la registrazione?

PUCCI Non lo so, credo che sia a tassa fissa, perché è un preliminare.

NINO Un preliminare, ho capito.

PUCCI Credo che sia a tassa fissa, poi vediamo, poi magari ne discutiamo insieme, quando torni, va bene?

…………

Nella conversazione n. 6996 ore 9.56 del 16/03/2006 Fortino e Bonanno usano un linguaggio in codice “documenti”, in molti altri dialoghi utilizzato per riferirsi al denaro che in tanto il Bonanno conseguirà in quanto l’Arlotta lo darà a Fortino

…………..

UMBERTO..ma tu hai documenti per me?

PUCCI E alle.., all’una vengono..

UMBERTOEh, dico, ce l’hai, perché a limite stasera ci mettiamo d’accordo in qualche modo.

PUCCI Io domani mattina alle nove parto, quindi ci possiamo vedere prima, eventualmente. Va bene?

UMBERTOHm. Ah, perfetto, perfetto.

PUCCI D’accordo.

UMBERTOCiao, Pucci, gioia, ciao.

PUCCI Ciao, ciao.

conversazione n. 7007 ore 15.18 del 16/03/2006 effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 333/1020734 in uso ad ARLOTTA Giovanni.

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO Signor ARLOTTA.

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO A che punto è?

ARLOTTA Avvocato, ci ha rimandati alle quattro e mezzo chistu cà. Alle quattro e mezzo. All’ultimo si ni spuntò : << Non posso venire, ci vediamo pomeriggio.>>.

AVVOCATO Signor ARLOTTA, lei in serata, anche a mezzanotte, deve venire, perché io domani mattina devo partire.

ARLOTTA Avvocatu, ‘u tempu, purtroppo so no va. Chè è fari?

AVVOCATO Ho capito.

ARLOTTA Io’.., perché io’ no’ pozzu mannari a fanculu, si ‘u putia mannari a fanculu ‘u mannava, (la linea è disturbata e non si sente)

AVVOCATO Non ho capito, io dopo che viene, alle sette, sette e mezzo, basta che io.., io entro stasera devo vederla.

(la linea si interrompe per qualche secondo)

AVVOCATO Pronto?

ARLOTTA Sì, pronto.

AVVOCATO Mi dica.

ARLOTTA Dico, io non ci ho potutu pattiri mancu pi’ Missina.

AVVOCATO Come?

ARLOTTA Dicu, non ci ho pututu pattiri mancu pi’ Missina, alle quattro e mezza sugnu dà. (…..) chistu s’arriva.

AVVOCATO Eh, ma dico, ma io non è che posso dipendere sempre dalle cose sue, signor ARLOTTA. Eravamo rimasti con un impegno, l’abbiamo rinviato cinquanta volte, lei.., in ogni caso io alle sette e mezzo l’aspetto, alle sette, non è che io posso partire, devo partire, gliel’ho detto centocinquanta volte, come devo fare? Gliel’ho mandato con su.., a dire con suo figlio. Ma se la vede lei, va dove deve andare lei e faccia quello che deve fare, che mi interessa a me delle sue cose? Ma dico, ma può essere mai che ogni volta è così? Non c’è una volta che rispetta un impegno! Io non lo so, gliel’avevo spiegato che devo partire? Faccia quello che vuole, io a.., ho bisogno, ho necessità che lei stasera venga. Non mi interessa niente.

ARLOTTA Avvocato, ma io’ ‘sta cosa..

AVVOCATO ( si altera) Ma gliel’avevo spiegato io, gliel’ho spiegato io, Cristo! Ma che cosa vuole da me? Lei ha degli impegni che deve mantenere nei miei confronti, non è che può.., può stare.., posso stare ai giochi che fanno gli altri con lei. A me degli altri non me ne frega un cazzo. Io ci ho degli impe.., lei ci ha degli impegni con me e li deve rispettare. Faccia.., vada dove vuole, faccia quello che vuole, ma lei venga qua in serata che dobbiamo vederci. Non c’è niente da fare, guardi, non de.., lo esigo, se lei mi fa partire senza che lei venga stasera io faccio saltare l’operazione, Cristo! Non è possibile ‘sto schifo.

ARLOTTA Eh, ma avvocato, calma.

AVVOCATO (grida) Ma io non lo so, ma dico, ci ha i suoi soci, va dai suoi cazzo dei soci e glielo dice, ma che cazzo vogliono questi stronzi? Ma che vogliono? Vogliono tutta la pappa in bocca. Hanno degli impegni,

degli obblighi, li mantengono, Cristo. Signor ARLOTTA, io esigo che lei stasera venga da me. In serata. E ogni volta, ogni cosa la devo chiamare centocinquanta volte, mi scoccio di parlare al telefono, sempre le solite cose, faccia quello che vuole ma io in serata la devo vedere.

Conversazione n. 7008 ore 15.29 del 16/03/2006, effettuata dall’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in uscita verso l’utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

INGEGNERE Sì, pronto?

AVVOCATO Sì, ingegnere.

INGEGNERE Avvocato.

AVVOCATO Io sono fuori dalla grazia di Dio con suo padre. Eh, perché mi ha pre.., mi ha piantato, prima alle nove, poi alle dodici, poi all’una, poi alle quattro, poi non viene, poi dice che ha problemi, non è possibile questa storia, non è possibile! La considero una mancanza di rispetto. Io faccio saltare tutto. Non è possibile, perché quando ci sono degli obblighi e delle.., e delle.., e delle obbligazioni si intendono.., si devono rispettare. Perché io ho.., come lui ci ha le sue, io ci ho le mie nei confronti di altre persone. Quindi è inutile che facciamo questa storia. Lei lo chiami e gli dica che deve venire. Ci ha dei soci, li prende per la collottola e fanno il loro dovere, perché questo è il loro dovere.

INGEGNERE Avvocato..

AVVOCATO Io ancora ci ho.., non ci ho neanche gli atti fatti. A.., ma le sembra giusto? Le sembra corretto? Le sembra morale? Lo trovo una cosa assolutamente sconveniente. (si altera sempre di più) Sono veramente

adirato, sono veramente fuori della grazia di Dio. Io vi ho dato sempre l’anima per questa cosa e questa è la risposta? Ma non intendo assolutamente. Lei vada da suo padre e gli dica di fare il suo dovere entro stasera, perché io devo partire. Le ave.., l’avevo pregata a lei, le avevo detto quali erano le mie, le mie condizioni, quindi lei si doveva adoperare insieme a lui a fare quello che doveva fare, non è possibile questa storia.

INGEGNERE Avvocato, io non so che cosa dirle.

AVVOCATO Ma non mi.., lei non sa cosa dire? Lei è un professionista, va..

INGEGNERE Mi ascolti.

AVVOCATO ..va da suo padre e fa quello che deve fare.

INGEGNERE Avvocato.., avvocato, mi ascolti. Io di questa storia sono completamente fuori.

AVVOCATO Ingegnere, io..

INGEGNERE Mi scusi, mi scusi, avvocato..

AVVOCATO Non mi interessa cosa lei sa, cosa lei non sa..

INGEGNERE Ecco, io..

AVVOCATO ..sa cosa..

INGEGNERE ..sono un tramite in questa cosa, giustamente lei ha ragione, per carità..

AVVOCATO Non mi interessa. Lei vada da suo padre e gli dica che entro stasera io l’aspetto, che lui deve..

INGEGNERE Io comunque.., io sono in studio a Barcellona che sto lavorando, quindi io non po..

AVVOCATO E lui.., lui è a Barcellona, pure, tranne che mi prenda in giro, perché anche questo discorso.

INGEGNERE Io non glielo so dire questo qua. Perché non l’ho visto ancora..

AVVOCATO Come?

INGEGNERE Io non l’ho visto ancora. Può anche darsi che sia qua.

AVVOCATO E lo chiami per telefono e glielo dica, scusi, non è possibile questa storia, non è possibile, io le avevo spiegato le motivazioni, le avevo detto che dovevo partire e dovevo mancare qualche giorno, che ci avevo le mie.., le mie.., le cose importanti che dovevo fare, non è possibile che poi mi rinvia senza chiamare, pianta le persone, non è educazione, non è corretto, non è morale tutto questo, scusi. E non.., siamo professionisti, ma che facciamo, scherziamo? Altro che fare altre operazioni! Non faccio più niente io così. Perché così, con questa serietà che cosa si arriva a fare? Lui ha l’obbligo, il dovere che, quando prende un impegno, a qualsiasi costo lo deve mantenere, perché questi sono gli uomini. E Cristo! E’ tre mesi che andiamo a fare avanti.., avanti e indietro con questa storia. Lei, per cortesia, mi faccia la cortesia, va.., si alzi, lasci tutto e risolva questa questione per me. Perché per me la considero come un fatto essenziale per tutto, per tutto il resto e il prosieguo delle nostre trattative.

INGEGNERE Avvocato, io non so che cosa dirle. Io non mi posso prendere questo impegno..

AVVOCATO Lei non sa cosa dire? Le sto dicendo io quello che deve fare.

INGEGNERE E come faccio io a prendermi un impegno del genere con lei?
AVVOCATO Ma io non.., ma io, dico, non lo so, ma che parlo turco io?

INGEGNERE Dico, io se potessi farlo io personalmente l’avrei fatto, dico, mi capisce che cosa le voglio dire? Cioè io come faccio a..

AVVOCATO Ma sono.., ma a me non mi riguarda, non è questo il modo di trattare le persone.

INGEGNERE Ma l’ho capito, ma come lei giustamente dice ma io come professionista che impegno mi posso prendere nei suoi confronti?

AVVOCATO Ma io non lo so..

(le voci si sovrappongono)

INGEGNERE Io.., io posso..

AVVOCATO E che è maniera?

INGEGNERE Lei è riuscito a parlare con mio padre?

AVVOCATO Non ho capito.

INGEGNERE E’ riuscito a parlare con mio padre oggi?

AVVOCATO Non sento niente. che cosa dice lei?

INGEGNERE Ha parlato con mio padre oggi lei?

AVVOCATO Ho parlato ora.

INGEGNERE Eh?

AVVOCATO E gli ho detto che lui deve venire. E non lo so, siccome con lui non si capisce ma quello che deve fare, quello che vuole fare, quello che deve..

INGEGNERE L’ho capito questo io, ma se..

(si interrompe qualche secondo la linea)

INGEGNERE ..problema? questo le volevo.., le vorrei dire..

(si interrompe di nuovo la linea per qualche secondo)

INGEGNERE ..per carità, ci mancherebbe altro, ma io che cosa posso fare? Io posso.., posso fare una telefonata..

AVVOCATO Ma ingegnere, io non lo so..

INGEGNERE ..dico, posso fare..

AVVOCATO Faccia una telefonata, voglio capire veramente quello che c’è. Non è possibile che ti.., si danno cento appuntamenti che uno dipende dagli altri. Io devo dipendere esclusivamente da una persona, da me stesso. Quando ci su..

(si interrompe la linea di nuovo)

INGEGNERE Pronto? Pronto?

AVVOCATO (…)

INGEGNERE Sì, pronto?

AVVOCATO Sì, mi sente?

INGEGNERE Sì, non la sentivo più, avvocato.

AVVOCATO Dico, ha dei soci, li prende per la.., per la camicia e gli fa fare il suo dovere.

INGEGNERE Avvocato lei ha ragione ma io non posso intervenire in queste cose, mi capisce che cosa le voglio dire?

AVVOCATO Chiami suo padre.., chiami suo padre, mi richiami e mi dia una risposta precisa, poi io prenderò le mie.., le mie controdeduzioni

poi, di quello che lei mi dice. Io le sto dicendo che deve dire in maniera chiara perché suo padre non si capisce, se viene o non viene stasera. Lei mi risponde e mi dice:

<< Viene >> o << Non viene >>, poi (…..) deduzioni. Per quei.., per quei danni che sto subendo.

Conversazione n. 7009 ore 15.37 del 16/03/2006,

AVVOCATO Pronto?

ARLOTTA Avvocato?

AVVOCATO Sì.

ARLOTTA E allora, l’ingegnere sono, ARLOTTA.

AVVOCATO Mi dica.

ARLOTTA Senta una cosa, ora è rientrata qua la signorina, io neanche lo sapevo, lui oggi aveva un contratto importante da fare.

AVVOCATO E lo so, lo so.

ARLOTTA Mi ascolti. Il problema è che doveva venire un direttore della banca di Patti, non so che era, un mutuo, un qualcosa, e chistu non ci vinni e ‘u stannu aspettannu. Ed è bloccato là dal notaio.

AVVOCATO Sì.

ARLOTTA Quindi io non lo so se stasera lui riesce a liberarsi. Questo era il discorso.

AVVOCATO Ingegnere, io de.., io parto domani mattina alle nove. Lui allora alle otto e mezzo domani, si alza presto e viene.., e viene qua

allo studio. Che le devo dire? E do.., dobbiamo.., però io voglio degli impegni seri, non è che mi deve dire sì e poi no. Quindi lei se lo faccia dire se domani (…) lasci perdere stasera, perché oramai.. Io parto domani mattina alle nove meno dieci. Alle otto e mezza lui deve essere qua. Perché io ci ho i miei impegni pure, ho.., ho preso degli impegni e li devo mantenere. Non mi metta in condizione di agitarmi di più. Io ci ho tre compromessi.., anzi ne avevo sei e ancora.., se io avessi voluto li avrei registrati e poi gli avrei detto: << Gli impegni si mantengono.>>. Nella vita ci deve essere anche una.., una possibilità di una comprensione, di una collaborazione perché siamo tutti persone per bene.

ARLOTTA Avvocato, avvocato, avvocato, mi ascolti.

AVVOCATO Eh, scusi!

ARLOTTA Mi ascolti. Dico.., dico, ritengo.., ritengo che.., io la capisco, per carità, ci mancherebbe altro, non.., io non voglio entrare in merito perché ognuno di noi ha i suoi problemi, nella maniera più assoluta.

AVVOCATO Eh, no, ma.., è tre mesi che sono a questo punto, ingegnere.

ARLOTTA Però mi ascolti, mi ascolti. Dico, penso che lei abbia conosciuto mio padre, se mio padre fa così evidentemente avrà un motivo, non è perché vuole fare un.., un affronto all’avvocato.

AVVOCATO Ma io non è che la imputo alla sua colpa.

ARLOTTA Ecco.

AVVOCATO Io sa qual è? La sua.., la sua debolezza è quella che praticamente alle persone che sono sue socie in questa cosa, non de.., non può e non deve assolutamente mostrare la debolezza, perché praticamente se lui ha degli impegni..

ARLOTTA Va bè non è questo..

AVVOCATO E no, se lui.., ma scusi, tre me.., sono tre mesi che io aspetto ‘sta situazione, lui non può pensare che queste cose si possono fare così, si scrivono sulla carta per metterle sul ghiaccio. Se ci sono degli impegni si mantengono. Se non ci sono delle condizioni che vengono fatte da altri, si prende mano a quello che praticamente è un discorso proprio e si fa fronte. Questa è la realtà, perché così faccio io. Oggi io sto andando dal notaio a fare una co.., una cosa a.., a scapito mio. Perché avevo degli impegni e li mantengo. Farò scoperture, farò quello che vogliono, ma io li mantengo. Se ci ho degli impegni li mantengo. Così è la stessa cosa, pretendo, esigo che gli altri, soprattutto.., non parlo di suo padre, ma gli altri, che si.., che stanno in questa cosa, che stanno a gongolare e a godere, facciano il loro dovere. Questo è quello che.. Quindi io le.., io le dico che.., le continuo a dire, se è vero che quest’operazione deve essere fatta oggi, lui la faccia con calma e domani mattina alle otto e mezza venga.

………………………….

Conversazione n. 7012 ore 16.48 del 16/03/2006,

PUCCI Sì, Umberto.

UMBERTOPucci, allora ho parlato ora con Manlio e poi ho chiamato da Salvatore PARLATO e mi ha risposto Anna VADALA’. Salvatore è stato due giorni in missione, non c’è stato in ufficio, perché la pratica è là, è pronta, domani mattina gliela portano a Manlio per la firma.

PUCCI Va bene, questo è un buffone.

UMBERTOChe testa di minchia che sono, guarda.

PUCCI Guarda è un gran buffone Salvatore PARLATO, perché fino a ieri stava..

UMBERTOPARLATO è un buffone, è un buffone.

PUCCI E’ un grande buffone. A nome mio, glielo puoi dire in faccia, io quando..

UMBERTONo, dopo la firma.

PUCCI Su questa persona avevo ragione, è un coglione. E’ una persona che non è seria.

UMBERTODopo che firma. Comunque, dice che domani mattina, in mattinata.., comunque io domani sono a Messina, domani vado personalmente, la prendo e gliela porto a Manlio.

PUCCI Ma và, veramente, questi per avere un numero ci hanno fatto.., ci hanno.. Deve avere il numero della.., della concessione edilizia, in maniera tale che possano fare gli atti.., i preliminari di vendita. Sono bloccati.

UMBERTOE infatti. E infatti, lo capisco.

PUCCI Ma vaffanculo!

UMBERTOE la gente perde tempo e cugghiunia.

PUCCI E sì, certo! Si prendono lo stipendio.

UMBERTODomani mattina vado personalmente.

Conversazione n. 7013 ore 16.49 del 16/03/2006,

INGEGNERE Pronto?

AVVOCATO Ingegnere?

INGEGNERE Sì.

AVVOCATO Allora, senta, ho parlato con Umberto BONANNO. La pratica ce l’ha ancora PARLATO, non è andato da MINUTOLI. Ce l’ha ancora PARLATO. Questo è un buffone, è la persona più buffona che conosco io. Domani mattina va Umberto BONANNO, se la piglia, gliela porta a MINUTOLI, gliela fa firmare e gliela.., e gliela riporta a coso per il.., per il numero. Quindi domani sarà fatta. Ci va Umberto BONANNO direttamente. Perché è veramente una vergogna che un cittadino deve aspettare un anno e mezzo per i loro comodi porci e dobbiamo.., si deve andare a spinte, quando ci sono diritti. Questo è il discorso. Va bè, comunque. Va bene?

INGEGNERE Va bene, avvocato.

AVVOCATO Domani mattina ci pensa coso, quindi lei si raccordi con me sempre telefonicamente, comunque le darò.., la chiamerò io per darle il via. Va bene?

INGEGNERE Va bene, ok.

AVVOCATO Lei può andare domani, fine mattinata, perché sicuramente..

INGEGNERE Va bene, sì, tarda mattinata io..

AVVOCATO ..s’è preso l’impegno coso. Ce l’ha ancora PARLATO. Ma dico, si rende conto? Quindi MINUTOLI non c’entra. Perché con MINUTOLI avevo parlato io.

INGEGNERE No, io.., dico, io non lo so, io so che era sul tavolo..

AVVOCATO Lo so, ma si ricorda che aveva detto a PARLATO che..

INGEGNERE Io purtroppo.., io purtroppo..

AVVOCATO ..sarebbe stata sulla scrivania di MINUTOLI avantieri?

INGEGNERE Mi ascolti. Io purtroppo non lo posso fare io personalmente a prendere la carpetta e portarla perché non me lo fanno fare, sennò ‘u facia io’.

AVVOCATO Domani.., va bè, domani ci pensa coso, Umberto, va bene.

…………

Conversazione n. 7031 ore 19.51 del 16/03/2006, effettuata verso l’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’ utenza n. 348/4030285 in uso ad ARLOTTA Salvatore.

AVVOCATO Pronto?

INGEGNERE Sì, pronto, avvocato?

AVVOCATO Sì, ingegnere, mi dica.

INGEGNERE E allora, senta una cosa, io ho provato a.., rintracciare mio padre, ma.., il telefonino è.., risulta spento..

AVVOCATO Lo so, sennò non la chiamavo io.

INGEGNERE E sicura.., sicuramente l’avrà scarico. Dico, io non so che cosa dirle, ritengo che ancora sia dal notai, comunque, ah. Io comunque ora debbo andare via che ho un appuntamento. Ho lasciato detto se caso mai lui rientra di farmi.., chiamare in qualche maniera. Dico,

io.., o più tardi, o al massimo domani mattina prima mattinata eventualmente ci sentiamo per qualche risposta.

AVVOCATO Ingegnere, no.., stasera a qualsiasi ora, lei lo vedrà e a qualsiasi ora mi telefona. Perché io stasera mi corico e domani mattina poi so.., trovo le altre strade che devo fare, e.., che sia chiaro. Perché io devo lasciare qua tutto in ordine. Purtroppo è così, e.., che.., glielo sto chiedendo per cortesia, a questo punto. Quindi lei che si informi per sapere, perché se.., se ci dobbiamo incontrare verso le otto e un quarto, otto e venti lui deve essere qua e ci vediamo. Se lui non può venire che me lo dica, poi.., glielo dico, le conclusioni le trarrò io, poi, per conto mio. E.., guardi, il.., rimango male, molto male da questa situazione.

INGEGNERE Avvocato, dico, lei ha ragione, ma io..

AVVOCATO Se non viene. No, ma..

INGEGNERE ..lei..

AVVOCATO A me non mi può dire che cosa deve fare, a me mi deve dire.., allora, facciamo un’altra ipotesi, se io le dico: << Ingegnere, io dopodomani le do il preliminare fatto.>>. Poi io non le posso dire: << Ingegnere, lo doveva fare il mio praticante di studio il quale è ammalato e non l’ha potuto fare >>, perché rispondo io in prima persona. Ora, se lui ha cinque.., cinque problemi per i fatti suoi, e non li risolve nessuno, sono cavoli che a me non riguardano. Ha preso un impegno con una persona e secondo me va mantenuto. Anche perché ci ha dei soci i quali non è che sono dei morti di fame, sono benestanti, è che se ne strafottono, vogliono.., trattano le persone a pesci in faccia e io da queste persone a pesci in faccia non mi faccio trattare, anche perché ci ho dei preliminari che sono qua sottoscritti, domani me li vado a registrare e poi fanno in culo MAGAZZU’ e compagni e questo glielo dico io e glielo dico sulla mia parola. Perché io

me li registro e vado fino in fondo. E non (…..) la cosa, perché di fronte all’assurdità, di fronte a delle persone che trattano male i professionisti io rispondo con la stessa moneta. Quindi il.., sono a disposizione sempre per tutto, per lei e suo padre, però non consento di essere.., di avere queste offese che sono.., per me sono delle offese gravi. Perché quando si prende un impegno si mantiene. Questa è la mia tesi. Punto e basta. Quindi lei questo discorso quando può lo fa a suo padre, in serata mi dà una risposta, quella che sarà, io poi mi regolo per i fatti miei. Che sia chiaro. E non parleremo di altre operazioni, su questo non c’è discussione, perché in questa situazione non posso portare avanti nessun tipo di.., di.., di.., di discorso. Io sono molto chiaro, ingegnere, lo sa.

INGEGNERE No, non esiste, avvocato.

AVVOCATO Suo padre lo stimo, voglio bene a lei, la stimo, eccetera, però io non intendo essere assolutamente.., avere offese da parte di altre persone. Ci sono dei.., delle persone che sono benestanti e le quali, praticamente, godono di fare le cose come cazzo vogliono loro. Non glielo consento. Io andrò avanti fino in fondo in questa questione. Punto e basta. Ecco. Ci sono degli impegni, loro li sapevano, non c’entra suo padre. Suo padre è uno dei tanti che poi, per giunta, deve subire che ha i suoi problemi pure lui. Quindi io me la prendo, non con lui, ma con chi sta dietro di lui. Questa è la cosa, basta, non.., non parlo più perché non.., non mi voglio agitare, mi sono già agitato abbastanza oggi. Quindi lei sa tutte le cose, in serata, anche tardi, mi chiama e mi dice: << Avvocato, può venire. Non verrà >>. Va bene?

INGEGNERE Va bene, se io riesco in qualche maniera a rintracciarlo, anche telefonicamente io lo chiamo e gli dico la risposta, va bene?

AVVOCATO Va bene, d’accordo. Arrivederla.
INGEGNERE Va bene, arrivederci.

Conversazione n. 7088 ore 13.27 del 17/03/2006, effettuata verso l’utenza n. 346/2283299 intestata a FORTINO Giuseppe, in entrata proveniente dall’ utenza n. 349/0625534, in uso a PONZIO Antonino.

PUCCI Sì, Nino.

NINO Pucci.

PUCCI Eh, dimmi Nino.

NINO Ho parlato con lui.

PUCCI Eh.

NINO E’ da ieri mattina alle nove che l’architetto MINUTOLI ce l’ha sulla sua scrivania.

PUCCI Ma vero?

NINO Allora che, per finta? Da ieri mattina alle nove. Io appena sono arrivato in ufficio ieri, che erano.., sono arrivato alle otto e un quarto..

PUCCI Aspetta, ce l’hai il numero della segretaria della.., di MINUTOLI?

NINO Io non ce l’ho, no, no, no.

PUCCI Non ce l’hai.

NINO Non ce l’ho, no, no, no.

PUCCI Va bene.

NINO Ti posso soltanto dire una cosa, che io.., gliel’ha mandato ieri mattina alle nove.

PUCCI E che numero devo fare per farmi passare la segreteria di MINUTOLI? 090..?

NINO Ma non ne ho la minima idea. Gli devi dire.., fai 090, 7721.

PUCCI Eh. 7721?

NINO Sì.

PUCCI E gli dico la stanza dell’architetto MINUTOLI.

NINO Sì, infatti.

PUCCI Va bene, ok, ciao.

Di estrema importanza, perché ancora una volta prova la partecipazione degli imprenditori ed in particolare di MAGAZZU’ Santino all’affare concluso con Fortino, è la conversazione n. 3911 ore 16.28, del 17/03/2006

MAGAZZU’ Pronto?

ARLOTTA Magazzu’?

MAGAZZU’ Oh, principale. Chi c’è?

ARLOTTA Dicu ch’hamu ‘a fari cu’ ‘stu MINUTOLI, chi è fari, ci ‘a fai ‘na telefonata.

MAGAZZU’ Già.., già.., già fatta.

ARLOTTA Picchì chiddu dà, capisti, ni.., ni ‘ncapigghiammu cu’.., cu’.., cu’ l’avvocato boni.

MAGAZZU’ Cu’ cui?

ARLOTTA Cu’ l’avvocato.

MAGAZZU’ E picchì?

ARLOTTA Picchì, picchì ci hamu ‘a dari du’ misi. Aviumu i (cosi) sutta e non ci l’hamu datu. Purtroppo to’ frati, dà, chiddi diciunu quannu fa.., facemu i compromessi ci damu e chiddu c’ ‘a pigghia ‘nto culu sugnu io’.

MAGAZZU’ E chi c’entra chi ‘a pigghiati ‘nto culu, signor Arlotta.

ARLOTTA ‘A pigghiu, picchì mi mannau.., stamatina annai mi registru i compromessi, e mi fazzu chiddu, un.., un macellu, ora..

MAGAZZU’ Già comunque.., va bene, già comunque ci ‘a fici ‘na telefonata.

ARLOTTA Io’ mi n’ ‘e sentu buccazziari ‘u sai chi paghiria?

MAGAZZU’ Hm. No, va bene, non vi preoccupati.

ARLOTTA Santino, io’.., non vogghiu.., ah?

MAGAZZU’ Stamatina già mi telefonau Salvatori.

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ E già l’ho fatta la telefonata, però iddu ‘nta stanza non c’era. Ora l’hanno chiamato a pranzo. Ora staiu ‘spittannu ‘u.., ‘e cinque pi’ sapiri chiddu chi ci dissi. Si c’è.., si c’era o non c’era. Appena io’ sacciu.., io’ n’autru mossu.., io debbo chiamare fra un’ora. Appena chiamo vi fazzu sapiri. Va bonu?

ARLOTTA Videmu chiddu c’amu ‘a fari. Senti ‘na cosa.

MAGAZZU’ Oh.

ARLOTTA Dicu, ‘na vota chi avemu ‘sta concessione edilizia..

MAGAZZU’ Hm.

ARLOTTA ..dicu, ci facemu fari ‘u cartellu cu’.., o no?

MAGAZZU’ Ci hamu ‘a fari.., intanto ci hamu ‘a fari, io’ pensai, s’havi ‘a fari ‘u cartellu chiddu della concessione, chidda dà pi’.., pi’ travagghiari.

ARLOTTA Eh, sì, ci facemu chiddu.., ‘u cartellu d’ ‘a concessione.

MAGAZZU’ Va bene, ni pigghiamu ‘sta cosa e.., e sistemamu chiddu chi hamu ‘a sistemari, intantu videmu.., pigghiamuni ‘sta cosa. Ora, Lunedì haiu appuntamentu cu’ Luciano.

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ Picchì.., pi’ du’ discussu d’ ‘u faru.

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ Ora.., Arlotta, io vi chiamo fra un’oretta.

ARLOTTA Dicu, videmu chiddu c’hamu ‘a fari, và, pi’ favuri, picchì cu’ chiddu dà non ci pozzu annari chiù unni chiddu.

MAGAZZU’ Eh, e non ci annari, non ci annari.

.

Altrettanto importante è la conversazione n. 3916 ore 17.47, del 17/03/2006, stavolta perché mostra il pieno coinvolgimento nell’operazione di Smidile Antonino che lamenta l’impazienza di Fortino e dei soci dello stesso i quali pretendono denaro da loro che ancora non hanno incassato alcunché.

……………..

SMIDILE ..così ni facemu ‘na bella chiacchiariata, vediamo anche per questo sbancamento come.., come programmamu, videmu..

ARLOTTA Io’ ‘u programmai, io’ pensava chi Lunedì nui autri aviumu a mettiri mani.

SMIDILE Eh, aviumu a mettiri mani, eh..

ARLOTTA Cu’ ‘sti concessioni chi facemu?

SMIDILE Eh. Minchia, Lunedì amu ‘a mettiri mani! (sorride) E Lunedì, martedì mittemu mani, non ci sono problemi, cà pronti semu nui autri. C’è di muttari calcestruzzu semu pronti, c’è ‘u scavaturi e semu pronti, ci voli ‘a pala e semu.., non abbiamo problemi. L’importante è che partiamo.., che partiamo col piede giusto. Si partemu cu’ pedi sbagliato prima..

ARLOTTA No..

SMIDILE ..prima ni cattamu ‘a zotta, comu dici tu.., prima cattamu ‘a zotta e poi.., e poi ‘u cavaddu.

ARLOTTA Cu’ ‘sta concessione mi stannu fannu siddiari.

SMIDILE Cu’ chi?

ARLOTTA C’ ‘a concessione.

SMIDILE Picchì (…..) ma dico.., ormai, mi pare, mi pare che dumani dice chi v’hannu ‘a dari ‘stu..

ARLOTTA Sì, sì, ma intanto, ‘i ionnu e ionnu, ‘i ionnu e ionnu, viditi comu passunu i ionna?

SMIDILE Eh, e appunto, dico, ora ‘n’hamu ‘a cominciare a programmare che dobbiamo.., dobbiamo partire e comu partemu, hamu ‘a partiri proprio boni.

ARLOTTA Sì, certo chi pattemu boni.

SMIDILE Pattemu a (volo) picchì dobbiamo lavorare tutti i giorni a ritmo continuato.

ARLOTTA Io’ haiu puru ‘a richiesta d’ ‘a luce e chiddu ‘spetta ‘a concessione edilizia.

SMIDILE Eh. Lunedì vi aspetto qua, c’è MAGAZZU’ cà, dici chi vi offri ‘u cafè Lunedì. A chi ura viniti?

ARLOTTA Ma Lunedì videmu, ni.., ni sintemu..

SMIDILE Avanti, ni sintemu Lunedì matina e ni pigghiamu.., l’appuntamento, avanti.

ARLOTTA Io’chiddu.., chiddu chi non pozzu sumpurtari sunnu dì cani dà.

SMIDILE E ma ora, dicu, si.., si.., si pattemu..

ARLOTTA Non voli capiri nenti chistu.

SMIDILE Ormai si tratta di giorni, no?

ARLOTTA Aieri puru a me’ figghiu ci rumperu i scatuli..

SMIDILE Lo so, non dugnunu.., eh, ‘u sacciu chi non dugnunu pace.

ARLOTTA (…..)

SMIDILE Ma chisti cà hannu.., questa qua è la sua caratteristica chi de.., chisti docu così ragiununu, non è che.., non tenunu in considerazione

che ancora non hamu pigghiatu nenti, chi non avemu nenti, chi non putemu pattiri. Dico..

ARLOTTA Eh, ‘u sacciu.

SMIDILE ..si ni futtunu, iddi.., ahi i soddi. Va bene, Arlotta, ci vediamo Lunedì mattina, avanti.

ARLOTTA Dicu, cuminciamuni a programmare camion, cose.

SMIDILE Che cosa?

ARLOTTA Dicu subitu purriumu pattiri, non è..

SMIDILE Certo, ma dico su.., su.., subitu putemu pattiri, cuminciamu a pigghiari misuri, videmu quant’è ‘stu sbancamentu chi s’ho ‘o fari. Facemu ‘stu contrattu di.., d’ ‘u contrattu qua di coso, dell’appalto.

ARLOTTA Eh, ma chistu dicu io’ non è..

SMIDILE Sì, ma dico.., io’ chistu cà vulia diri, giusto per fare il (…) di partenza..

ARLOTTA (…..)

SMIDILE ..(…..) i soddi chi ci hamu ‘a dari a chisti docu.. Facemu tanti discussi, và.

ARLOTTA Va bene.

SMIDILE Sì, sì.

Nella conversazione n. 7155 ore 10.42, del 18/03/2006, così come in altre similari la consegna del denaro da parte degli imprenditori è in stretta connessione con l’attività amministrativa per incidere sulla quale Fortino ed i suoi esercitano le pressioni del caso per rendere i passaggi da un

ufficio all’altro e da un funzionario all’altro, per i controlli di competenza, più celeri.

PUCCI Ho capito, ho capito. Bene, sono contento. Che mi volevi dire.., chiedere? Che mi volevi chiedere?

NINO Ci sono novità per quel signore? No, vero?

PUCCI No, non ci sono novità perché ancora.., ancora non ci sono neanche i cosi..

NINO Ho capito, manco la firma di MINUTOLI.

PUCCI Manco la firma di MINUTOLI. Io non lo so per quale motivo, ma comunque.

NINO Va bè, ma ora glielo firma. Se glielo firma che succede poi?

PUCCI Lunedì mattina va coso, se (non) lo firma dovrebbero rientrare tutta una serie di compromessi, per cui quando tu torni dovremmo avere quel.., la tranquillità di tutto.

Conversazione telefonica n. 1721, del 21/03/2006, ore 11.44,

UMBERTOPucci!

PUCCI Umberto.

UMBERTOGioia, eh?

PUCCI No, niente.

UMBERTOHo fatto chiamare da Nanni.

PUCCI Ah, l’hai fatto chiamare?

UMBERTOHo fatto chiamare da Nanni. Abbiamo chiamato poi Ministero, abbiamo chiamato là, ha risposto la segretaria, lui era fuori stanza, ci ha dato il numero del telefonino, il telefonino non prendeva, poi lui ha richiamato che Nanni era andato via..

PUCCI Eh?

UMBERTOE la segretaria ha detto: << Guardi, la cercava il vice ministro. Gliel’ho detto se chiama, perché vuole avere notizie su una pratica che è alla sua firma. Gli dica che è tutto a posto.>>.

PUCCI Eh, quindi è già firmata.

UMBERTOEh, va bene?

PUCCI Va bene, d’accordo.

UMBERTOOra di.., comunque io domani mattina, perché Nanni è in Abruzzo, è partito..

PUCCI Sì.

UMBERTO..io domani mattina chiamo e gli dico: << Senti, Nanni voleva la risposta, so che hai chiamato ma non ho capito bene.>>, capito?

PUCCI Va bene.

UMBERTOAnzi, lo chiamo a casa stasera.

PUCCI Va bene, va bene, d’accordo.

UMBERTOOk?

PUCCI D’accordo.

UMBERTOCiao, Pucci, ciao, ciao.

PUCCI Ciao.

Conversazione n. 7250 ore 10.22 del 22/03/2006

ARLOTTA Sì.

AVVOCATO Pronto?

ARLOTTA Sì.

AVVOCATO Signor ARLOTTA, suo figlio è andato a pigliarsi quella cosa?

ARLOTTA No, picchì ancora non.., non.., non è pronta avvocato.

AVVOCATO Ma come non è pronta? Ieri sera dice che l’ha firmata MINUTOLI.

ARLOTTA (si rivolge al figlio) Salvatore, è l’avvocato. Hai notizie ‘i stamatina?

AVVOCATO Mi passi.., me lo passa suo figlio?

ARLOTTA Sì, sì, dice c’è commissione edilizia, dice, stamatina.

(passa al telefono il figlio)

SALVATORE Avvocato?

AVVOCATO Sì.

SALVATORE E allora, fino a ieri pomeriggio..

AVVOCATO Sì?
SALVATORE ..non era stata fatta ancora.

AVVOCATO Ieri pomeriggio l’ha firmata.., MINUTOLI. Mi.., gliel’ha detto al se.., al vice ministro RICEVUTO. Quindi, è sicuro così. Adesso, stamattina lei deve andare o mandare qualcuno per ritirarla.

SALVATORE Eh, però c’è commissione edilizia stamattina, avvocato.

AVVOCATO E va bè, ma coso che c’entra con la commissione edilizia?

SALVATORE Chi? LA CAVA? E’ in commissione, lui va in commissione sempre.

AVVOCATO Eh?

SALVATORE Certo, certo, insieme a PARLATO. Infatti ora prima che lei chiamasse ho provato a chiamare lui e.., e era in commissione, quindi.., prima dell’una io non posso avere notizie. Perciò..

AVVOCATO Ora vediamo se.. Quindi non si può avere da nessuna altra parte se non da LA CAVA? Ma LA CAVA perché va a fare in commissione?

SALVATORE Come che va a fare in commissione?

AVVOCATO LA CAVA non è quello che fa.., che rilascia le concessioni poi?

SALVATORE Eh, però quando c’è commissione edilizia, lui, praticamente, insieme a PARLATO, è il responsabile.., giuridico delle.., della commissione, ha capito?

AVVOCATO Hm. Va bene, ora vediamo quello che posso fare, và. Va bè, d’accordo, allora mi.., mi faccio risentire io.

SALVATORE Sì. Dico io in.., in tarda mattinata penso che riuscirò a telefonare, però dico, l’importante è che gliela facciano avere nel.., dico, o comunque si vada a prendere nel.., da MINUTOLI, ecco, se lui l’ha firmata. Ecco, questo..

AVVOCATO MINUTOLI l’ha firmata sicuramente.

Che gli imprenditori siano in contatto non solo con il Fortino ma anche con i soci dello stesso, parti del pactum sceleris, risulta fra le altre pure dalla conversazione n. 4172 ore 09.25, del 23/03/2006 ove viene indicato Gierotto, del tutto estraneo all’ufficio urbanistico, come persona cui rivolgersi in caso di necessità

PADRE Sì?

FIGLIO Papà?

PADRE Eh.

FIGLIO E allora, vidi chi finu a ‘st’ura dà cosa non ha statu firmata ancora, ah.

PADRE Chiama all’avvocatu e ci ‘u dici o a.., oa a GIEROTTO.

FIGLIO Picchì.., io’ dà non potti ‘ntrasiri..

PADRE Eh.

FIGLIO ..picchì (…) è ‘nchiusu, capisci? Pigghia e..

PADRE (…)

FIGLIO ..e ci telefonai a Giuvanni, dico, và.

PADRE Eh.

FIGLIO Dissi che fino a questo momento non c’è niente. Mi ha detto comunque che ci sono persone che stanno girando e che si interessano di questa cosa.

PADRE Tu chiamulu e diccillu.

FIGLIO Eh, va bene. Ok.

PADRE Eh.

FIGLIO Ora chiamo all’avvocato. Ciao.

PADRE Sì.

Conversazione n. 4178, ore 10.28, del 23/03/2006

PADRE Sì?

FIGLIO Papà?

PADRE Eh?

FIGLIO E allora, la concessione è numero 36 Duemila e sei, di oggi.

PADRE Eh.

FIGLIO Haiu tutti cosi cà, versamenti, buddelli e camurrie varie. Ora chiamu a MAGAZZU’..

PADRE Eh.

FIGLIO ..gli do tutto quello che mi devono preparare e Lunedì mattina ci possiamo ritirare la concessione se abbiamo tutto fatto.

PADRE Ma dicu.., già ‘u numero d’ ‘a concessione c’è?

FIGLIO Sì, numero trentasei.

PADRE Diccillu a Santino mi comincia a chiamari i cristiani.

…………….

Nella conversazione n. 1818, del 23/03/2006, ore 11.53 emerge in maniera lampante ancora una volta il pieno coinvolgimento del Gierotto che ha fatto il possibile, attivando i suoi canali, per il rilascio della concessione. Il ruolo di primo piano dell’uomo nella vicenda non si spiega se non aderendo all’impostazione accusatoria, non avendo costui titolo lecito alcuno per intromettersi e vantare pretese economiche nei confronti degli imprenditori. L’illiceità di queste ultime si ricava fra l’altro da quanto ammesso dallo stesso che riconosce l’impossibilità di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria per chiedere un decreto ingiuntivo e che propone in alternativa di usare la forza per costringere gli imprenditori a pagare.

TONINO Pronto?

PUCCI Sì.

TONINO Ohu.

PUCCI Ho fatto tutto.

TONINO Sì, sì, se l’è ritirata, sì.

PUCCI Eh, eh, meno male. Meno male che non c’era niente fatto, minchia, quando.., sei una testa di brioscia.

TONINO Pucci.., Pucci, adesso mi sto incazzando veramente. L’ha firmata alle dieci meno un quarto.

PUCCI E va bene, ma io gli avevo detto che stamattina sarebbe stata pronta.

TONINO Alle.., alle.., io alle sette ero là. L’ha firmata alle dieci..

PUCCI E alle sette che andavi a fare? Anche se l’ha firmata alle dieci meno un quarto, l’ha passata.., entro stama.., l’impegno era che stamattina sarebbe stata passata alla.., alla cosa.

TONINO Sì, ma seco.., sì, ma secondo te perché l’ha firmata alle dieci meno un quarto?

PUCCI Sì, perché sei andato tu.

TONINO Certo, esattamente perché sono andato io.

PUCCI Ma non dire cavolate! Dai, per cortesia.

TONINO Va bene, basta a.., a me non mi interessa il me..,

PUCCI Hai ragione tu.

TONINO ..io non voglio nessun merito..no, no, no..

PUCCI Hai ragione tu.

TONINO No, no..

PUCCI Se mi aveva detto..

TONINO Non voglio nessun merito e neanche..

PUCCI Ma questo non è.., perché non ne hai, perché ti sto dicendo che.., quando io ho chiamato alle dieci meno venti a coso, mi aveva detto che era già firmata. Quindi non è possibile che alle dieci meno un quarto l’ha firmata, l’ha firmata stamattina, perché così eravamo rimasti e l’ha passata a quella signora, non so come si chiama, AGNELLO..

TONINO L’ha firmata stamattina a che ora?

PUCCI A.., appena è arrivato, quando è arrivato prima di andare dall’assessore, perché poi è stato dall’assessore..

TONINO Ah sì?

PUCCI ..è stata firmata la pratica.

TONINO Va bè, allora ho sbagliato io, chiedo scusa, ho sbagliato io. Tanto..

PUCCI No, Tonino, non si tratta qua.., è inutile che ci facciamo io.., io tu e cose, dico, io.., io avevo detto che stamattina sarebbe stata pronta e stamattina è stata pronta.

TONINO Eh, va bene.

PUCCI Io non so che dirti, a me.., io ho parlato direttamente con SCINALDI. E SCINALDI mi ha detto: << E’ stata firmata già stamattina e mandata a un acerta signora..>>, che adesso non mi ricordo.., non coso, LA CAVA, non so come si chiama.

TONINO E.., e.., ALLEGRA.

PUCCI No, no, non era neanche ALLEGRA, un altro.., un altro nome.

TONINO E non ce ne sono più donne là, c’è la ALLEGRA e la.., e LA CAVA. Loro due sono quelli che fanno questi.., queste..

PUCCI Ma che ne so, mi ha dato un altro.., un altro nome e io gliel’ho detto ad ARLOTTA. ARLOTTA è andato là, l’ha trovata e è andato tutto a posto. Va bè, comunque, o..

TONINO E..

PUCCI ..o tuo, o mio, o suo, o di BONANNO..

TONINO ..comunque..

PUCCI ..o di RICEVUTO non me ne frega..

TONINO ..io siccome..

PUCCI ..l’essenziale che è stata varata.

TONINO ..siccome io là ero presente alle sette e cinque di stamattina, mi sono alzato alle sei apposta.

PUCCI Ma perché alle sette se aprono alle nove?

TONINO No, perché.., perché Manlio è arrivato alle sette e cinque.

PUCCI Manlio è arrivato alle sette e cinque?

TONINO Alle sette e cinque minuti, sì. E alle sette e dieci è arrivato PARLATO.

PUCCI Ho capito, e quindi hai parlato alle sette e cinque tu?

TONINO Sissignore.

PUCCI Ho capito, va bè, d’accordo.

TONINO Alle sette.., e guarda c’è testimone.., eravamo io, PARLATO e lui. Non è che.

PUCCI Va bè..

TONINO E LA CAVA è arrivato alle sette e un quarto e si è infilato subito nella stanza..

PUCCI Ma perché arrivano alle sette, che devono fare?

TONINO Perché.., alle sette e cinque. Precise. Cose da uscire pazzi, alle sette e cinque.

PUCCI Va bè, comunque, a.., oramai non hanno più alibi.

TONINO Comunque, ce ne stiamo fottendo, ce ne stiamo fottendo ormai.

PUCCI Oramai non hanno più alibi.

TONINO Sì, va bene, però guarda.., adesso, siccome la situazione ce l’hai in mano tu perché o.., o la gestisci bene e.., e.., e gli rompi il culo, va bene, o sennò ci vado io e glielo rompo io il culo, ah!

PUCCI E.., sia, ma.., il problema tu lo sai benissimo che non ci abbiamo questa ulteriore.., possibilità come dici tu. Perché, praticamente, che gli dovresti fare, il decreto ingiuntivo?

TONINO No, quale decreto ingiuntivo, che..

PUCCI E allora, e allora, si tratta di anda.., con molta.., io sai quante telefonate.., brusche ho fatto? Tu non hai idea. Però, dico, materialmente..

TONINO Ora.., ora qua faranno passare ancora una settimana.

PUCCI Sì, sicuramente una settimana. E.., tu devi fare conto dopo.., a.., Giovedì prossimo, forse, avremo qualcosa. Giovedì prossimo.

TONINO No, perché a loro questo numero gli giovava per..

PUCCI Per metterlo nei preliminari.

TONINO Esatto, eh, nei preliminari. Perché sennò non potevano fare le..

PUCCI Va bè, va bè, d’accordo.

Nella telefonata n. 4279 ore 12.16, del 24/03/2006 Magazzù Santino ricorda ad Arlotta che devono pagare suo cugino (come detto nel corpo della motivazione cugino dei Magazzù è D’Andrea Giuseppe) che ha ceduto loro l’affare, poiché hanno iniziato a concludere i compromessi; Arlotta mostra preoccupazione in quanto deve far fronte anche agli altri obblighi ( quelli assunti con Fortino, Ponzio ecc).

ARLOTTA Sì?

MAGAZZU’ Arlotta, buongiorno, Magazzu’ sugnu.

ARLOTTA Sì, Magazzu’.

MAGAZZU’ Pronto? Senti ‘na cosa, ora stamu cuminciannu a telefonari e ‘a prossima simana cuminciamu a fari ‘sti compromessi.

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ Cuminciamu a telefonari. Senti ‘n’autra cosa.., mi ha telefonato mio cugino Pippo..

ARLOTTA Hm.

MAGAZZU’ ..chi si voli ‘ncuntrari cu’ lei chi ora po’.., ‘a po’ sistemare puru ‘a so’.., ‘a so’ faccenda.

ARLOTTA Eh, va bene, dico.., Magazzu’.., sì, però, dico, comu ristammu tannu cu’ iddu?

MAGAZZU’ Chi nui ci davumu.., ogni centu metri di casa ci davumu cinqumila euro.

ARLOTTA Ma man mano chi ‘i iemu ‘ncassannu, mi pari chi ci dissimu.

MAGAZZU’ Come?

ARLOTTA Man mano chi ‘i iemu ‘ncassannu?

MAGAZZU’ Certo, man mano.., appena facemu i compro.., ogni compromessu chi facemu ci damu cinqumila euro.

ARLOTTA E va bene..

MAGAZZU’ Eh. Siccomu ora iddu mi dissi, dice: <>..

ARLOTTA Ohu. Ohu, calmamuni picchì com’adora cu’ chiddi sugnu già..

MAGAZZU’ Arlotta, scusatimi ‘na cosa, cu’ chiddi a mia non.., è un discussu.., noi ‘n’amu ‘a ‘ncuntrari cu’ me’ cucinu e dobbiamo pianificare il rapporto picchì c’è ‘na caparra fatta, hamu ‘a sistimari ‘sta caparra chi l’aviti fatta a vui. Mi.., mi segue?

ARLOTTA Sì. Sì, sì, sì, sì, sì.

MAGAZZU’ Eh.., sì e.., quannu ci dicu chi ni videmu cu’ iddu?

ARLOTTA Santino.., Santino, ‘nta simana entrante ni sintemu.
MAGAZZU’ Ci.., io’ ci fissu ‘n appuntamentu p’ ‘a prossima simana?

ARLOTTA Sì. Però sintemuni ‘a simana.

MAGAZZU’ Eh, sintemuni.., quannu vui faciti i compromessi.

ARLOTTA Santino haiu cristiani cà.

MAGAZZU’ Ah, va bò, arrivederci, arrivederci.

ARLOTTA Sì, arrivederci, non vidi chi non parru, non l’ha caputu allura.

MAGAZZU’ Arrivederci, arrivederci.

Di estrema importanza è anche la conversazione n. 132 ore 9.47, del 28/03/2006 ove Gierotto si vanta con Ponzio del fatto che è stato lui ad intervenire in maniera risolutrice su Minutoli per il tramite dell’assessore Catalioto e di averlo fatto presente sia a Magazzù Santi che a Fortino. Il riferimento a Magazzù Santi dimostra ancora una volta che costui è parte degli accordi illeciti assunti con Fortino. Ponzio e Gierotto poi discutono del tempo occorrente per conseguire dagli imprenditori quanto loro promesso (anche solo in parte) e si informano reciprocamente a tal fine dello stato dei lavori sul Torrente Trapani.

TONINO Eh. Ora.., ora parrammu ‘i tia, ‘ncuntrai a cosu, mentri vinia cà, unni CATENA, a NICOCIA, all’ingegnere.

NINO Ah sì? A cui, a Gianpaolo?

TONINO Sì, sì. Chiddu d’ ‘u genio civile, sì.

NINO Hm.

TONINO Comunque!

NINO Senti, hai notizie qua, quannu chisti cuminciunu i travagghi?

TONINO No, i travagghi io’ penso chi già.., mi pare che.., che ora..

NINO Sì, ma io’.., ma..

TONINO ..l’avissiru ‘a ‘ncuminciari, picchì è..

NINO Eh, ma io’ chi staiu cà ‘i facci, non vidu nenti, camion, cose, avissi avvidiri sbancamenti, movimenti di terra, nenti c’è.

TONINO Eh, picchì chiddu, oramai ‘a concessione l’havi, perciò.

NINO Eh.

TONINO Si non era pi’ Tonino GIROTTO, avogghia mi parrunu, l’onorevole minchia e mazzi.

NINO Sì, ma non ti preoccupare che ci ‘u dissi io’ a.., a Pucci FORTINO.

TONINO Sì, ma no.., no, ma ‘u beddu ‘u sapi.., ‘ncuntrai..

NINO No, no, no, ma si è convinto. Si è convinto.

TONINO ‘Ncuntrai a Santino MAGAZZU’. No? E mi dissi: << Si non ci annavi tu non ci ni fimmavunu.>>.

NINO E infatti, e infatti. Gliel’ho detto io a FORTINO, non ti.., ci dissi io’: << Non ti fare.., non ti fare forte con la presenza di quelli.., di quei personaggi, picchì cà c’è genti chi sutta sutta havi amicizie, travagghia, comu fici Tonino, – ci dissi – stai tranquillo che te lo posso assicurare, l’ha fatta firmare lui, a un certo punto pigghiau e annau direttamente unni l’assessuri.>>

TONINO E non è chi annai.., io non è chi annai picchì ‘u canusciu, tu.., tu.., tu dumanniccillu a PARLATO. Mentre.., mentre ero..

NINO Tonino, io lo so. Tonino..

TONINO No, mentre ero nella stanza con PARLATO che.., che.., che.., ed è uscito dalla stanza di Manlio MINUTOLI coso, Gianni LA CAVA..

NINO Eh. Eh.

TONINO ..va bene? Nisciu ‘e novi e trentacinqu, ci dissi: << Allura, Gianni, comu finiu?>>, dici: << Non firmau un caddu chiddu dani – dici – mancu l’havi vaddatu.>>. Appena nisciu Gianni ci dissi a PARLATO, ci dissi: << Sabbaturi – ci dissi – mi usciau u cazzu.>>. Pigghiai ‘u telefonino, ho fatto una telefonata, tu.., e queste sono state le mie testuali parole, tu dumanniccillu a PARLATO e te li conferma. Ci ha..

NINO Ma io lo so.

TONINO ..<>. Dopu tri minu.., dumanniccillu a PARLATO, dopu trenta secunni c’era Anna chi mi circava, apriu ‘a porta, dici: << C’è l’assessori chi ti sta ‘spettannu.>>, ci dissi: << Assessore, così, così, così, così, così, così.>>. Pigghiau ‘u telefono, chiamau a Manlio, dice: <>, dice. Dopo.., dopo cinqu minuti era firmata.

NINO ‘U vidi docu! Hai visto, hai fatto be.., ma gliel’ho detto a Pucci io. Ci ‘u dissi: << Pucci, non ti fari..>>.., dici: << Allora..>>.., dici.., ci dissi: << Pucci, vedi che l’ha fatta firmare Tonino. Io non vogghiu.., non parliamo di paternità o meno, l’ha risolto lui il problema, punto e basta. Quindi non fare affidamento sull’autri chi si fannu i belli e poi non fannu un cazzu. Quindi, questa.., la situazione è così.>>.

TONINO Si chiddu havia chinnici ionna chi era all’Aquila e..

NINO E l’ha capito.

TONINO ..e.., e ancora era all’Aquila.

NINO Sì, sì, ma ‘a capiu iddu, ‘a capiu.., ‘a capiu Pucci, forza non ni parramu.

TONINO Meno male che..

NINO Senti, novità pi’ nui non ci ni sunnu ancora, vero?

TONINO Io penso che avissiru agghiessiri fra dumani e dopudumani.

NINO Fra domani e dopodomani, ho capito, Tonineddu, va bene. va bè, Tonino..

TONINO Magari quacchi cosa, ma basta mi ci sunnu.

NINO Certo. Ma chi fai, ti fai vidimi chiù tardu?

………………………

TONINO E tu non sai poi ‘u restu. Poi.., poi mi telefonau l’assessuri, perché chi lo ha chiamato..

NINO Eh?

TONINO ..si vidi chi s’appi ‘a mettiri supra all’attenti, no?

NINO Certo.

TONINO Dice: << Lei quando ha bisogno.., non ha bisogno.., venga direttamente da me.>>. Poi.., poi mi ‘ncuntrai, ci dissi: << Assessore, io la ringrazio..>>.., << So che lei è all’Università, così, così..>>.., ci dissi: << Non c’è problema, se lei ha bisogno di me venga.., non si.., non fa.., non abbia vie traverse, bussa e entri >>, mi disse.

NINO Certo, infatti. Hai fatto bene.

TONINO Ohu, chiamau a Manlio dava.., davanti a mia, ci dissi: << Manlio, vieni qua che mi devi firmare una cosa. – mi dissi a mia – Lei se ne può andare.>>.

NINO Sì, sì. No, no, a iddu ‘u senti, perché.., vidi chi chistu cà vadda è bravu cristianu ma è niricatu, ah. ‘U manna a fanculu comu nenti fussi, t’ ‘u dicu io’.

TONINO Tu dici?

NINO Hm.

TONINO Comunque.

NINO Va bè, comunque, l’importante è che l’ha firmato, poi videmu..

TONINO Infatti quannu annau.., quannu annau ARLOTTA, Gianni LA CAVA ci ‘u cuntau.

NINO Eh, infatti.

TONINO Gianni LA CAVA ci ‘u cuntau. (sorride)

NINO Certo, certo. Certo. Certo. Va bè, senti cà ‘na cosa, speriamu chi cuminciunu prestu i travagghi ora, va, dai, ora mi staiu siddiannu. Hannu ‘a cuminciari, ora amu annari.., amu annari a spron battuto amu annari.

TONINO No, ma sai perché gli giovava il numero della concessione?

NINO Eh, eh.

TONINO Il numero della concessione?

NINO Eh, per il mutuo.

TONINO No, qua.., no, quale mutuo, chisti hannu già un sacco di ri.., di.., di.., di..

NINO Di richieste.

TONINO Di vendite, di vendite. E loro.., e.., ed è giusto che facciano così, nella vendita, nelle prenotazioni..

NINO Indicano la concessione edilizia.

TONINO ..vogliono mettere anche il numero della concessione.

NINO Eh, ed è giusto che sia così, è giusto che sia così.

TONINO E’ giusto. Dici: << ‘n’avemu un mare – dice – però – dice – noi, siccome siamo persone serie, così, così.>>. Capisti?

NINO Va bono.

TONINO E hanno fatto bene.

NINO Va bè, Tonino, ti chiamu io’ chiù tardu.

TONINO Ti salutu và.

NINO Ah?

TONINO Ora trasu. Ora.., è trasiri, già mi chiamare, è trasiri, è trasiri.

NINO Eh, fammi un coppu ‘i telefono si nesci prima.

TONINO Va bene.

NINO Ciao, ciao.

TONINO Ciao.

Altra telefonata di interesse è la n. 19412 rit 590 del 29.03.06 fra Bonanno e Fortino in cui quest’ultimo comunica al primo che dovrà vedersi con una certa persona l’indomani; trattasi di Arlotta in quanto nella conversazione che precede la presente Fortino si dà un appuntamento proprio con Arlotta per vedersi il giorno dopo. Fortino prosegue dicendo al suo interlocutore che loro potranno di conseguenza incontrarsi il venerdì o eventualmente il lunedì successivo. Viene usato un linguaggio criptico; Bonanno in particolare chiede a Fortino se può tenere lui certi i documenti e dargli solo una fotocopia. Nel corso dell’ esame reso Bonanno ha ammesso che in questa come in altre telefonate parlava di denaro utilizzando espressioni convenzionali, ma non è stato in grado di fornire una giustificazione ragionevole; se la datio di denaro fosse stata lecita il Bonanno non avrebbe avuto ragione di parlare in codice. In nessun dialogo intercettato Fortino e Bonanno parlano, invece, di prestiti concessi dall’uno all’altro; non ha quindi conforto alcuno, anzi è smentita dalle contrarie risultanze processuali, la tesi difensiva del Bonanno che ha sostenuto che il denaro ricevuto da Fortino non costituiva retribuzione dell’illecita interferenza per il rilascio della concessione ma un mero prestito fatto da un amico.

UMBERTOPronto?

UOMO Umberto.

UMBERTOCome stai?

UOMO Bene, senti, ti volevo dire..

UMBERTOHm?

UOMO ..io ho quell’appuntamento domani mattina verso le undici.

UMBERTOEh.

UOMO Confermato. E.., e questo è tutto. Tu che notizie hai?

UMBERTOConfermato e positivo?

UOMO Sì.

UMBERTOIo sono a Roma.

UOMO Sì, lo so, ma dico quando riparti? Perché io..

UMBERTOPenso che dovrei ripartire Venerdì pomeriggio.

UOMO Quindi probabilmente Venerdì ci potremmo anche dare.., vedere un attimo.

UMBERTOVa bè, ma (…) poi tu quando rientri a Messina?

UOMO Domenica.

UMBERTOEh, ma tu eventualmente non hai la possibilità i documenti te li tieni tu?

UOMO Sì, certo.

UMBERTOAl limite.., al limite mi servirebbe tanto per averne una sola per le fotocopie, capisci?

UOMO Eh, va bene, dico, perciò..

UMBERTOCi vediamo Venerdì e me la dai, se è possibile. Sennò Lunedì se ne parla.

UOMO Sì, sì, va bene.

UMBERTOPure per evitare il viaggio con tutti ‘sti documenti dietro, capito?

UOMO Va bè, va bè , ho capito……………..

Nelle conversazioni intercettate il 31.03.06 la n. 181 e 182, a parlare sono Ponzio e Gerotto i quali dicono che l’Arlotta attribuisce la colpa dello inadempimento ai signori Magazzù. Ponzio comunica poi a Gierotto che Fortino ha rifiutato una misera somma di denaro che l’imprenditore frattanto gli voleva dare. Sintomatica dell’illiceità dell’accordo assunto con gli imprenditori è la circostanza che Ponzio riferisce a Gierotto che Arlotta non vuole parlare al telefono ma si reca da Fortino per discutere personalmente di “affari”

Conversazione n. 181 ore 11.20, del 31/03/2006

…………

TONINO Vulia chiamari a FORTINO, ma non mi risponde.

UOMO No, ma FORTINO non c’è, si ‘n’annau, partiu.

TONINO Eh.

UOMO Partiu, havia annari a Roma e poi a Milano. No, m’ ‘u dissi aieri. No, parrau cu’ chiddu, pari chi chiddu dà ci cuntau chi ebbi discussioni chi fa.., c’ ‘i ma.., c’ ‘i MAGAZZU’, capisci? Ha avuto discussioni ha avuto, hai capito? Ebbi discussioni, capisci?

TONINO E di conseguenza?

UOMO E nenti, ‘a cuppa ci ‘a schiaffau a chiddi, capisci? A di’ dui dà, chi si comportare mali, capisci, che non hanno..

TONINO Per il ritardo? Per il ritardo?

UOMO Sì, ma comunque dice: << So.., me la.., me la vedo io, ‘u responsabile sugnu io’ e me la vedo io >>, ci dissi: << a questo punto Lunedì noi ci incontriamo.>>.

TONINO Hm.

UOMO Anzi era disponibile a.., disponibile praticamente ad una.., ad una cosa molto, molto esigua, Pucci dissi: << No, non ne vale la pena se li tenga.>>.

TONINO Va bene. Ok.

………………………………

Conversazione n. 182, ore 11.39, del 31/03/2006

………………

TONINO Ti vulia.., ti vulia dumannari ‘na cosa. Quel signore là, che gli ha detto che.., che.., al quale è stata fatta riportare indietro quella piccolezza..

NINO Eh.,

TONINO Eh, è andato o ha telefonato?

NINO No, annau, annau. Annau, chiddu pi’ telefono non parra.

TONINO Eh.

NINO E gli diceva proprio ‘sta questione di di’ personaggi, capisci, chi non è.., a quanto pare docu c’è un pocu ‘i maretta fra iddi, ah?

TONINO Eh, ma io quannu v’ ‘u dissi all’inizio chi.., chi cumannunu iddi, c’è pocu ‘i fari!
NINO Eh, gioia! E io’ chi ti pozzu fari? ‘I puttai io’ ‘a ‘sta genti? Iddi dà erunu. Chi ci pozzu fari io’? (sorride)

TONINO Va bene.

NINO Cumannunu.., cumannunu iddi, certo. Ma unni si’ ora tu?

TONINO Aspe.., chiudi, chiudi, chiudi, chi c’è FORTINO chi mi sta chiamannu. Chiudi.

NINO Sì, ti ‘spettu io’.

TONINO Ciao.

Nel mese di aprile intervengono poi varie telefonate con cui Fortino prende degli appuntamenti per farsi consegnare da Arlotta il denaro promessogli e coevamente quest’ultimo si accorda con i propri soci perché gli portino le somme da dare; in particolare Magazzù Giovanni è invitato a far ciò.

Conversazione n. 5010, ore 12.16, del 04/04/2006

…………………

ARLOTTA Scinnitimi d’assegnu vui, và.

MAGAZZU’ Quali assegnu v’è scinniri?

ARLOTTA Mi ci damu l’autri cosi a chiddu dumani.

MAGAZZU’ E di quantu?

ARLOTTA Trenta.

MAGAZZU’ Non ci su’ trenta.

ARLOTTA Ci su’.

MAGAZZU’ Ci su’?

ARLOTTA Sì.

MAGAZZU’ Ora videmu.

ARLOTTA Ci su’. Ancora cinquanta n’amu ‘a nisciutu.

MAGAZZU’ Quantu ci ni desimu? Cinquanta?

ARLOTTA Cinquanta, eh. Sunnu centudeci.

MAGAZZU’ Mih! Va bene. Va bè, ni videmu ‘e quattro dà, unni me’ frati.

ARLOTTA Sì, sì, io’già ‘u chiamai.

MAGAZZU’ Sì, sì.

ARLOTTA Va bene.

MAGAZZU’ Arrivederci.

Conversazione n. 5160 ore 11.13, del 07/04/2006

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO Signor Arlotta?

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO Ci vediamo di pomeriggio?

ARLOTTA Non mi dissi chi non c’era oggi, avvocato?

AVVOCATO Di pomeriggio sì. Va bene, se non c’è, va bè, sennò Lunedì, se non può venire non fa niente.

ARLOTTA No, perché io non mi sono preparato stamattina.

AVVOCATO Va bene, allora ci vediamo Lunedì.

ARLOTTA Dovrei ritornare a Barcellona, un macello c’è.

AVVOCATO Va bene, ci sentiamo Lunedì allora.

ARLOTTA Non mi sono preparato perché lei mi dissi che oggi non c’era.

AVVOCATO No, io veramente le ho detto di pomeriggio che c’ero. Va bene, comunque, non ha importanza, ci vediamo Lunedì.

ARLOTTA Va bene.

AVVOCATO Tante cose, arrivederci.

Conversazione n. 5361 ore 12.44, del 12/04/2006

ARLOTTA Sì?

AVVOCATO Signor Arlotta, io sto.., sono uscito ora dal comune, dov’è lei?

ARLOTTA Avvocato, non.., staiu arrivannu, staiu giranno pi’ unni lei.

AVVOCATO Va bene, ci vediamo fra dieci mi.., cin..

ARLOTTA Dicu..

AVVOCATO ..cinque minuti, fra cinque minuti allora.

ARLOTTA Chiù prestu chi ci è possibile picchì haiu l’appuntamento importante.

AVVOCATO Eh, e che vuo.., io sono.., io fra dieci minuti sono allo studio, dieci minuti al massimo, va bene?

ARLOTTA Eh, va bene.

AVVOCATO Arrivederci.

Del giorno successivo è la conversazione n. 5430 ore 11.14, del 13/04/2006 che interviene fra Arlotta e Magazzù Giovanni il quale, alla richiesta del primo di portare del denaro a Fortino, risponde che quello disponibile serve loro per lavorare.

ARLOTTA Sì?

MAGAZZU’ Arlotta.

ARLOTTA Sì, Magazzu’.

MAGAZZU’ Vidi chi cà non l’hannu i.., non n’ha.., non n’hannu moneta.

ARLOTTA Propria? Propria n’hannu?

MAGAZZU’ Propria, propria, i.., chiddi chi hannu dici << Ma n’aggiuvunu>>.

ARLOTTA Come?

MAGAZZU’ Ne hanno poco e gli servono per lavorare. Dici sca.., << Là sotto – dice – fattelo scambiare là sotto.>>.

ARLOTTA E chi facemu? Dà.., eh.., dumani matina chiddu chi pozzu fari, minchia, è un macello. Ma per domani.., per domani .., per domani ce la fanno?

MAGAZZU’ Pi’ dumani?

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ Ah, ci dicu mi prepara dumani.

ARLOTTA Mi prepara pi’ dumani.

MAGAZZU’ Ventimila?

ARLOTTA Trenta.

MAGAZZU’ Ah?

ARLOTTA Trenta.

MAGAZZU’ Trenta?

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ Eh, va bè, ora ci dicu m’ ‘i prepara pi’ dumani. Ma sinnunca.., scusa.., scusate Arlotta, si io’ vi dugnu l’assegnu..

ARLOTTA Eh.

MAGAZZU’ ..dà sutta ‘a.., ‘a sede non v’ ‘u scanciunu a vui?

ARLOTTA Si ci parrati cu’ cosu.

MAGAZZU’ Picchì cà l’hannu sempre a mossa.., vidistu l’autra vota quantu appimu aspittari m’ ‘u pigghiamu? Si ci ‘u diciti a (…) no’ conosciti vui dà sutta?

ARLOTTA Sì, ma dicu, và non.., non vali ‘a pena, dicu mi vaiu dà.., casu mai videmu. Viditi chiddu chi vi dici, và.., e pi’.., dumani pigghiamu e ‘u facemu.

MAGAZZU’ Va bene, allura ci fazzu fari pi’ dumani, và. Arrivederci.

…………..

Ancora più significativi sono dei dialoghi che avvengono nello studio di Fortino. Dall’ascolto della conversazione n. 1220 del 3.04.06 ore 1.00, rit 62 si capisce (grazie ad una serie di riferimenti a Barcellona) che Fortino parla con Arlotta, imprenditore che opera nel barcellonese il quale ultimo gli consegna del denaro, assicurandogli che l’indomani ed il giorno ancora successivo glie ne darà altro. Fortino poi fa un riferimento alla parcella chiestagli per la perizia geologica Cobat; Arlotta gli ricorda che lui non ha dato alcun incarico e che non deve quindi pagare alcunché. Ciò che è degno di nota è che l’Arlotta mostra di aver piena conoscenza dell’iter amministrativo conclusosi con il provvedimento che ha reso edificabile il terreno Caruso che lo era prima in misura ridotta.

…………………………………..

PUCCI Come sta?

UOMO 2 Mah, putissi stari megghiu. Io veramente non ero preparato per oggi.

PUCCI E allora va bè, niente.

UOMO 2 Cà ci sunnu chisti, dumani ci su’ l’autri, dopudumani ci su’ l’autri.

PUCCI Va bene.

UOMO 2 Va bene? Picchì chisti i pigghiai cà, dopu chi lei mi telefonò io’ ‘i pigghiai cà, a Barcellona.

PUCCI Va bene.

UOMO 2 Picchì lei mi avia dittu chi oggi non c’era.

PUCCI Sì, lo so, lo so, va bene.

UOMO 2 Vero?

PUCCI Sì, sì, (…..) mi hanno telefonato, va bene.

UOMO 2 Hm.

PUCCI Senta, le volevo dire una cosa, perché è arrivata, non lo so io, mi hanno portato questa.., lei non c’entra, lo so, però dico mi hanno portato questa cosa di.., hanno fatto.., si ricorda che avevano fatto quella perizia geologica? L’ha fatta lo studio di (…..) ci manda ora a distanza di venti.., di dieci anni, di otto anni, non so di quand’era questa perizia geologica, ora non me lo ricordo più, (…..) secondo me è prescritta. In ogni caso credo che ci siano (…..) i CARUSO, lei non ci trasi, nemmeno lontanamente.

UOMO 2 Io non..,. non è chi ci detti incarico a chistu.

PUCCI Certo.

UOMO 2 Io’ già l’attu l’haiu approvato, tutti cosi, fatturai tutti cosi.

PUCCI Va bè, ora vediamo..

UOMO 2 Dicu non è ‘na cosa..

PUCCI Ora vediamo come dobbiamo fare, va bene.

UOMO 2 Cu’ è chista (…..) chistu docu cu’ (l’havi fattu)?

PUCCI L’avrà fatta la.., (…..) la commissione edilizia, all’epoca, se non si presentava.., ah, l’hanno voluta per il piano regolatore, perché siccome c’era un terreno franoso in alcune parti..

UOMO 2 Ah, allura quannu vui ci ‘u facistu passari.

PUCCI Sì.

UOMO 2 Dumani ci pottu l’autri, dopudumani.., io’ ora ogni ghionnu..

PUCCI Basta che.., che completiamo tutta la cifra..

UOMO 2 Avvocato..

PUCCI Prima di Pasqua.

UOMO 2 ..fino allora ci l’avissimu a fari.

PUCCI Va bene.

UOMO 2 Ci l’avissimu ‘a fari. Non è..

Alle 19.39 dello stesso giorno (conversazione n.1233) fa ingresso nello studio il Bonanno cui Fortino fa il resoconto di quanto appena riscosso e di quanto avrà nei giorni successivi e di ciò che conseguentemente il primo potrà percepire in settimana.

UOMO Chi è? Sì, Umberto, vieni, Sali.

……………

UOMO Ogni giorno ne porterà fino a quindici, cinque.., me ne ha portati venti oggi, venti domani e venti dopodomani. (…..)

UOMO 2 (…..) perché domani non ci arrivo.

UOMO Se vieni di mattina. Tu quando parti?

UOMO 2 Alle dodici.

UOMO Può darsi, se viene di mattina te li posso dare.

UOMO 2 Va bene.

UOMO Va bene, tanto sai che in questa settimana ne hai quindici.

UOMO 2 Quindici?

UOMO Cinque, cinque..

UOMO 2 Mancano cinque.

……………………….

Nessun dubbio può sorgere in ordine all’identità dell’interlocutore del Fortino nella superiore conversazione. E’ stato, infatti, predisposto un servizio di osservazione nei pressi dell’ studio dell’avvocato come riferito dal teste Bonfiglio che ha visto giungere a bordo della Lancia Lybra, targata CC354GL il Bonanno. Costui, dopo aver parcheggiato proprio a ridosso dell’ingresso dello studio dell’avvocato è sceso dall’autovettura ed ha suonato al citofono; dopo qualche istante si è introdotto all’interno; è uscito poi dal cancello di ingresso allo studio alle successive 19.55 circa, per risalire nuovamente in macchina ed allontanarsi (agli atti vi sono le annotazioni di servizio acquisite su accordo con annessa documentazione fotografica). Il giorno successivo Arlotta fa il riepilogo con Magazzù di

quanto dato il giorno prima e di quanto porterà quel giorno stesso al Fortino (vedasi la conversazione n. 5010, ore 12.16)

ARLOTTA Mi ci damu l’autri cosi a chiddu dumani.

MAGAZZU’ E di quantu?

ARLOTTA Trenta.

MAGAZZU’ Quantu ci ni desimu? Cinquanta?

ARLOTTA Cinquanta, eh. Sunnu centudeci.

.

Nella conversazione delle ore 12.16 del 4.4.2006 Fortino e Gierotto parlano della parcella trasmessa per la perizia Copat e della data di redazione di quest’ultima; si ripromettono quindi di vedersi successivamente per non parlare della questione per telefono. Nella conversazione ambientale delle successive 13.02 Fortino dice a Gierotto che Arlotta ha portato in tutto 50, 20 il giorno prima e 30 quel giorno e che il venerdì successivo dovrà portare altro denaro. Gierotto chiede per sé 45 e Fortino fa i conteggi di quanto denaro spetta ancora a Bonanno e di quanto a Ponzio. Anche da tale dialogo si ricava che i 4 sono stati parte tutti di un accordo illecito (tanto che non vogliono parlarne in maniera chiara per telefono) concluso con Arlotta e che ad ogni incasso percepiscono una quota in ragione degli accordi interni presi. Anche nella intercettazione ambientale n. 1597, ore 17.04 del 12/04/2006 (rit 62/06) il dialogo verte sulle somme che gli imprenditori devono dare e su come operare le distribuzioni interne.

Intercettazione ambientale, n. 1250 delle ore 13.02 del 04/04/2006. all’interno dei locali dello studio dell’avv. FORTINO Giuseppe, conversazione tra GIEROTTO Tonino e FORTINO Giuseppe.

(squilla il telefono)

PUCCI Sì. E.., perché non Sali? E che fai vuoi restare sotto?

(suona il citofono)

PUCCI (…..) per questo ti volevo.., allora..

TONINO (…..)

PUCCI No, non tuo. Allora, ascolta, ha portato cinquanta, venti ieri e trenta oggi. Però dice che domani, dopodomani, (…) Venerdì porta gli altri.

TONINO Pucci, ti dico subito, lui deve dare tre rate.

PUCCI Eh.

TONINO Giusto? Sono centottantamila euro.

PUCCI Centottanta (…..)

TONINO Io personalmente ho bisogno di cinquantacinquemila euro.

PUCCI (si altera) Eh.., che cazzo mi dici a me?

TONINO No..

PUCCI vai da lui e glielo dici.

TONINO Aspetta, dei quali.., fammi finire di parlare è inutile che ti incazzi.

PUCCI No, mi incazzo perché dici io ho bisogno.., a me che mi interessa.

TONINO No, devi parlare con me. Dei quali neanche me li devo prendere tutti io, perché quindici te li devo dare subito a te..

PUCCI E che vuoi, lo so…

TONINO ..perchè.., questo per dirti..

PUCCI Eh, lo so, non è che mi stai facendo un favore.

TONINO No..

(si accavallano le voci)

PUCCI Vai da Arlotta e ci dici: << Lei ha portato cinquantacinquemila euro e io ho bisogno..>>.., lui mi ha detto che prima di Pasqua finisce le rate. Questo mi ha detto e così ti dico. Poi ti regoli tu. allora ieri è venuto Umberto, perché mi stava rompendo i coglioni e gli ho dato cinque, quindi ne sono quarantacinque, cinque li voglio dare a Nino..

TONINO Giusto.

PUCCI Assolutamente.

TONINO Ed è giusto.

PUCCI Ed è giusto. E ne restano quaranta. E per il resto (…..)

TONINO Pigliatene venticinque tu. Pigliatene venticinque tu più di questo che ti debbo dire.

PUCCI E quindi, praticamente, così abbiamo diviso. No?

TONINO No, perché?

PUCCI Questi..

TONINO Venticinque, a quaranta ne mancano quindici.

PUCCI Ho capito ma i miei quindici quando me li dai? Eh, quindi, dico, come se abbiamo diviso, ora tu me ne stai dando cinque dei miei quindici.

TONINO Sì.

PUCCI Minchia, Tonino, mi sembri rincoglionito. Perché erano cinquanta..

TONINO Ce ne sono quaranta.

PUCCI Ce ne sono quaranta. Giusto? Quaranta.

TONINO Sì.

PUCCI Se dovessimo di.., fare un discorso di divisione sarebbero venti e venti, e neanche, perché ti avevo detto che io dovevo prendere di più rispetto a te, ma lasciamo perdere. Sono venti e venti. Se tu praticamente me ne dai cinque ora, ne restano..

TONINO Allora pigliatene trenta. Te ne pigli trenta, dieci di qua te li devo dare io e poi, a.., alla prossima volta, ne pigli altri cinque. Che devo fare io?

PUCCI Eh, però è come se stiamo dividendo sempre. Perché questi dieci è come se li hai presi tu.

TONINO Sì, però c’è un fatto, tu non puoi mettere nello stesso piatto contemporaneamente il fatto che devi prendere di più e il fatto che (…..)

PUCCI No, va bene, a posto. Allora facciamo così, trenta, trenta e (….) erano quarantacinque, ora te ne do dieci più cinque quindici, ce ne dai cinque a PONZIO e dieci te li tieni tu, giusto?

TONINO Ecco. E io ti devo dare a te per la macchina altri cinquemila euro.

PUCCI No. Ah, sì, altri cinquemila euro. E allora.., e allora dai conti dividiamo tutto..

TONINO Sì.

PUCCI ..tu hai preso uguale a me? Giusto?

TONINO Tu dai conti mi.., mi.., mi.., devi togliere ventimila euro, come se avessi preso ventimila euro.

PUCCI Esatto.

TONINO Mentre in realtà ne ho presi soltanto dieci, perché in realtà (…..)

PUCCI E io.., e io ne ho preso venti pure. Giusto, giusto, ne abbiamo preso dieci e dieci.

TONINO E tu me ne dai quindici ora per.., e ne do cinque a PONZIO.

PUCCI Certo.

TONINO Però questo qua non può fare.., non mi dare..

PUCCI E io te li sto dando in una busta. Questi sono dieci.., questi.., guarda io non li ho contati, contateli. (…..)

TONINO No, ma li ho mai contati davanti a te io?

PUCCI No, voglio dire.., sto dicendo che come me li ha dati..

TONINO Questi che sono?

PUCCI Dieci.

TONINO E me li piglio io.

PUCCI Dieci. E questi sono cinque.

TONINO Dammilla ‘na busticedda pi’ (…..)

PUCCI E sono rimasti questi qua.

TONINO Perciò, io per la macchina ti debbo cinque. Giusto?

PUCCI Sì. E abbiamo.., e fino a ora abbiamo diviso. Quindi abbiamo preso venti e venti in questa cosa.., in questa partita, giusto?

TONINO Sì, poi lui.., la prossima.., dalla (…) volta in poi ti pigli qualche cosa.., ti pigli di più, non.., non me ne frega un cacchio a mia.

PUCCI Io non li ho contati tutti, ma penso che siano giusti. (…..)

TONINO (…..)

PUCCI Allora, cinque..

TONINO Tu me ne devi dare ancora cinque per PONZIO.

PUCCI No.., ah, sì, sì. Te li do di questi. Così me ne tolgo uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove dieci, undici, dodici, tredici, quattordici, quindici, sedici, diciassette, diciotto, diciannove, venti. Mi pare che.., vedi se sono venti, perché mi pare che sono (…)

TONINO (…..)

PUCCI No, no, perché mi pare che ne sono usciti in più.

TONINO Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove dieci, undici, dodici, tredici, quattordici, quindici, sedici, diciassette, diciotto, diciannove, venti.

PUCCI Eh, preciso. Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove dieci, undici, dodici, tredici, quattordici, quindici, sedici, diciassette, diciotto, diciannove, venti. E sono quaranta. Uno, due, tre, quattro, cinque,

sei, sette, otto, nove, cinquanta. Ora conto (…..),Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette, otto, nove dieci, undici, dodici, tredici, quattordici, quindici, sedici, diciassette, diciotto, diciannove, ventuno, ventidue, ventitre, ventiquattro, venticinque, ventisei, ventisette, ventotto, ventinove, trenta, trentuno, trentadue, trentatré, trentaquattro, trentacinque, trentasei, trentasette, trentotto, trentanove, quaranta, quarantuno, quarantadue, quarantatre, quarantaquattro, quarantacinque, quarantasei, quarantasette, quarantotto, quarantanove, cinquanta. Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio.

TONINO Quelli che mi hai dato tu io me ne fotto.

PUCCI No, questi qua.

TONINO Allora, questi qua sono di PONZIO. E li abbiamo contati, giusto?

PUCCI Sì.

TONINO Ti debbo cinquemila della macchina. Io.., e io non.., non vedo l’ora di togliermi la macchina.

PUCCI No, va bene, oramai, Giovedì te la togli, Venerdì te la togli perché sicuramente questo qua..ora fammi ricevere un attimo (…..).

I conteggi fatti da Fortino e Gierotto trovano riscontri documentali negli atti in sequestro; nell’auto di Arlotta Giovanni sono stati trovati degli appunti in cui sono segnati degli importi in corrispondenza di alcune date: 20,00 il 3.04.06, 30,00 il 4.04.06 che coincidono proprio con le somme che dalle conversazioni captate risultano portate da Arlotta a Fortino (appunti analoghi vi sono in una carpetta rossa sequestrata al Fortino). Nel seguito della conversazione Gierotto e Fortino affrontano l’argomento del pagamento della parcella Cobat. il Fortino dice che nessuno può

disinteressarsene e tutti (lui, Gierotto, Ponzio e Bonanno) devono pagarne una parte. Se in quattro vengono coinvolti nel pagamento è perché hanno concordemente dato incarico al perito di effettuare l’accertamento tecnico in quanto interessati ad ottenere il cambio di destinazione urbanistica dell’area Caruso.

Intercettazione ambientale, n. 1251 delle ore 13.20 del 04/04/2006. all’interno dei locali dello studio dell’avv. FORTINO Giuseppe

UOMO Andiamo a mangiare, poi finisco di mangiare e glieli salgo.

UOMO 2 Sì, è giusto, dai.

UOMO Se lui mi dice..

UOMO 2 Senti, poi l’ho vista la perizia. Lo sai quando.., quando l’ha fatta lui?

UOMO Eh.

UOMO 2 A.., a Settembre (solo) Dicembre.

UOMO E ti spiego subito il perché..

UOMO 2 (…..) te lo devo spiegare.

UOMO Tu devi pensare che (URSO) è stato presidente del consiglio comunale duemila e.., aspetta..

UOMO 2 No, no, ma (si accavallano le voci)

UOMO Eh, e semplicemente che non è prescritto.

UOMO 2 Per essere sicuri a Dicembre.

UOMO Sì. E’ prescritta come presunzione breve, ma noi dobbiamo dire che l’abbiamo pagata. Ora sto cercando di fare.., vedi qua,

UOMO 2 Minchia che bastardo.

UOMO Non è che ce ne possiamo fregare noi, (…..) PONZIO, BONANNO, tutti.

UOMO 2 Tutti.

UOMO Quant’è, undicimila euro?

UOMO 2 Dodicimila.., undicimila.., tredicimila trecentoquarantacinque.

UOMO (…..) ci telefoni, fai ‘na transazione a.., a diecimila euro e gli mettiamo duemila e cinquecento euro a testa. Sei d’accordo?

UOMO 2 Eh, sennò.., (…) di chiuderla a cinquemila

UOMO In contanti?

UOMO 2 Eh, e basta.

UOMO Eh.

UOMO 2 Senza fare fattura e niente. Che vuoi fare? Eh, il prossimo.., il prossimo incontro che abbiamo..

UOMO Sì, ma prima di pattiri chistu si fa.

UOMO 2 Stai tranquillo.

(escono tutti e due).

Lo stesso argomento costituisce oggetto della telefonata del 5.04.06 fra Gierotto e Ponzio i quali dicono che i Caruso non vogliono pagare e

neppure Arlotta perché ha preso la situazione nello stato in cui era; essendo loro (cioè coloro che hanno dato l’incarico per trarne i conseguenti benefici) in 4 (Gierotto, Ponzio, Fortino e Bonanno, come si arguisce dalla lettura sistematica della presente in uno alle successive) devono un tot l’uno. Significativa l’espressione usata da Ponzio “Così non facemu puzza” per spingere l’amico a pagare subito per non correre rischi (connessi evidentemente ad una attività non lecita).

Conversazione n. 226 ore 9.49, del 05/04/2006

TONINO Pronto?

NINO Tonino.

TONINO Eh.

NINO Parrasti cu’ Pucci?

TONINO No, picchì? Chi succidiu? Tu, mi mi dici chistu, succidiu acchi cosa.

NINO Eh, eh, eh, va bè, ‘na fissaria, però, alla fin fine.

TONINO Parla.

NINO Mi te.., mi telefonau antura, mi disse: << Sai – dice – ti volevo dire una cosa – dice – mi ha.., sono venuti i CARUSO..>>..

TONINO Eh.

NINO ..<>.., aspetta chi ci su’ i vigili urbani, ‘spetta, ‘spetta.

(stanno in silenzio per alcuni secondi)

NINO Allora, dice, praticamente, che gli hanno portato una nota che gli è.., gli è stata recapitata, t’ ‘u ricoddi quannu..

TONINO Ah, chi è chidda dà ‘i COPAT. Dà cosa ‘i COPAT?

NINO ‘I COPAT, sì, sì.

TONINO Ah, sì, ho capito, sì, sì.

NINO Nenti di menu decimila.., decimila e novecento euro.

TONINO Va bè, chiddi.., eh, eh.

NINO Eh, dici ora praticamente ‘a questione è chista, iddi.., i CARUSO non ni vonnu pagari, << Gliel’ho detto – dice – ad ARLOTTA, giustamente – dice – io ho preso nello stato di fatto e di diritto in cui si trova quindi dici iddu..>>..

TONINO E havi ragioni.

NINO ..<>. No, tu non litighi completamente, la paghiamo noi, che te ne fotte. Così non facemu puzza, lassamu stari, chista è capace mi ni rumpi i coglioni e mi fa puzza, lassa stari.

TONINO E ci mi.., e ni.., e si.., e ci mittemu nui, sì.

NINO Eh, però.., ci dissi io’: << Vedi se tu la puoi chiudere – ci dissi io’ – chi ti pozzu diri, cu’ tri, quattromila euro e pazienza, pagamu nui, Pucci, così non facemu buddellu.>>.

TONINO Eh, eh.

NINO Semu quattru cristiani e ‘a pagami nui.

TONINO Semu in quattru, mittemu tantu all’unu, bravu, bravu, bravu.
NINO E infatti, capisci, praticamente l’ha capito e ora.., ora.., lui dice: << è un pezzo di merda, dopo quello che gli ho fatto, gli ho fatto favori e non mi sono mai preso soldi – dice – ora lui manda la cosa. Siccome l’incarico gliel’ho dato io, praticamente – dice – ‘u responsabile saria io’.>>. Hai capito tu?

TONINO Va bè, ci mittemu tantu all’unu.

NINO Sì, Tonino, senti a mia, non facemu puzza, pi’ favori vaia.

TONINO D’accordo, d’accordo, d’accordo, d’accordo.

NINO Aunni si trova ‘u prufissuri ‘nta ‘stu mumentu?

A dialogare sono sempre PONZIO e GIEROTTO nella conversazione del 19.04.06 n. 452 rit 259 in cui il primo comunica al secondo che è in attesa di “qualcosa” ( che aspetta anche Gierotto). Il riferimento non può che essere al denaro che ARLOTTA deve portare, dal momento che i due interlocutori proseguono la conversazione parlando dei lavori di sbancamento in corso sul Torrente Trapani ad opera degli Arlotta e menzionando i CARUSO che con questi ultimi hanno concluso la permuta dei propri terreni.

TONINO Tutto a posto, sugnu cà, staiu ‘spittannu io’.

UOMO E cazzolata, puttana, mi dispiaci. Stai aspettannu chi cosa, scusa?

TONINO Chiddu chi stai aspettannu tu.

UOMO Oh chi mi hai malanova, si’ disgraziatu. Minchia tu fai illazioni che non dovresti fare, ah.

TONINO (ride)

UOMO (ride)

TONINO Però.., però azzecco sempre, vero?

UOMO Ah?

TONINO Azzecco sempre.

UOMO Minchia, ma comu fai mi indovini? Minchia hai un ciriveddu, piddavera, immenso, ah.

TONINO ‘U sai picchì? Picchì io’ pensu..

UOMO Ah.

TONINO ..io’ pensu a chiddu chi pensunu l’autri.

UOMO Piddavero?

TONINO Eh.

UOMO Compare, abbiamo lo stesso pensiero, questione ‘i ciriveddu è, vero? Diccillu, minchia! (ride)

TONINO A cu’ ci l’è diri?

UOMO Minchia, chiddu dàssupra sbancau ‘na montagna già, puttana d’ ‘u patriarca, minchia comu travagghiunu!

TONINO ‘U sacciu, ‘u sacciu.

UOMO Minchia, ma currunu, currunu, currunu.

TONINO ‘U sacciu, ‘u sacciu, figghiu, ‘u sacciu.

UOMO Eh, minchia, ma sai quasi quasi vinniu tu.., vinniu assai, vinniu, fino a ora, ah.

TONINO Ma i primi fondazioni quannu ‘i fa chistu?

UOMO Eh, ora già.., se non prima.., se non prima ci fa i cosi, iddu non fa i scavi a sezione, iddu sai chi fa? Fa ‘a platea. Ci fa ‘a platea e ci ghiava ‘u massettu e ci metti i funnazioni ‘i supra. Fa bonu.

TONINO Eh?

UOMO Almeno.., certo. E quindi, già ora sta cuminciannu chi fa.., i fabbricati di cosi, ‘i CARUSU e c’ ‘u cosu.., c’ ‘u piano.., c’ ‘u piano seminterrato.

TONINO E comincia ‘i sutta, no?

UOMO C’ ‘a cantina. Certo. Certo, si ni va a ‘nchianari, certo.

TONINO Certo, certo, così poi ‘nguantunu chiddi ‘i supra, certo.

UOMO Certo, e ‘i sutta iddu, praticamente, consolidau u terrenu, chiamulu fissa.

TONINO Certo, certo.

UOMO Quannu si fa un complessu sempri ‘i sutta si comincia, mai ‘i supra.

TONINO Ma chi è ‘stu rumuru d’acqua?

UOMO No, ‘u mutu.., il motore della macchina è.

TONINO Eh.

UOMO Sì.

TONINO Va bè, và. Speramu in settimana mi c’è acchi cosa.

Le dazioni di denaro di cui Fortino ed i suoi sono in attesa hanno luogo il 24.04.06 presso lo studio dell’avvocato, ove però sorgono contestazioni su quanto già dato da Arlotta al primo. Fortino come in altre occasioni telefona a Gierotto per avere ragguagli sul punto e quest’ultimo conferma la correttezza dei calcoli fatti da Arlotta. Fortino quindi dice all’imprenditore che aggiusterà i suoi conteggi e si dà appuntamento con lo stesso il successivo il 2.05.06. Lo stesso giorno Fortino aggiorna Gierotto sull’esito della discussione avuta con Arlotta; seguono quindi i conteggi su quanto in tutto ha preso Gierotto: € 37.500 e su quanto ancora deve avere (440.000 -37.500) su quanto ha avuto Ponzio cui spettano ancora 61.000,00 (avendo già avuto 35.000,00 e 2 appartamenti). Anche i suddetti conteggi trovano riscontro nelle annotazioni presenti nell’agenda in sequestro.

Intercettazione ambientale n. 1773, ore 13.03 del 24/04/2006,

ARLOTTA Minchia.

AVVOCATO (…..)

ARLOTTA Non mi pozzu (…..) chi voli mi caminu cu’.., cu’..

AVVOCATO No.

ARLOTTA Non so, mancu l’assegnu ci pozzu dari picchì non.., non rivai a tempu (…..)

AVVOCATO Basta, tranquillo, questi sono quindici?

ARLOTTA Questi sono quindici. E cinque venti. Ecco.., non.., Mercoledì non ci sugnu, picchì..

AVVOCATO Lei ha fatto un trenta, un venti e un trenta.

ARLOTTA Siamo a centoventi.

AVVOCATO Ma che fa, scherza? Lei ha portato un trenta, un venti e un trenta.., e.., e un venti, settanta.

ARLOTTA No, avvocato.

AVVOCATO (…..)

ARLOTTA No, mi scrivii, vaiu a pigghiari.., pigghiu ‘a cosa. Io’ mi scrivu.

AVVOCATO Lei ha portato un trenta, un venti e un trenta.

ARLOTTA No, avvocato.

AVVOCATO E come no.

ARLOTTA Du’ voti su’ trenta. Con questi son centoventi.

AVVOCATO Lei è totalmente pazzo. Con questi sono sessanta e venti ottanta. Settanta e venti novanta.

ARLOTTA Avvocato, no, no..

AVVOCATO (…..)

ARLOTTA No, no, no, no.

AVVOCATO Al mille per mille.

ARLOTTA Nonsignore. Nonsignore, picchì chisti sunnu tutti assegni chi io’ pigghiai di.., di dà, quindi..

AVVOCATO Lei è venuto tre volte.

ARLOTTA ‘U primu vinti.

AVVOCATO Eh. La seconda trenta.

ARLOTTA Trenta, e unu trenta e l’ultimu vinti.

AVVOCATO No, no. No, lei non è venuto..

ARLOTTA No, du’ voti di trenta.

AVVOCATO Ma quando?

ARLOTTA E ci dugnu ‘a data io’. Ora ci ‘a vaiu e pigghiu. Avvocato, si lei scinni ci dugnu..

AVVOCATO Ora vengo.

ARLOTTA Ah?

AVVOCATO Ora vengo.

ARLOTTA Io’ dicu ci sunnu i dati scritti. No, avvocato, con questi siamo a centoventi.

AVVOCATO Non esiste.

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO E’ assurdo.

ARLOTTA ..vaddassi cà, su questo non ci sunnu.., picchì.., anche picchì stavota non.., non staiu pigghiannu l’assegni d’ ‘i mei, quindi (…..) confronto. D’accordo? Mercoledì mi scanciu e ‘i pottu cà. Sono centoventi.

AVVOCATO Aspetti, chiedo a.., chiedo a GIEROTTO perché tanto io.., io solamente ultimamente (….) a GIEROTTO, il resto (…..)

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO Se è così, per carità. Ma noi dobbiamo fare un discorso, perché per evitare tutta ‘sta storia prendiamo un foglio e man mano le segniamo perché sennò..

ARLOTTA Benissimo, avvocato, e io’ ci ‘u dissi ‘a vota passata. Gliel’ho detto la vota scorsa. Ci ‘u dissi ‘a vota scorsa.

(l’avvocato telefona)

AVVOCATO Pronto? Tonino? Eh, senti tu ti sei.., le.., le.., le .., le cose di.., di quel.., di quella persona te le ricordi? Quante.., quanto sono complessivamente? Pronto? No, dico io que.., di queste ultime, quelle là che sono.., che ci siamo.., eh. Quanto sono? Complessivi. Quante volte è venuto? E.., e me lo ricordo io, e quindi avevo ragione io. Va bè, d’accordo. Va bè, d’accordo. Signor Arlotta, lei ha portato settanta, trenta, venti.., anzi

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO ..trenta, venti e venti.

ARLOTTA Avvocato sono centoventi.

AVVOCATO No, mi dispiace, lei è pazzo totale.

ARLOTTA No, no, no, no, avvocato, no, non cuminciamu..

(si alterano entrambi e le voci si sovrappongono)

ARLOTTA Avvocato, allora da ora in poi si non ci su’ ricevute io’ non ci ni consegno.

AVVOCATO D’accordo. Però..

ARLOTTA (…..)

AVVOCATO Aspetti..

ARLOTTA No, no, no.

AVVOCATO Aspetti, per favore.

ARLOTTA No, no. Lei stavolta nisciu fora d’ ‘u rinali nisciu.

AVVOCATO Scende sotto a prenderli?

ARLOTTA Sì, sì. (…..) Non facemu scherzi.

(qualche minuto di silenzio)

AVVOCATO (parla con qualcuno nell’altra stanza.) Dimmi, che volevi? (…..) Signor Arlotta, tranquillo lei.

ARLOTTA No, no, no, avvocato, lei.., no, così non ci semu.

AVVOCATO E’ inutile che si arrabbia, lei.

ARLOTTA No, no, no, mi arrabbia sì, picchì si lei va dicennu chi sugnu pazzu certo che mi arrabbio.

AVVOCATO No, pazzo nel senso.

ARLOTTA Lei.., nel due, quattro, ventimila. Il sette quattro, trentamila, il dodici quattro, trentamila, il quattordici quattro, ventimila. Più chisti chi ci staiu dannu oggi. Su’ centovintimila.

AVVOCATO Ma dove li ha presi?

ARLOTTA No, no, no, io..,

AVVOCATO A Settembre non è venuto.

ARLOTTA Chi? Chi fa scherza lei?

AVVOCATO Intanto lei deve.., c’è gente e si deve calmare.

ARLOTTA No, no, no.

AVVOCATO Io sono una persona perbene. Quindi (…) non le nego niente.

ARLOTTA Avvocato.., avvocato..

AVVOCATO Le sto dicendo lei.

ARLOTTA ..ci dicu unni.., unni ci desi, unu si pigghiò dassutta, giustu, e ‘na vota cà. Mi ricoddu puru ‘u postu unni ci desi. Unu s’ ‘u pigghiò dassutta, dà, ‘nta scala, che io’ avia ‘a borsa.

AVVOCATO Signor Arlotta, li ho segnati, guardo a casa, se così è.

ARLOTTA Avvocato, non.., (…..)

AVVOCATO Lei si calmi, perché la.., l’onestà.., la.., la verità è la prima cosa.., nel mondo la correttezza la prima cosa..

ARLOTTA Sto dicendo avvocato, sunnu chisti i soddi. Io’ comu appena scinnu di cà pigghia e mi segnu cà, comu ora mi segnu chisti, non mi segnu io’, prima o dopu, ‘i signu ora.

AVVOCATO Io.., riprendo quello che..

ARLOTTA Cortesemente mi faccia la ricevuta, sono centoventimila. Si poi è eviri storie cu’ lei non.., non ci staiu.

AVVOCATO No, ma non c’è niente.., non c’è niente da..

ARLOTTA Si controllassi..

(L’avvocato telefona a qualcuno)

AVVOCATO Pronto? Sì, (…..) sì. Ah, ecco, ecco, certo, certo. Certo, certo. Certo, certo. Va bene, d’accordo. Va bene d’accordo. Ci risentiamo. Arrivederla. Mi fa andare a casa (…..)

ARLOTTA Avvocato, ‘a casa s’ ‘i scrivessi ‘sti carti. Se li scriva, cortesemente. Ci dicu puru unni ci desi.

AVVOCATO Quelli della scala me li ricordo. Due..

ARLOTTA Due lì dentro e uno qui. L’ultimo qui glieli ho dati.

AVVOCATO (…..) Con questi sarebbero centoventi?

ARLOTTA Sì.

AVVOCATO Io ora me li guardo. Allora, facciamo una cosa, da questo qua in poi, questa agendina ce la teniamo per questo, ora io mi segno centoventi, vado a casa..

ARLOTTA No, no, avvocato, lei.., lei ‘i ‘stu cosu havi ‘a ghiessiri convinto e sicuro.

AVVOCATO Oggi ne abbiamo?

ARLOTTA Ventiquattro. Dumani venticinqu!

AVVOCATO Allora mi devo segnare centoventi? Se li è sicuro..

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO ..ci sentiamo domani mattina.., domani mattina le do conferma, comunque, centoventi..

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO Eh.

ARLOTTA ..dicu, di ‘sti scherzi, cu’ mia, non ci ni sunnu.

AVVOCATO Geometra Arlotta, allora, la situazione è questa, può essere una mia dimenticanza, ma non una scorrettezza, che sia chiaro, tra me e lei!

ARLOTTA Scusi, se lei mi dici chi sunnu pazzu, allura è diri (…)

AVVOCATO Pazzo nel senso, diciamo, che si ricorda male, in questo senso.

ARLOTTA Assolutissimamente, vidissi chi io’ ora.., è la prima volta che scrivu io’,. Io’ ‘nta.., io’ ‘nte mei agende lei non trova scrittu nenti, e non è avutu nenti mai cu’ nuddu. Io’ non scrivu mai.

AVVOCATO Va bè, se lei dice che è sicuro così, centoventi.

ARLOTTA Giusto, sono centoventi.

AVVOCATO Se è sicuro così.

ARLOTTA No, no, no, no, no, avvocato, cortesemente dicu ora lei mi.., mi facissi puru ‘a ricevuta.

AVVOCATO Sì, ma non ora.

ARLOTTA Dicu io’.., dicu, ogni vota..

AVVOCATO Allora saremmo rimasti a due mesi, Gennaio e Febbraio, giusto? Perché (….)

ARLOTTA Gennaiu mi pari chi ‘u pagammo.

AVVOCATO Ma no, così..

ARLOTTA Non ha importanza, chiddu chi pagammo, chiddu chi non pagammo.

AVVOCATO Perché lei ha la ricevuta precedente, c’è (…)

ARLOTTA No, ricevute precedenti io non ce li ho. Nui autri tuttu chiddu.., tuttu chiddu chi ci desimu prima erumu a posto.

AVVOCATO Eh. E poi..

ARLOTTA Dicu, ..

AVVOCATO ..e poi è rimasto Gennaio.., da Gennaio in poi.

ARLOTTA (squilla qualcosa) Malidittu io! ‘I quannu (…) dà scrittura quant’erumu?

AVVOCATO Avoglia. E infatti, da qua.., da qua (…) centoventi.., fino a qua eravamo arrivati. (…..) euro trecentosessanta, (…..) a partire da Gennaio duemila e sei a Gennaio duemila e sei.., a Giugno duemila e sei. Vede, inizia da qua, da Gennaio.., da qua, fino a qua, lei centoventi (…..)

ARLOTTA (…..) centoventi.

AVVOCATO E basta. Poi deve iniziare, da Gennaio ancora non ha dato niente. Comunque.

ARLOTTA I centuvinti ci l’havia datu.

AVVOCATO Quelli sì, me li ha dati.

ARLOTTA Eh. E centuvinti su’ ora.

AVVOCATO E centoventi ora, sì, certo.

ARLOTTA Eh, e quindi quanti sunnu?

AVVOCATO Quindi sono Gennaio e Febbraio. Ci mancano Marzo e Aprile. Scusi, trecentosessanta, (Legge qualcosa) il giorno cinque di ogni mese, a rate costanti di sessantamila euro da Gennaio duemila e sei, fino a Giugno duemila e sei. Gennaio lei non ha dato niente. Né Gennaio, né Febbraio. Ha dato centoventi, che dice che ha dato centoventi e sono Gennaio e Febbraio, mancano Marzo e Aprile. Di questo conto. E il primo gruppo di quei cento.

ARLOTTA (…..) ‘a somma che restò quant’era? Quant’era ‘a somma che restò?

AVVOCATO Era uno cinque e cinquanta. Per ora centoventi, uno tre.., uno cinque e cinquanta.., uno quattro e cinquanta, uno quattro e trenta, meno centoventi, uno tre e dieci.

ARLOTTA Meno ‘n’autri centoventi?

AVVOCATO Ora (…..). Facciamo una cosa, ora questa qua.., facciamo una cosa, io lo guardo a casa, poi la.., questa la lascio, la strappiamo, giusto, e ne faccio una nuova. In modo tale che lei è tranquillo. E man mano che noi facciamo la cosa, mettiamo poi (…..) e firmiamo. Così lei è tranquillo, io sono tranquillo..

ARLOTTA Comu ‘na ricevuta.

AVVOCATO Perché la.., nella vita.., io con tante cose.., ho tante cose, è possibile pure.

ARLOTTA Sugnu d’accordo, avvocato.

AVVOCATO Io l’unico che non gli avevo detto a GIEROTTO erano ventimila. E non mi ricordavo questi altri trenta.

ARLOTTA Avvocato..

AVVOCATO ..(…..)

ARLOTTA Avvocato, se lei pensa chi io’ vegniu cà, è giustu, io’ pozzu puttari ‘u ritardu sugnu d’accordo, ma vegniu cà cu’ l’intenzione chi ci vogghiu.., non esiste.

AVVOCATO No, ma io lo escludo..

ARLOTTA Non esiste nella mia mentalità.

AVVOCATO ..come lei.., come lei deve escludere perché siamo due persone perbene. Io, praticamente, posso averle detto una cosa sul presupposto che le volevo sfottere io questi trentamila euro.

ARLOTTA No, ma vede pure.., certo lei.., se lei si ricodda d’ ‘i sommi e giustamente su’ troppu arreti, non chi sugnu io’ avvantaggiatu, veru è? Però dicu.

AVVOCATO Allora, facciamo una cosa, ora quando ci vediamo, avanti, facciamo le cose con calma, quando ci vediamo?

ARLOTTA Io Mercoledì.

AVVOCATO No, non ci sono. Giovedì non ci sono io, io ci sono Venerdì.

ARLOTTA Allura Venerdì, spero, si non chiamunu pi’ operare a me’ mugghieri spero mi passu io’.

AVVOCATO Non c’è? Ah, ho capito..

ARLOTTA No, io Giovedì ho intenizone, diciamo.., mi mi fazzu dari l’assegnu, picchì chiddu fici ‘u compromessu mi l’appi ‘a scanciari.

AVVOCATO Noi poi ci abbiamo quella scrittura a parte, di cento, che dovevamo chiudere.

ARLOTTA Chidda.., avvocato, ‘a chiudemu, a picca a picca.

AVVOCATO Quindi dico io.., quindi praticamente io direi una cosa, venti.., siccome venti io non gliel’ho detto a GIEROTTO, io le faccio una scrittura per ottanta, ce questo e sono cento, giusto? Così siamo perfettamente in regola.

ARLOTTA Hm.

AVVOCATO Ecco. E praticamente io le preparo, se non è Giovedì, anche se non ci sono io a chi glieli possiamo dare, a GIEROTTO? A (BUDA)? Perché per non restare indietro troppo, perché poi finisce che arriviamo a Maggio.

ARLOTTA No, ma io Giovedì, avvocato.

AVVOCATO Ma io non ci sono.

ARLOTTA Ma forse non ha.., io’ i soddi mi pigghiu e m’ ‘i mettu intra.

AVVOCATO Eh, e allora ci vediamo Lunedì?

ARLOTTA (…..) io’ ‘sti soddi stamatina, i decimila euro, si n’ ‘e pigghiava Venerdì, stamatina chiddi trovai. I spicci.

AVVOCATO Allora, Lunedì.., ci vediamo Lunedì e non c’è.

ARLOTTA Lunedì è ‘u primu Maggio.

AVVOCATO Ci vediamo il due.

ARLOTTA Hm.

AVVOCATO Io le faccio preparare tutto perfetto, tutto a posto.

ARLOTTA A posto.

AVVOCATO E i preliminari quando li facciamo?

ARLOTTA I preliminari ora giustamu, certo. (…..) me’ figghiu Salvatore. Sapi a me’ figghiu Salvatore?

AVVOCATO Sì.

ARLOTTA (…..) si fissò chi havi acchi cosa.

AVVOCATO Va bè, ci vediamo, allora, alla.., Martedì due Maggio.