MESSINA: Le calunnie dei pentiti all' avv. Colonna. Minacce e casi d'usura. Assolto I'ex boss Sparacio

14 Novembre 2012 Cronaca di Messina

Una vecchia storia giudiziaria a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 che vedeva come parte lesa l’avvocato Ugo Colonna per un complotto tra collaborarori di giustizia con minacce e calunnie ai suoi danni e per altroverso alcuni casi d’usura, s’è conclusa ieri con assoluzioni e prescrizioni davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale, in questo caso presieduta dal giudice Rosa Calabrò per una incompatibilità del presidente Mario Samperi. Alla sbarra c’erano l’ex boss Luigi Sparacio, poi i collaboranti Salvatore Giorgianni e Vincenzo Colafati, e anche Luigi Cuminale (deceduto). Sono stati assistiti dagli avvocati Vincenzo Cannarozzo, Fabio Di Santo e Antonella puglisi. Incastro di accuse molto complesso. Sparacio aveva accusato l’avvocato Colonna di usura; Colafati aveva accusato sempre Colonna di usura; Sparacio e Cuminale avevano minacciato l’avvocato Colonna durante alcune udienze; Giorgianni aveva accusato Sparacio di subornazione, ovvero della promessa di denaro per accusare l’allora capo della Mobile Montagnese, e era accusato a sua volta anche d’usura. Dopo la dichiarazione di alcune prescrizioni i giudici hanno assolto Sparacio (capo A), Colafati (capo B) e Giorgianni (capo D), con la formula “perché ii fatto non sussiste”. NUCCIO ANSELMO – GDS

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione