Barcellona P.G.: OPG chiuso, la Regione cerca soluzione

20 dicembre 2012 Cronaca di Messina

Mi auguro che il senatore Ignazio Marino che ieri ha fatto ‘sequestrare’ l’OPG di Barcellona Pozzo di Gotto (e un reparto di quello di Montelupo Fiorentino), si sia posto il problema dei 210 ‘pazienti’ che dovranno essere trasferiti entro 30 giorni. Dove verranno trasferiti? In altri Opg a centinaia di chilometri di distanza dalla Sicilia, lontani dai loro familiari? Nei ‘repartini’ che si stanno predisponendo inopinatamente negli istituti penitenziari per ‘incarcerarli’?”. Lo dice Rita Bernardini, membro della Commissione Giustizia della Camera dei deputati. “Oppure – aggiunge – come sarebbe auspicabile, in strutture sanitarie regionali in grado di garantire i supporti finalizzati al reinserimento sociale attraverso prescrizioni terapeutico-riabilitative che privilegino gli spazi di libertà? Marino sa benissimo che tali strutture sanitarie regionali non ci sono sul territorio nazionale a causa dell’esiguità dei fondi stanziati, e non ci sono soprattutto in Sicilia, visto che la Regione non ha ancora recepito il DPCM del 2008 che ha disposto il passaggio della sanità penitenziaria alle ASL regionali”. “Ricordo al senatore Marino – conclude – che per sequestrare l’OPG di Barcellona Pozzo di Gotto si è avvalso degli ampi poteri giudiziari di cui ha ritenuto di poter disporre quale Presidente della Commissione d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale; poteri che, ove sussistenti, andrebbero esercitati sempre con estrema cautela, che come radicali fummo promotori del referendum abrogativo dei manicomi, ma che fummo costretti a votare contro la legge 180 perché non prevedeva una lira per l’assistenza, la cura e l’integrazione sociale dei malati”.

La Regione siciliana ha insediato oggi un tavolo tecnico per trovare “la soluzione più adeguata” alla sistemazione dei pazienti dell’ospedale psichiatrico di Barcellona Pozzo di Gotto (Me), sequestrato per gravi carenze su disposizione della commissione d’inchiesta sul servizio sanitario nazionale, guidata da Ignazio Marino. Riguardo al mancato recepimento del decreto che trasferisce le competenze sanitarie dall’amministrazione penitenziaria alla Regione segnalato dai ministri della Giustizia e della Sanità, Paola Severino e Renato Balduzzi, l’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, afferma: “Quando mi sono insediata ho trovato una situazione non ancora conclusa da parte della commissione paritetica che si deve esprimere sul decreto, poiché la Sicilia è una Regione a statuto speciale”. “Avevamo fatto un’apposita segnalazione ai ministeri alla Salute e all’Economia nell’ambito del piano di rientro – aggiunge l’assessore Borsellino – E’ chiaro che adesso farò di tutto per accelerare questo percorso, solo da poco tempo ho preso atto degli ingranaggi che si sono inceppati”. (ANSA)