MESSINA: Clamoroso, il commissario Croce boccia il bilancio

20 dicembre 2012 Cronaca di Messina

Non finiscono i guai a Palazzo Zanca. Il commissario straordinario del Comune Luigi Croce, infatti, ha deciso di restituire al ragioniere generale Coglitore il bilancio di previsione 2012. Il documento contabile era stato consegnato da Coglitore il 12 dicembre scorso e due giorni dopo lo stesso ragioniere generale aveva comunicato al commissario che era necessario riequilibrare il bilancio a causa di un disavanzo di 2,4 milioni di euro. Quasi una settimana dopo, ecco il colpo di scena: Croce ha rispedito al mittente il bilancio sia per il mancato pareggio finanziario che per dubbi sollevati sull’attendibilità delle previsioni di entrata nonché l’accertabilità delle spese. A questo punto si inasprisce lo scontro tra l’area economico-finanziaria del Comune e lo staff del commissario. Il ragioniere generale è già al lavoro per reperire i 2,4 milioni e chiudere in pareggio il bilancio, che intende riconsegnare a Croce già lunedì. Ma a questo punto potrebbe non bastare. E non sembra un caso che la decisione del commissario arrivi il giorno dopo l’ultima riunione col presidente della Regione Crocetta, durante la quale pare essersi registrata una “frenata” sul contributo straordinario di 40 milioni di euro. I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, intanto, preoccupati per ciò che sta accadendo e per le possibili conseguenze, hanno chiesto un confronto per fare chiarezza sul bilancio di Palazzo Zanca.