TERME VIGLIATORE (MESSINA): GIOVANE DI 27 ANNI TROVATO CADAVERE. SAREBBE RIMASTO FOLGORATO DAL CONTATTO CON CAVI AD ALTA TENSIONE

20 gennaio 2013 Cronaca di Messina

Questa volta è finito in tragedia il tentativo di rubare del rame per poi rivenderlo sul mercato clandestino. Un 28enne di Baarcellona, Mario De Luca Cardillo è morto folgorato la notte scorsa su un traliccio dell’Enel in un terreno di Rodì Milici. A scoprire il cadavere stamattina un passante che ha avvertito il 112. Il corpo era penzoloni sul traliccio vicino ad un cavo dell’alta tensione. Per recuperare il corpo sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco. Per terra i Carabinieri hanno trovato una tronchese, utilizzata per tranciare i cavi, e dei guanti di gomma. Mario De Luca Cardillo aveva precedenti per reati contro il patrimonio. Un fascicolo è stato aperto dalla Procura di Barcellona.

IL COMUNICATO DEI CC
Ieri a tarda notte, a seguito di una telefonata pervenuta sull’utenza di Pronto Intervento 112, i militari della Stazione Carabinieri di Terme Vigliatore sono intervenuti all’interno di un fondo di proprietà privata, ubicato nella via Vittorio Emanuele Orlando di quel Comune, dove, nei pressi di un palo dell’ENEL, è stato rinvenuto cadavere un giovane di 27 anni. Il giovane, identificato in D.L.C. M, cl. 1985, secondo quanto emerso nel corso dei preliminari accertamenti, sarebbe rimasto folgorato a seguito del contatto con i cavi dell’alta tensione. Nel corso dell’immediato sopralluogo effettuato alla base del palo dove era stato rinvenuto il cadavere del giovane, i Carabinieri hanno rinvenuto una tronchese e dei guanti in gomma, che sono stati sottoposti a sequestro. Sono in corso accertamenti da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto e di quelli della Stazione Carabinieri di Terme Vigliatore diretti dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, per fare piena luce sulla vicenda.