MESSINA: Inchiesta Cgil, indagato il segretario Lillo Oceano. Oceano avrebbe riconosciuto come sua una firma su un assegno apposta per suo conto dall’ex amministratrice unica del sindacato Alma Bianco

31 gennaio 2013 Cronaca di Messina

OCEANO

Il segretario generale della CGIL di Messina, Lillo Oceano, è indagato per falsa testimonianza nell’inchiesta sull’ammanco di 60.000 euro dalle casse del sindacato di via Peculio Frumentario. A firmare il provvedimento il sostituto procuratore Fabrizio Monaco che ormai da due anni si occupa della vicenda. Secondo l’accusa Oceano aveva riconosciuto come propria la firma apposta su un assegno bancario di quasi 5000 euro. In realtà la firma del segretario della CGIl sarebbe stata apposta dalla ex amministratrice unica della CGIL di Messina, Alma Bianco. Come dichiarò la stessa Bianco al PM, assistita dall’avvocato Bonaventura Candido, si trattava di una prassi, quella di apporre le firme per conto del segretario generale che a volte era impossibilitato a farlo. Una perizia calligrafica di parte aveva stabilito che la firma era stata apposta da Oceano ma, dopo il rigetto di una richiesta d’archiviazione da parte del gip, una seconda perizia, eseguita dai Ris, ha stabilito che la firma apposta sull’assegno non appartiene al segretario generale della Cgil. Intanto nei prossimi giorni inizierà il processo per l’ammanco di circa 60.000 euro dalle casse della Cgil di Messina. Per questa vicenda la Alma Bianco, che è indagata per appropriazione indebita, nel marzo 2010 era stata licenziata dalla segreteria provinciale del sindacato. da GAZZETTADELSUD.IT