MESSINA, SEQUESTRI PATRIMONIALI: Restituiti a Saro Cattafi parte dei beni sequestrati dalla DDA

4 marzo 2013 Cronaca di Messina

Torna al legittimo proprietario una parte del patrimonio sequestrato due anni fa all’avvocato barcellonese Rosario Pio Cattafi. L’uomo è indicato da alcuni collaboratori di giustizia quale boss di Cosa Nostra nel territorio di Barcellona e l’anno scorso era stato arrestato nell’operazione antimafia “Gotha 2”. Ora la sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Messina ha disposto il dissequestro di beni per un valore che si aggira intorno ai tre milioni di euro. Fra i beni restituiti a Cattafi fabbricati, abitazioni, terreni alcuni magazzini, autovetture, una moto, conti correnti, una cassetta di sicurezza ma soprattutto la società “DI BECA S.a.s.”. Beni dei quali, Cattafi, il figlio Alessandro e la moglie hanno potuto dimostrarne che, compresi monili e vari gioielli trovati nella cassetta di sicurezza, sono stati acquistati lecitamente. Stessa cosa è stato dimostrato per l’acquisto di autovetture e motocicli che Alessandro Cattafi ha comprato sempre attraverso la stipula di contratti di finanziamento. Nel 2011 la Guardia di Finanza aveva disposto ben due sequestri di beni. Il 21 marzo per un totale di circa 7 milioni di euro e ed il 6 aprile per due milioni e mezzo di euro. Le Fiamme Gialle avevano eseguito un provvedimento firmato dalla sezione Misure di Prevenzione del Tribunale su richiesta del sostituto procuratore della Dda Vito Di Giorgio. Le indagini patrimoniali erano iniziate indagando sui lavori di realizzazione del Parco commerciale di Barcellona. Ad eseguirli proprio la DI.BECA Sas azienda che, secondo i magistrati della Dda – veniva utilizzata da Cattafi per il riciclaggio di denaro. La DIBECA era stata sequestrata ma oggi i giudici del Tribunale l’hanno restituita a Cattafi. DA TEMPOSTRETTO.IT