L'INCHIESTA DELL'ESPRESSO: Schifani alle Maldive a sbafo. La magistratura indaga sulla Valtur. Ed emergono le vacanze regalate ai politici. E SPUNTA IL NOME DI BASILIO GERMANA'

7 giugno 2013 Inchieste/Giudiziaria

GERMANA'

Capodanni alle Maldive, pasque a Sharm el Sheikh, ferragosti in Sardegna. Un catalogo molto speciale, con lussuosi soggiorni a costo zero o con sconti massicci riservati ad una pattuglia di parlamentari per un intero decennio.

Da Renato Schifani a Osvaldo Napoli, da Salvatore Cuffaro ad Angelino Alfano, da Simona Vicari a Ignazio Abrignani. Tutto grazie alla generosità Carmelo Patti, all’epoca patron della Valtur. Oggi il colosso delle vacanze all’italiano è commissariato e Patti sotto inchiesta come prestanome di Matteo Messina Denaro, il superlatitante di Cosa Nostra.

I magistrati stanno cercando di ricostruire le relazioni che hanno favorito il suo successo. E “l’Espresso” nel numero in edicola domani ha esaminato una serie di documenti sugli omaggi concessi da Patti a politici di primo piano.

Ad esempio Renato Schifani con signora hanno salutato l’arrivo del 2008 sul bianco arenile delle Maldive: per il soggiorno nel villaggio di Kihaad hanno avuto uno sconto di 6.074 euro. Per una settimana di soggiorno in villaggio con camera matrimoniale comfort vista mare, aerei, idrovolante in altissima stagione Schifani ha saldato un conto finale di soli 3.434 euro.

Più movimentata la comitiva che si riunisce negli ultimi giorni di agosto 2009 a Favignana. Carmelo Patti ospita una compagnia di 24 persone. L’imprenditore è con moglie, figlia e nipote. Il presidente del Senato Schifani è insieme a consorte, figlio e fidanzata. Con loro il senatore Udc Salvatore Cuffaro e la senatrice Pdl Simona Vicari, attuale sottosegretario allo Sviluppo Economico, insieme ai coniugi. Completano la squadra, fra gli altri, Basilio Germanà, ex parlamentare di Forza Italia per quattro legislature e Concetta Spataro, allora assessore Pdl al Turismo del Comune di Trapani. Tutti elencati in un’unica fattura che sfiora i 20mila euro, ma che viene azzerata da uno sconto dello stesso importo.

Invece per la pasqua 2009 al Sinai Grand Village Resort di Sharm el Sheik si ritrovano ancora Patti, il presidente Schifani, i senatori Vicari e Cuffaro. Tutti in compagnia dei coniugi e sempre a costo zero, grazie a un gentile pensiero offerto dall’ex proprietà di Valtur: un buono del valore di 1.120 euro a coppia.

In particolare Cuffaro sembra essere un vero habituè della Valtur: ha viaggiato gratis per 50 giorni in località che vanno dalla Sicilia alla Sardegna, dall’Egitto alle Maldive. Una passione che comincia nel 2001, quando viene eletto al vertice della Regione Sicilia. Ad agosto trascorre due settimane nel villaggio Baia di Conte ad Alghero con moglie e figlie. Costo: zero. E per il Capodanno 2007, senza toccare il portafoglio, si riposa alle Maldive in una villa “over water”, sospesa sul mare. Il totale elencato nelle fatture sarebbe stato di 15.388 euro, azzerato dalla generosità del patron di Valtur.

A viaggiare a tariffa speciale c’è anche il vicepremier e ministro dell’Interno Angelino Alfano. Il suo caso è diverso: ha sempre pagato, limitandosi ad uno sconto significativo. A nome di Alfano ci sono tre fatture per resort da sogno. La prima è relativa a Capodanno 2009 sull’isola di Mauritius: al villaggio Valtur Le Flamboyant arriva con aereo in business class e soggiorna una settimana con moglie e figli in una suite vista oceano. Paga 18.748 euro usufruendo di uno sconto di 3.600 euro. L’anno successivo festeggia il primo di gennaio alle Maldive, nel Valtur Gioia Resort di Kihaad, dove resta una settimana con famiglia in una matrimoniale Deluxe fronte mare. Il tutto per 12mila euro, pagati, con uno sconto di circa 4.800 euro.

L’ultimo soggiorno, stando ai documenti esaminati da “l’Espresso”, è nell’agosto 2011, pochi giorni prima del commissariamento di Valtur. Alfano si concede una settimana in Grecia con moglie e figli, la famiglia di Fabio Bartolomeo, direttore generale di statistica del Ministero della Giustizia, e altri amici. La fattura, di 13.122 euro, risulta scontata di quasi 3.500 euro: per Alfano e per Bartolomeo è segnato uno sconto del trenta per cento. di Francesca Lombardi – http://espresso.repubblica.it/dettaglio/schifani-alle-maldive-a-sbafo/2208621