MESSINA: Sequestrato lo yacht "Cinzia" acquistato con i soldi di un finanziamento pubblico illecitamente ottenuto. L’inchiesta ha già portato la settimana scorsa alla richiesta di rinvio a giudizio di sei persone

8 giugno 2013 Cronaca di Messina

La Guardia di Finanza ha sequestrato lo yacht di lusso “Cinzia”, acquistato con i soldi di un finanziamento pubblico illecitamente ottenuto.

L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, Camillo Falvo, ha già portato la settimana scorsa alla richiesta di rinvio a giudizio di sei persone, indagate a vario titolo per falso e truffa ai danni della Regione Siciliana.

L’imbarcazione, una lussuosa AICON Fly di circa 20 metri, avrebbe dovuto essere impiegata esclusivamente per attività di charter e promuovere il turismo nautico dell’isola ed invece era utilizzata prevalentemente per scopi ricreativi e ludici della famiglia dell’imprenditore Antonino Giordano, che ha usufruito indebitamente anche delle agevolazioni nel pagamento delle accise avendo effettuato oltre 12 mila litri di carburante alle condizioni vantaggiose previste dalla normativa esclusivamente per l’impiego commerciale.