MESSINA: Default, l'assessore Signorino al lavoro per scongiurare dissesto

27 giugno 2013 Cronaca di Messina

Con l’eco dei festeggiamenti che ancora rimbomba a Palazzo Zanca, c’è già chi si è rimboccato le maniche e si è immerso fra i numeri di un dissesto che tutti vogliono evitare.

Niente luna di miele per l’assessore Guido Signorino. Per lui è già menage quotidiano con una macchina amministrativa da domare. Per lui c’è la stanza del sindaco e l’agenda è fittissima. L’interpretazione sui debiti data da Croce e dal ragioniere generale Coglitore fa la stessa differenza fra vivere e morire. Per il commissario il valore è di mezzo miliardo, per il responsabile dell’area economico finanziaria la cifra è di circa duecento milioni compresi i debiti latenti.

Alla Corte dei Conti che ha già mosso rilievi importanti al piano di riequilibrio presentato dal Comune, Palazzo Zanca ha chiesto l’irrituale atto di una riscrittura del piano.

L’economista vede nella riapertura dei termini per accedere ai fondi del decreto legge 35 una speranza, una soluzione.