PALLANUOTO FEMMINILE: Sfuma il sogno di Messina, la Coppa Italia al Padova

8 marzo 2015 Cronaca di Messina

dg38

dg33

FOTO DI ENRICO DI GIACOMO

La Waterpolo Despar Messina si ferma sul più bello. La Coppa Italia va, meritatamente, al Padova che ha saputo interpretare la finale meglio delle padrone di casa che hanno sentito oltremisura la pressione dell’evento e sono sembrate patire, oltre modo, le fatiche della semifinale di ieri con l’Imperia. 12-6 il punteggio a favore delle venete che hanno sfruttato un ottimo primo parziale, chiuso sul 6-1, in cui alle peloritane non è riuscito nulla, se non l’acuto di Starace, quando il punteggio era già di 4-0. Inizio, peraltro, caratterizzato da un rigore sbagliato da Garibotti che, con 15 reti, ha chiuso la competizione come migliore marcatrice. Il Padova ha potuto condurre con mano sicura, senza mai rischiare di essere avvicinata seriamente dalla Waterpolo Despar Messina. L’unica a non arrendersi è stata Silvia Bosurgi che ha provato, invano, a suonare la carica, alla fine della terza frazione, con tre gol consecutivi. L’inizio sconcertante, però, ha tolto entusiasmo alla squadra di Maurizio Mirarchi, oggi alla prima sconfitta da quando siede sulla panchina giallorossa, ma anche al pubblico, accorso in buon numero alla piscina Cappuccini, tornata, dopo qualche anno, ad essere teatro di manifestazioni di un certo livello. Per la cronaca la Coppa Italia va in archivio con il terzo posto di Imperia che, nell’altra partita di giornata, ha superato le corregionali del Bogliasco. La delusione per l’esito di questa finale dovrà essere, adesso, essere assorbita in fretta perché la Waterpolo Despar Messina è ancora in corso per lo scudetto. Nella stagione regolare restano da giocare due partite e le peloritane possono addirittura concludere al primo posto se riusciranno a superare il Padova, così come accaduto all’andata, nella sfida che si giocherà sabato prossimo in Veneto. Per quello visto oggi sembra fantascienza, ma se l’approccio sarà diverso allora le messinesi potrebbero tentare l’impresa per accedere ai play-off in posizione privilegiata. DA GDS