I MISTERI RESTANO: Archiviata l’inchiesta su morte Denis Bergamini

1 dicembre 2015 Mondo News

denis

Il Gip di Castrovillari archivia, ma i misteri restano e il giallo rimane senza soluzione. Accogliendo la richiesta d’archiviazione avanzata dalla Procura, il Giudice delle indagini preliminari, Anna Maria Grimaldi, chiude il caso sulla tragica morte del calciatore del Cosenza Denis Bergamini ed esclude l’ipotesi dell’omicidio. Escono definitivamente di scena i due principali indagati Isabella Internò, all’epoca dei fatti fidanzata con il centrocampista rossoblù, e Raffaele Pisano, l’autista del camion che travolse Bergamini in quella drammatica sera del 18 novembre del 1989.

Le indagini. La Procura di Castrovillari aveva riaperto le indagini sulla morte del calciatore del Cosenza su input della famiglia che non ha mai creduto alla tesi del suicidio. A dare linfa all’ipotesi dell’omicidio le perizie eseguite dagli specialisti del Ris sugli indumenti della vittima. Per il professore Roberto Testi, Denis Bergamini quando fu travolto dal camion era già morto. Perizia che contrasta con l’autopsia eseguita nel 1989 che escludeva l’utilizzo di armi da fuoco o da taglio.

La sentenza. Per il gip Anna Maria Grimaldi “non vi è benchè minimo indizio del fatto che Denis Bergmaini sia stato ucciso da una terza persona, anzi – scrive il giudice – il complesso delle circostanze rende il suicidio ipotesi più plausibile dal momento che gli esiti degli accertamenti sono risultati tutti compatibili scientificamente con l’evento suicidiario e le testimonianze dei presenti fanno propendere per questa tesi”.