SICILIA: Extrabudget della Formazione, indagata il segretario generale della Regione Patrizia Monterosso

2 dicembre 2015 Inchieste/Giudiziaria

E’ stata condannata dalla Corte dei Conti a restituire 1,3 milioni di euro, per gli extrabudget della Formazione. Adesso, Patrizia Monterosso, il segretario generale della Regione, finisce indagata anche dalla procura della Repubblica per la stessa vicenda. Ieri pomeriggio, il super burocrate è stata interrogata per cinque ore dal pubblico ministero Luca Battinieri. Nell’ambito della stessa inchiesta risultano indagati anche l’ex dirigente generale della Formazione Anna Rosa Corsello, di recente sospesa dal servizio nell’ambito di un’altra indagine, e il dirigente Michele La Cagnina.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Dino Petralia, è quella sugli extrabudget, le integrazioni concesse negli anni scorsi agli enti di formazione. Integrazioni illegittime, ha stabilito la Corte dei Conti. In attesa della sentenza dei giudici contabili la Monterosso

aveva inviato alla Corsello un atto di diffida per riequilibrare la situazione. E così si era arrivati al blocco dei finanziamenti dell’Avviso 20 a diversi enti di formazione, per recuperare gli extrabudget degli anni precedenti. Un recupero che avrebbe potuto far venire meno il danno erariale. Ma alcuni enti si erano opposti costituendosi in giudizio e poi presentando un esposto ai pm. Adesso, la procura ritiene che con la diffida la Monterosso avrebbe commesso un abuso. SALVO PALAZZOLO