COSA SCRIVONO I GIUDICI NEL PROVVEDIMENTO DI SCARCERAZIONE – LA CLAMOROSA DECISIONE DELLA CORTE D'APPELLO DI MESSINA. ROSARIO PIO CATTAFI TORNA LIBERO. SI TROVAVA AL 41 BIS DAL 2012. "NON E' SOCIALMENTE PERICOLOSO"!

4 dicembre 2015 Inchieste/Giudiziaria

cattafi-rosario-pio

Saro Cattafi torna libero. La Corte d’appello ne ordina la scarcerazione. La decisione dopo la sentenza che ha stabilito che l’avvocato di Barcellona è stato un semplice affiliato della mafia e solo sino al 2000.

La Corte d’appello di Messina ha disposto la scarcerazione di Saro Cattafi, in carcere al 41 bis dal 24 luglio del 2012, quando fu arrestato con l’accusa di essere il capo della mafia di Barcellona Pozzo di Gotto, anello di congiunzione con i clan di Catania e Palermo.

La decisione è stata assunta dagli stessi magistrati d’appello che il 24 novembre del 2015 avevano riformato parzialmente la sentenza di primo grado che, sposando in toto l’impianto accusatorio della Procura, aveva inflitto all’avvocato di Barcellona di 67 anni la pena di 12 anni di reclusione (18 anni ridotti a 12 grazie ai benefici del rito abbreviato).

Il collegio presieduto da Francesco Tripodi ha, infatti, escluso che Cattafi sia mai stato ai vertici dell’organizzazione mafiosa e lo ha ritenuto un semplice affiliato ma solo sino al 2000, quando l’avvocato fu sottoposto per 5 anni a misure di prevenzione personale. Da quell’anno in poi infatti secondo la Corte d’appello non esiste alcuna prova che Cattafi abbia continuato a far parte del sodalizio criminale. Di conseguenza ha condannato Cattafi a 7 anni: pena non ancora definitiva ma ancora potenzialmente al vaglio della Cassazione.

Nella giornata di oggi 4 dicembre 2015 gli stessi giudici hanno revocato la misura cautelare del carcere, ordinando l’immediata scarcerazione di Cattafi.

I giudici hanno accolto la richiesta avanzata dal legale Salvatore Silvestro, il giorno successivo alla condanna.

Secondo i magistrati d’appello non c’è alcun elemento che lasci pensare che Cattafi sia socialmente pericoloso essendo le condotte per cui è stato condannato risalenti ad oltre tre lustri e non avendo l’imputato alcun’altra pendenza.

Gli stessi giudici hanno ancora sottolineato che non sussiste il pericolo che Cattafi si dia alla fuga, posto che tra l’altro gran parte della pena è stata espiata (tre anni e 4 mesi) e il condannato potrebbe godere del beneficio della liberazione anticipata.

FONTE: MICHELE SCHINELLA – http://www.micheleschinella.it/ingstizia/saro-cattafi-torna-libero-la-corte-dappello-ne-ordina-la-scarcerazione-la-decisione-dopo-la-sentenza-che-ha-stabilito-che-lavvocato-di-barcellona-e-stato-un-semplice-affiliato-della-mafia-e-solo/

 

COSA SCRIVEVA IL DIFENSORE. “…HA DI FATTO ESPIATO COMPLESSIVAMENTE CIRCA DIECI ANNI DI RECLUSIONE A FRONTE DI UNA CONDANNA ALLA PENA COMPLESSIVA DI ANNI SETTE”, ED ANCORA “INFORZA DELLE INTERVENUTE SENTENZE ASSOLUTORIE DEVONO CONSIDERARSI “SOFFERTI SENZA TITOLO”.

COSA SCRIVONO I GIUDICI NEL PROVVEDIMENTO DI SCARCERAZIONE: “…SUCCESSIVAMENTE ALLA CATTURA ED ININTERROTTA DETENZIONE DEL GULLOTTI, E FINO ALLA DATA DELL’ARRESTO DELL’IMPUTATO, QUANDO SI CHIUDE LA CONTESTAZIONE DEL REATO, NON EMERGONO ELEMENTI CHE FACCIANO RITENERE PERDURANTE LA PARTECIPAZIONE DEL CATTAFI AL GRUPPO BARCELLONESE”. I GIUDICI PARLANO POI DI “…CARATTERE ASSOLUTAMENTE PECULIARE ED ANOMALO DEL RUOLO DI CATTAFI NEL PANORAMA MAFIOSO, PIU’ VOLTE SOTTOLINEATA DALLO STESSO UFFICIO DEL PUBBLICO MINISTERO”, UN RUOLO “DI SINERGIA CON I GRUPPI MAFIOSI PRIMA CATANESI E POI BARCELLONESI” SEMPRE SECONDO I GIUDICI D’APPELLO “…’ESAURITOSI’ A PARTIRE DALL’EPOCA SUCCESSIVA ALL’ARRESTO DI GULLOTTI”. E PARLANO ANCHE DI “INSUSSISTENZA DI AUTONOME ESIGENZE CAUTELARI RISPETTO AI FATTI PER CUI SI PROCEDE”, E DEL FATTO CHE “NON RISULTA UNA PERICOLOSITA’ ATTUALE DEL SOGGETTO”.