BARCELLONA, L'OPERAZIONE 'GOTHA 5': CHIUSA L'INCHIESTA SULLE NUOVE LEVE DELLA MAFIA. I PM DELLA DDA HANNO RIUNITO I VARI TRONCONI. SONO 29 GLI INDAGATI TRA CAPI E GREGARI. SEI I PENTITI. TUTTI I NOMI

23 dicembre 2015 Inchieste/Giudiziaria

Gotha 5

Nuccio Anselmo – Tutte le nuove leve della mafia barcellonese, qualche boss di spessore e alcuni “figli d’arte”. La riorganizzazione dei vari gruppi dopo l’arresto e il “confino” al carcere duro per i capi storici. L’asfissiante pressione criminale non solo a Barcellona ma anche a Milazzo, Terme Vigliatore, Mazzarrà Sant’Andrea, Falcone, Montalbano Elicona, Tripi, Furnari, Giammoro. Estorsioni e avvertimenti a imprenditori, commercianti, artigiani, gestori di alberghi, discoteche e supermercati, proprietari di vivai, e perfino farmacisti. Il traffico di droga e le spedizioni punitive per chi “sgarrava” e non restituiva l’erba o consegnava il denaro guadagnato. C’è tutto questo nell’atto di chiusura delle indagini preliminari che i sostituti procuratori della Direzione distrettuale antimafia di Messina, Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo, hanno inviato a ben ventinove indagati nei giorni scorsi. Si tratta delle indagini dell’operazione “Gotha 5” e degli altri due tronconi “Gotha 5 bis” e “Gotha 5 ter”, sui nuovi assetti della mafia barcellonese. Le operazioni sono scattate in tre tranche tra aprile e novembre scorso. Sono 29 gli indagati destinatari dell’avviso, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, detenzione di armi, rapina, furto, droga e incendio. Nell’atto di conclusione delle indagini figurano anche sei collaboratori di giustizia Alessio Alesci, Salvatore Artino, Salvatore Campisi, Santo Gullo, Franco Munafò e Nunziato Siracusa, che con le loro dichiarazioni hanno fornito molti particolari agli investigatori. Le indagini svolte dai carabinieri del Ros, hanno svelato, anche con intercettazioni telefoniche ed ambientali, i più recenti assetti della mafia barcellonese, nuove generazioni che avrebbero rimpiazzato i referenti mafiosi rinchiusi in carcere da tempo e che avrebbero cercato di esercitare il controllo sul territorio attraverso estorsioni, rapine e incendi. Al centro delle indagini diverse estorsioni ai danni di imprenditori, commercianti, gestori di discoteche e ristoranti della zona tirrenica della provincia di Messina.
Ecco i ventinove indagati: Alessio Alesci, Salvatore Artino, Santino Benvenga, Antonino Biondo, Angelo Bucolo, Tindaro Calabrese, Salvatore Calcò Labbruzzo, Antonino Calderone, Giuseppe Cammisa, Agostino Campisi, Salvatore Campisi, Marco Chiofalo, Salvatore Chiofalo, Carmelo Crisafulli, Bartolo D’Amico, il marocchino Miloud Essaoula, Giovanni Fiore, Antonino Genovese, Santo Gullo, Filippo Munafò, Franco Munafò, Giuseppe Ofria, Mario Pantè, Giovanni Pino, Giuseppe Reale, Orazio Salvo, Nunziato Siracusa, Sebastiano Torre, Maurizio Trifirò.
Secondo quanto è emerso dai vari tronconi della “Gotha 5” i magistrati contestato il reato associativo mafioso a due gruppi di “reggenti”. Il primo composto da Angelo Bucolo, Giovanni Pino, Giuseppe Reale, Filippo Munafò e Antonino Calderone (quest’ultimo è considerato il “capo”); il secondo formato da Giuseppe Cammisa, Sebastiano Torre e Orazio Salvo. DA GAZZETTA DEL SUD

A breve il verdetto della Cassazione sul blitz “Gotha-Pozzo II”.

Per otto imputati “eccellenti” arrestati nel giugno del 2011 a seguito dell’operazione “Gotha-Pozzo II” e che avevano scelto di essere giudicati con il giudizio abbreviato, la Cassazione deciderà il 14 gennaio del prossimo anno sui ricorsi presentati dagli imputati e dallo stesso procuratore generale. Intanto il pg della Cassazione ha formulato le sue richieste, molte delle quali basate su una recente sentenza sull’applicabilità della recidiva. Infatti il Pg ha chiesto per il boss Giovanni Rao che era stato condannato a 16 anni, l’annullamento con rinvio limitatamente al trattamento sanzionatorio della recidiva; richiesta di annullamento con rinvio anche per il boss Salvatore “Sem” Di Salvo che aveva avuto 17 anni di carcere, per una nuova valutazione del ruolo di promotore in quanto il Pg non ha ritenuto utilizzabili le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Salvatore Campisi. Anche per il boss Salvatore Ofria, condannato a 14 anni e 6 mesi, il Procuratore generale della Cassazione ha chiesto l’annullamento con rinvio limitatamente al ruolo di promotore in quanto lo stesso Pg non ha ritenuto utilizzabili anche in questo caso le dichiarazioni di Campisi che nel processo con il rito abbreviato non sarebbero state riscontrate. Annullamento parziale con rinvio anche per Concetto Bucceri, che era stato condannato a 6 anni, per stabilire l’esatto periodo della contestazione. Richiesta di conferma invece da parte del Pg per le condanne di Roberto Martorana, 8 anni; Carmelo Vito Foti, 10 anni; Ottavio Imbesi, 6 anni; Tindaro Marino, 6 anni, per quest’ultimo l’annullamento parziale è stato chiesto per la continuazione e per il sequestro dei beni. Ha invece rinunciato al ricorso in Cassazione il collaboratore di giustizia Francesco D’Amico che era stato condannato ad 8 anni di reclusione. Il Comune di Barcellona è parte civile con l’avvocato Filippo Barbera. LEONARDO ORLANDO