SICILIA: ROSARIO CROCETTA invia un fedelissimo all'AST. IL MESSINESE MASSIMO FINOCCHIARO è il nuovo presidente

17 Febbraio 2016 Inchieste/Giudiziaria

finocchiaro-crocetta

PALERMO – A quella società, il presidente della Regione avrebbe dovuto “mettere le ali”. Alla fine, si è limitato a regalare un Megafono. Il governo regionale ha infatti indicato ieri il nuovo presidente del Consiglio di amministrazione di Ast, l’azienda di trasporto pubblico. La nuova guida dell’azienda dei pullman è Massimo Finocchiaro, dirigente del Megafono di Messina.

Il resto del cda? Al momento non esiste. Il governatore infatti si è limitato a indicare il presidente, un militante del movimento di Crocetta e un fedelissimo spesso al suo fianco negli ultimi mesi. L’Ast era rimasto senza consiglio di amministrazione dopo l’inchiesta che ha coinvolto l’ex presidente Dario Lo Bosco. Oltre all’addio di Lo Bosco, in quei giorni si dimise l’intero cda. Ma ancora non è stato rimpiazzato.

Nel frattempo, agli ex amministratori Stefano Polizzotto e Rosario Carlino è stato dato il compito di variare lo Statuto della società, per adeguarlo alle nuove norme sulle partecipate volute dalla Finanziaria dell’anno scorso. Una revisione che cancella il “sistema duale” e conferma il cda di tre componenti. Ma al momento, come detto, Crocetta ha scelto solo il presidente. Nel frattempo, ha deciso di abolire l’articolo 25 dello Statuto, quello che prevede la presenza dell’Organo di vigilanza. A guidarlo, finora, era stato Antonio Fiumefreddo. DI ACCURSIO SABELLA – LIVESICILIA.IT

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione