LE FOTO – MESSINA: UOMO MINACCIA DI SUICIDARSI. MAGISTRATI E FORZE DELL'ORDINE LO CONVINCONO A NON COMPIERE IL FOLLE GESTO

5 maggio 2016 Cronaca di Messina

SUICIDIO


suici

FOTO DI ENRICO DI GIACOMO

La condanna in un processo penale può tramutarsi in rabbia e disperazione. Questo è capitato ad uno degli imputati al processo “Gotha 5”, GIUSEPPE TRIOLO (40 anni), un imprenditore originario di Castroreale, che alla lettura della sentenza è salito sul terrazzo di Palazzo Piacentini, intorno alle 17,30, minacciando il suicidio. L’uomo nel pomeriggio (era accusato di intestazione fittizia di beni) è stato condannato in appello a tre anni. In primo grado era stato condannato a 8 anni anche per concorso esterno mafioso, accusa dalla quale ieri è stato però assolto completamente e rimesso in libertà. 

Gli è rimasta quindi addosso una pena di 3 anni e il sequestro della sua azienda, la ‘Tg Trasporti srl’. Da qui il gesto estremo dell’uomo, salito sul tetto del Tribunale, dove ha minacciato di buttarsi giù. Immediati gli interventi delle forze dell’ordine, polizia e carabinieri, che sono intervenute per far ragionare l’uomo. Sul posto anche il magistrato della Dda Angelo Cavallo e l’avvocato Giuseppe Lo Presti che hanno instaurato con successo un dialogo con l’uomo che poi è finalmente tornato sui suoi passi, intorno alle 20, davanti ad un pubblico improvvisato che nel frattempo si era radunato in Piazza.