CALCIO, MARTINA-MESSINA 2-2: I PELORITANI APPRODANO IN TIM CUP!

7 maggio 2016 Cronaca di Messina

ACR MESSINA

Missione cimpiuta per il Messina che impatta 2-2 in casa del Martina (quarto pareggio consecutivo) e conquista il settimo posto in classifica, piazzamento che vale l’accesso al tabellone finale della Tim Cup. I giallorossi, sotto nel primo per il gol siglato da Marchetti, ribaltano il punteggio nella ripresa con Gustavo e Barisic ma nel finale subiscono il rientro dei padroni di casa che impattano il match con un destro al volo del neo entrato Berardino.

Messina giovanissimo quello che scende in campo al Tursi: davanti ad Addario ci sono Ionut, Fusca, Mileto e Zanini; in mezzo al campo agiscono Baccolo e Giorgione con Gustavo, Barisic e Longo alle spalle di Tavares. In panchina gli altri 6 ragazzi della Berretti, accanto ai quali trova posto anche il rientrante Fabrizio Bramati.

Ritmi non certo entusiasmanti nel primo tempo: il Martina si fa preferire nella prima parte, anche se a cavallo del 10’ il Messina colleziona quattro calci d’angolo tutti senza esito. I pugliesi spingono, seppur non a velocità folle e costruiscono alcune palle-gol grazie soprattutto alla svagatezza della difesa giallorossa: al 7’ Kuseta approfitta di un errore di Mileto ma calcia centralmente; due minuti dopo, sponda di Baclet per Diakite che gira malamente a lato dall’altezza del dischetto e al 13’ Rajcic pesca Baclet tutto solo in area che manda alto di testa. Sono le prove del gol che arriva al 22’ con Marchetti che, liberissimo al limite dell’area piccola, incorna in tuffo di testa una punizione lunga sul secondo palo di Kuseta e fredda Addario ancorato alla linea di porta. Un minuto dopo Diakite ha la palla del raddoppio ma calcia altissimo sul solito errore difensivo del Messina. Giallorossi pericolosi per la prima volta al 28’ con Fusca che gira centralmente di testa un cross da fermo di Giorgione. Si alza il baricentro della formazione ospite e, nella parte finale del tempo, Gustavo prova due giocate simili accentrandosi e calciando con il mancino ma prima trova l’attenta parata di Viotti e poi colpisce l’esterno della rete, probabilmente con l’ausilio di una deviazione non ravvisata dall’arbitro.

Bastano due minuti della ripresa al Messina per ristabilire la parità: cross di Longo dalla destra e Gustavo di testa, al centro dell’area, sigla l’ottavo centro del proprio campionato. Al 58’ Migliaccio svetta sul corner di Kuseta e centra il palo con il Messina momentaneamente in dieci per l’infortunio occorso a Giorgione, che è costretto a lasciare il campo a Giuseppe Russo. La gara vive una lunga fase di stanca, le due squadre non si fanno male ma al 79’ un bel contropiede del Messina è finalizzato con chirurgico sinistro da Barisic che, su verticalizzazione di Longo, si intrufola nella sguarnita difesa pugliese e trova il secondo gol del proprio campionato. All’85’ spazio anche per Penna per l’ottimo Longo, autore dei due assist decisivi e quattro minuti dopo Di Lauri trova Berardino libero al limite che stoppa di petto e calcia al volo per il 2-2. Pareggio sostanzialmente giusto per quanto visto in campo e nel finale va in campo anche Anthony Scarbaci al posto di Barisic. È l’ultima nota da segnare sul taccuino di una stagione che si conclude comunque in maniera positiva per il Messina.

 

MARTINA-MESSINA 2-2

Marcatore: 22’ Marchetti (Ma), 2’ st Gustavo, 34’ st Barisic, 44’ st Berardino (Ma)

Martina: Viotti, Allegra (43’ st Dianda), Curcio, De Lucia, Migliaccio, Marchetti, Di Lauri, Rajcic, Baclet (26’ st Cardore), Kuseta (17’ st Berardino), Diakite. Allenatore: Daniele Franceschini. A disposizione: Simone, Basso, Antonazzo, Danese, D’Orsi, Topo, Cristofari, Gabrieli.

Messina: Addario, Ionut, Zanini, Baccolo, Mileto, Fusca, Longo (40’ st Penna), Giorgione (15’ st Giu. Russo), Tavares, Gustavo, Barisic (45’ st Scarbaci). Allenatore: Raffaele Di Napoli. A disposizione: Di Stasio, Gen. Russo, Bramati, Salvemini, Mosca, Tessadri, Bossa, Lia.

Arbitro: Carmine Di Ruberto di Nocera Inferiore. Assistenti: Simone Assante di Frosinone e Tiziano Notarangelo di Cassino

Ammoniti: Barisic (Me), Allegra (Ma), Marchetti (Ma)

Francesco Ricci