RASSEGNAWEB – Appalti Anas, Ricciardello è libero e vuole il confronto con la "dama nera"

13 maggio 2016 Inchieste/Giudiziaria

ALESSANDRA SERIO – TEMPOSTRETTO.IT – Torna in libertà Giuseppe Ricciardello, il costruttore brolese coinvolto nell’inchiesta della procura di Roma, Dama Nera, sugli appalti pilotati all’Anas. Il Gip Giulia Proto ha concesso l’obbligo di dimora a Ricciardello, che da oggi non è più costretto ai domiciliari.

La svolta è arrivata dopo un nuovo interrogatorio cui l’indagato ha chiesto di essere sottoposto e nel corso del quale ha respinto ogni addebito e chiarito la propria posizione.

“Il geometra Ricciardello ha da sempre respinto ogni addebito, fornendo ampie e documentate giustificazioni, chiarendo di non aver mai corrisposto ad alcuno somme di danaro, di non essere stato mai favorito nella aggiudicazione o nel corso della esecuzione dei lavori e di non aver mai turbato alcun pubblico incanto. Da qui, la significativa attenuazione della misura. Ulteriori e definitivi chiarimenti a riguardo non potranno che emergere, definitivamente, nel corso dell’esame nel contraddittorio delle parti della sigora Accroglianó, cui si darà corso, a breve, con le forme dell’incidente probatorio”, chariscono i difensori, gli avvocati Nino Favazzo e Gianluca Tognozzo, soddisfatti perché la loro richiesta di revoca della misura ai domiciliari, risalente allo scorso 17 marzo, sia stata accolta.