ASSENTEISMO: Messina, rinviati a giudizio per truffa 55 dipendenti ex Provincia

13 Giugno 2016 Inchieste/Giudiziaria

assenteismo provincia

Cinquantacinque tra impiegati e funzionari dell’ex Provincia regionale di Messina sono stati rinviati a giudizio per truffa dal gup Daniela Urbani. Il processo comincera’ il prossimo 9 dicembre davanti al giudice monocratico. Accolta la richiesta del pubblico ministero. Stralciate due posizioni che saranno trattate nella prossima udienza. A dicembre 2012 gli investigatori della Digos avviarono degli accertamenti monitorando l’ingresso e l’uscita dei dipendenti di Palazzo dei Leoni. Le indagini – coordinate dal sostituto procuratore Antonio Carchietti – andarono avanti per diversi giorni. Dagli accertamenti e’ emerso che alcuni dipendenti facevano strisciare il proprio badge ad altri. In pratica gli investigatori scoprirono come alcuni dipendenti si assentavano, anche solo per qualche ora, dal posto di lavoro. Davano il proprio badge ad altri colleghi che provvedevano a strisciare al posto loro nell’apparecchiatura predisposta per rilevare l’entrata e l’uscita dal luogo di lavoro. In questo modo, secondo l’accusa, l’impiegato risultava sul posto di lavoro nei momenti in cui invece era assente. Accuse che sono state contestate dagli avvocati della difesa che nei loro interventi hanno posto l’accento sia sull’esatta identificazione delle persone che sugli orari contestati.

Ecco i nomi: Rosario Anastasi, Francesca Sofia, Teodora Scandurra, Paola Franciò, Umberto Andò, Demetrio La Torre, Giuseppe Di Giorgio, Salvatore Gullì, Giovanni Sidoti Pinto, Graziella Currenti, Santo Arrò, Andrea Valenti, Caterina Basile, Pasquale Retti, Antonino Bonansinga, Ettore Grimaldi, Gaetano Mangano, Roberto Branca, Giovanni Liotta, Antonino Infondenti, Santi Paladino, Anna Burrascano, Giovanni Tripodo, Rosario Bruschetta, Antonino La Camera, Carmela Caiezza, Giorgina Rosaria Caruso, Giuseppe Parisi, Daniela Cafeo, Giovanni Loria, Placido Giordano, Salvatore Libro, Alfio Tiano, Giuseppe Gemelli, Santo Mondello, Mario Micali, Maurizio La Spina, Maria Caputo, Nicola Libro, Rosario Mondello, Orazio Lombardo, Maria Giovanna Militello, Rosa Arnò, Carmelo Gambadoro, Natale Chillemi, Domenica Mangraviti, Domenica Di Fini, Angela Rosalba Melita, Daniele Santi Piccione, Giuseppe Giacobbe, Alfredo Misitano, Luigi Triglia, Marisa Passalacqua, Cosimo Pistorino, Santo Patané, Angela Criscillo, Carmela Sedia, Francesco Cristaudo e Santo Bonasera.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione