COLPO AL CLAN SPARTA’. LA DIA DI MESSINA SEQUESTRA 5 MILIONI DI BENI A GIUSEPPE PELLEGRINO

DIA 1DIA

dia-pellegrino

di Enrico Di Giacomo – Gli uomini della D.I.A. di Messina, supportati dal Centro Operativo di Catania, a conclusione di una lunga e articolata attività investigativa, hanno sequestrato il patrimonio riconducibile a Pellegrino Giuseppe, di Messina, noto pregiudicato attualmente detenuto, legato al clan Sparacio e, successivamente, a quello dei Spartà, operante nella zona sud della città di Messina.

Il sequestro disposto dal Tribunale di Messina, su proposta del direttore della D.I.A., Nunzio Antonio Ferla, scaturisce da una complessa attività d’indagine economico patrimoniale che ha permesso di dimostrare l’evidente incapienza dei redditi dichiarati dell’intero nucleo familiare del proposto in raffronto a tutto il patrimonio accumulato nel tempo, nella disponibilità posseduto anche attraverso la costituzione di contesti societari creati ad Hoc. Il proposto, per il suo carisma criminale, e’ stato coinvolto in vicende giudiziarie che hanno interessato l’area ionica della provincia di Messina. In particolare nella zona sud di questa città in località Santa Margherita, la famiglia Pellegrino, tra gli anni 80’ e 90’, era divenuta antagonista a quella dei Vitale dando vita ad una “guerra di mafia” contrastata poi nell’operazione “Faida” nel cui contesto il Pellegrino è stato arrestato e condannato alla pena di anni 30 (che attualmente sta scontando). Secondo copiose risultanze processuali, i Pellegrino inizialmente erano legati al clan Sparacio e, successivamente, con quello dei Spartà. I cattivi rapporti con la famiglia Vitale, anch’essi imprenditori nel settore del movimento terra, culminarono con l’omicidio di Pellegrino Giovanni (fratello di Giuseppe), avvenuto l’08 febbraio del 1990 per mano di Nicola Vitale. Quest’ultimo comunque, per l’omicidio, venne assolto dalla Corte d’Assise con la motivazione di “aver agito in stato di legittima difesa”.

L’uccisione di Pellegrino Giovanni rinforzò la “guerra” tra i due gruppi rivali dando vita alla stagione dell’alleanze mafiose. La famiglia Vitale trovò appoggio nel clan capeggiato dal “boss” Mancuso Giorgio, mentre quella dei Pellegrino si schierò con le cosche di Sebastiano, detto “Iano”, Ferrara e di Sparacio Luigi. Il proposto risulta coinvolto anche nelle operazioni “Peloritana 2” e “Margherita” per gravi fatti di sangue e per reati estorsivi, subendo in entrambi i casi dure condanne. Giuseppe Pellegrino, già colpito da Sorveglianza Speciale con Obbligo di Soggiorno, figura coinvolto in svariati procedimenti penali: operazione “Albatros”, in quanto ritenuto elemento di vertice dell’associazione mafiosa dedita alle estorsioni, ai danneggiamenti ed alle minacce ad imprenditori messinesi; operazione “Supermercato”, in quanto ritenuto partecipe ad un’associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, unitamente ad altri appartenenti alla criminalità organizzata messinese e calabrese; indagato nell’ambito dell’operazione “Domino”, ove si attestava l’esistenza del gruppo criminale Pellegrino, ed i suoi legami alla cosca mafiosa capeggiata da Giacomo Sparta’; indagato nell’ambito del procedimento penale “Icaro”, conclusasi con l’emissione di provvedimento custodiale nei confronti di 44 soggetti (pur non colpito da ordinanza custodiale, un ruolo considerevole è stato attribuito a Pellegrino Giuseppe ed ai suoi fratelli Nicola e Domenico).

Da ultimo è stato indagato nell’ambito di attività recentemente condotte da questa Sezione; gli elementi raccolti nell’ambito delle attività espletate consentivano di colpire i fratelli del proposto, Pellegrino Nicola e Domenico, con confisca patrimoniale quantificata all’epoca in 50 milioni di euro. In quel contesto, è stato documentato che le imprese dei Pellegrino, per la realizzazione di manufatti commissionati da soggetti pubblici e privati, utilizzavano forniture di calcestruzzo “depotenziato”. Il prosieguo delle investigazioni, altresì, consentivano di accertare che il Pellegrino Giuseppe, nel corso dei colloqui carcerari avvenuti nell’anno 2012, impartiva ai congiunti chiare e puntuali disposizioni volte a consentire l’inserimento del proprio figlio Manuel Giuseppe nel lucroso settore delle onoranze funebri, avvalendosi della sua appartenenza all’organizzazione criminale “Cosa Nostra” e delle “alleanze” fissate durante la sua detenzione, nella fattispecie con il gruppo catanese della famiglia D’emanuele, facente parte del famigerato clan “Santapaola”.

Recentemente, Pellegrino Giuseppe, è stato colpito da altra ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 12.02.2016 dal G.I.P. del Tribunale di Messina, in quanto – come da dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia (Santovito Daniele, CENTORRINO Salvatore, Barbera Gaetano e D’agostino Francesco), è stato indicato, unitamente ad altro soggetto (Bonasera Angelo), quale mandante dell’omicidio La Boccetta Francesco commesso a Messina il 13.03.2005. Le contestazioni hanno riguardato anche l’applicazione dell’aggravante del metodo mafioso di cui all’art. 7 L.203/91 ed al fine di agevolare le attività dell’associazione di stampo mafioso, oltre all’ipotesi di concorso in porto e detenzione abusiva di armi.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’omicidio è stato deciso a seguito di una serie di riunioni avvenute tra i detenuti D’arrigo Marcello, Centorrino Salvatore, Santovito Daniele, Bonasera Angelo e Pellegrino Giuseppe, mentre si trovavano ristretti all’interno del carcere di Gazzi, allo scopo di “punire” La Boccetta, per aver tradito il proprio gruppo, avvicinandosi a quello di Santo Ferrante, nonché per aver creato dei dissidi all’interno del “clan” in ordine all’appropriazione di una grossa partita di cocaina.

Il sequestro operato ha interessato 4 aziende, operanti nel settore delle onoranze funebri e dell’edilizia, nonché del commercio di prodotti alimentari, 1 fabbricato e vari rapporti finanziari, del valore complessivo pari a 5 milioni di euro.

 

DAL WEB –
MANUELA MODICA – Duro colpo al clan Spartà. La Dia di Messina assieme al Centro Operativo di Catania ha disposto il sequestro dell’intero patrimonio di Giuseppe Pellegrino, noto esponente del clan messinese attualmente in carcere. Il gruppo mafioso facente capo ai fratelli Antonio e Giacomo Spartà è noto per il controllo del territorio soprattutto nella zona sud della città. Un’inchiesta del 2014 della Procura di Messina aveva rivelato perfino la connivenza col gruppo mafioso di sei agenti penitenziari, che avrebbero favorito la comunicazione in carcere tramite “pizzini” contenenti ordini da impartire agli affiliati.

La misura preventiva proposta dal direttore Nunzio Ferla in sinergia col procuratore Guido Lo Forte è in fase di esecuzione dall’alba e riguarda diverse aziende intestate anche ad altri soggetti. “Vai a Catania da D’Emanuele, ora gli sta arrivando l’ambasciata”. Così parla Giuseppe Pellegrino nelle conversazioni intercettate in carcere dalla Dia di Messina dall’aprile al luglio del 2012. L’esortazione è rivolta al figlio Manuel Giuseppe perché così “ti fai l’agenzia delle pompe funebri”. Ed è proprio questo l’affare di maggior interesse di Pellegrino bloccato dalla Dia che stamattina ha sequestrato beni per cinque milioni di euro al noto boss messinese, tra cui un’agenzia di pompe funebri intestata a terzi ma sulla cui insegna appariva il nome di Manuel Giuseppe e il suo numero di telefono. Giuseppe Pellegrino in carcere per una condanna a trent’anni per fatti di sangue avvenuti nel contesto di una guerra di mafia nel messinese tra gli anni ’80 e ’90, era legato al clan capeggiato da Giacomo Spartà. Pellegrino è anche fratello di Nicola e Domenico, ovvero gli ormai noti fratelli Pellegrino ai quali la Dia ha confiscato beni per 50 milioni di euro, un’operazione confluita nella confisca dalla quale emerse come lavori pubblici affidati alla ditta dei Pellegrino, che avevano egemonia assoluta nel movimento terra nella zona sud della città, fossero stati eseguiti con cemento depotenziato.

Dall’ordinanza di sequestro di oggi emerge, invece, come Giuseppe Pellegrino negli abbia avuto contatti con i D’Emanuele, cugini dei Santapaola degli Ercolano, allargando i suoi interessi alle onoranze funebri settore controllato dai D’Emanuele a Catania. Legame sviluppatosi in carcere quello tra il boss messinese e le famiglie mafiose catanesi, a spiegare come è lo stesso Pellegrino che racconta al figlio: “’Il padre è in galera e sta scontando un omicidio, ha 70 anni e siamo in contatto, non ci conosciamo personalmente, però nella stanza con me c’è suo nipote e poi siamo stati sempre amici con questi.., diciamo lo zio Natale, che di quelli là a Catania, comunque questi sono i più grossi che ci sono quasi in tutta la Sicilia. Mi pare che hanno pure tutte cose sequestrate e non gliene pagano… suo figlio Nino, loro portano le bare da sopra, ci sono da quella buona a quella più scarsa. Ora tu gli devi dire: “così, così”, ora gli arriva “l’ambasciata ‘ perché gli arriva…”. Pellegrino si riferisce a Natale D’Emanuele, di 73 anni, in carcere per omicidio, cugino di Nitto Santapaola e di Giuseppe Ercolano, entrambi soggetti di primo piano della famiglia “Santapaola Ercolano”.

Affari ingrossati da rapporti con la mafia catanese, nati in carcere. Questo emerge dall’operazione della Dia di Messina e del Centro Operativo di Catania confluita nel sequestro dell’intero patrimonio di Giuseppe Pellegrino, noto esponente del clan messinese attualmente in carcere. La misura preventiva proposta dal Direttore Nunzio Antonio Ferla in sinergia col procuratore Guido Lo Forte ha riguardato la società di onoranze funebri, la Cofani Funebri Amabile

dei fratelli Stracuzzi, la Edil Valley, ditta individuale per lavori edili intestata a Manuel a Giuseppe Pellegrino, una macelleria intestata a Francesca De Luca, moglie di Pellegrino, e La bottega della frutta, interna al supermercato di Mili Marina, intestata al figlio Stefano. Nella misura cautelare anche titoli bancari per 100 mila euro, conti bancari con diponibilità pari a 239 mila euro e la casa di famiglia in via Nazionale a Mili Moleti, nella zona sud di Messina.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione