MESSINA: CORRADO BASILE nuovo vicario del Questore CUCCHIARA

23 Giugno 2016 Cronaca di Messina

Il Primo Dirigente Corrado BASILE lascia Enna e assume l’incarico di Vicario del Questore Messina Cucchiara.

Corrado Basile è nato ad Avola (SR) il 4.2.1961, è entrato in Polizia nel settembre del 1988 con la qualifica di Vice Commissario.

A Roma frequenta il corso di formazione per la durata di 9 mesi.

Nel luglio 1989 viene assegnato alla Questura di Varese ove svolge le funzioni di Capo di Gabinetto.

Dal 28.12.1990 assume la direzione del Commissariato di P.S. di Lentini in provincia di Siracusa.

Nel settembre 1993 viene trasferito alla Questura di Siracusa ed assegnato alla Squadra Mobile dapprima quale vice dirigente poi, dal settembre del 1998 al gennaio del 2003, quale dirigente di detta struttura investigativa.

Nel periodo in parola ha conseguito notevoli risultati nel contrasto alla criminalità comune ed organizzata.

Particolare impegno ha profuso nella lotta ai gruppi mafiosi operanti nella provincia di Siracusa, coordinando e conducendo in prima persona svariate e complesse operazioni di polizia giudiziaria che hanno portato all’arresto e alla successiva condanna di tutti gli elementi di vertice di tali gruppi che sono stati azzerati nella loro tradizionale composizione.

Significativi risultati ha, altresì, conseguito con l’arresto di svariati latitanti, molti dei quali esponenti di vertice di organizzazioni criminali di stampo mafioso e nel contrasto al traffico di sostanze stupefacenti.

Dal gennaio 2003 è stato chiamato a dirigere la Digos della Questura di Siracusa dando rinnovato impulso sia all’attività informativa che a quella investigativa propria di tale importante articolazione.

Fra le altre cose, ha diretto in prima persona una delicatissima indagine conclusasi con l’arresto dell’autore di numerosi attentati di stampo terroristico presso strutture della città di Siracusa e di minacce anche nei suoi confronti e dei suoi familiari.

Tale soggetto verrà poi condannato per il reato di atti di terrorismo.

Il Vice Questore Aggiunto Corrado Basile viene proposto dal Questore dell’epoca per la promozione per merito straordinario alla qualifica superiore.

Con decorrenza gennaio 2006 è stato promosso alla qualifica di Primo Dirigente della Polizia di Stato. Dopo la frequenza del corso dirigenziale presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma, è stato assegnato alla Questura di Siracusa quale Dirigente la Divisione di Polizia Anticrimine.

In tale ruolo ha curato numerose proposte, regolarmente accolte dal competente Tribunale, per l’applicazione di misure di prevenzione della sorveglianza speciale personale.

Altre proposte in materia di misure di prevenzione patrimoniale hanno portato al sequestro prima, e alla confisca poi, di beni mobili ed immobili a carico di soggetti inseriti in contesti di criminalità organizzata.

Dal 1° agosto 2012 al 30 settembre 2015 ha svolto svolge le funzioni di Vice Questore Vicario presso la Questura di Vibo Valentia.

In una provincia caratterizzata dalla presenza di un agguerrito gruppo di ‘ndrangheta oggetto di indagini in tutto il territorio nazionale, ha curato anche l’organizzazione di numerosi sbarchi di extracomunitari sopraggiunti presso il porto di Vibo Marina.

E’ docente in materia di diritto penale presso la Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato del capoluogo calabro.

Dal 1° ottobre 2015, rientrato in Sicilia, è stato chiamato a svolgere le funzioni di Vice Questore Vicario del Questore di Enna.

E’ abilitato alla professione di avvocato.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione