Basket, morto Rolando Howell: portò in A Capo d'Orlando

30 Giugno 2016 Mondo News

Rolando Howell, tra i grandi protagonisti della promozione in Serie A dell’Orlandina nel 2004-05, non ce l’ha fatta: è morto mercoledì in seguito alle complicazioni provocate dalla frattura cervicale di cui era rimasto vittima poco più di un mese fa. A metà maggio una tragica notizia era rimbalzata dagli States: il 34enne uscito da South Carolina era caduto a seguito di uno svenimento e si era procurato la frattura di una vertebra cervicale che lo aveva lasciato paralizzato. “Chiediamo solo preghiere per la sua famiglia”, ha detto il compagno di squadra Aaron Lucas comunicando la tragica notizia. Howell, che ha giocato alla USC dal 2001 al 04 era ricoverato al “Carolinas Medical Center Spinal Cord Injury Rehabilitation program” di Charlotte, nel North Carolina, dov’era sottoposto a cure intensive nella speranza di poter tornare a camminare. La moglie Reanna, subito dopo l’incidente, aveva anche aperto un account per la raccolta fondi, in modo da garantirgli le migliori cure possibili.

CORDOGLIO — Numerose le attestazioni di cordoglio sui social, anche dalle sue piazze italiane. “Elemento atletico ed esplosivo che con la canotta del Varese, dal 2005 al 2007, ha infiammato il pubblico di Masnago grazie alle sue giocate spettacolari, verrà ricordato per l’immensa generosità e la simpatia che lo hanno sempre accompagnato dentro e fuori dal campo. Il club biancorosso in questo triste momento è vicino ai suoi cari. Ciao Rolando”, scrive in un comunicato Varese. «Ha fatto parte dell’Orlandina dei record che ha conquistato la prima storica promozione in serie A nel 2004-05 con 27 vittorie e 3 sole sconfitte, vincendo LegaDue e Coppa Italia. È entrato nei nostri cuori e nel 2007-08 è tornato, trascinandoci con gli altri splendidi ragazzi alla storica qualificazione in Europa, dopo aver raggiunto Final Eight di Coppa Italia e playoff scudetto»: questo invece il ricordo del giocatore sul sito dell’Orlandina.

CARRIERA — Howell in effetti ha disputato due stagioni in Serie A con Varese dal 2005 al 2007, prima di far ritorno in Sicilia con l’Orlandina. In tre campionati ha tenuto una media di 8.1 punti e 5.9 rimbalzi a partita. Famosa anche la sua rissa in discoteca, all’Hollywood di Milano, con l’allora centravanti nerazzurro Adriano. Lasciata l’Italia, Ro aveva chiuso la carriera tra Polonia, B spagnola, Portogallo e Libano (Al Mouttahed Tripoli nel 2014 la sua ultima squadra). Dopo il ritiro è tornato nella sua Columbia.

Care lettrici, cari lettori,
vi scrivo per chiedervi di sostenere il lavoro che quotidianamente vi offriamo, anche a costo di grandi sacrifici personali. Sostenere stampalibera.it significa infatti permettere a questa testata giornalistica, che vi accompagna da oltre 10 anni e che continuate a dimostrare di apprezzare sempre più, di crescere con il supporto di collaboratori retribuiti per migliorare la qualità della nostra informazione libera ed indipendente e di lavorare con tranquillità, coraggio e senza mai dover subire i ricatti della politica. In questi ultimi anni il sito è cresciuto molto. E non finiremo mai di ringraziarvi uno ad uno. Purtroppo però i ricavi della pubblicità, sempre di meno a causa della chiusura definitiva, cagionata dalla pandemia, di molte attività già in crisi, non sono sufficienti a coprire i costi. In un momento in cui quasi tutti i siti e i giornali si assomigliano abbiamo il dovere di fare di più con nuove storie, inchieste e notizie. Ed è anche per questo che vi chiediamo un piccolo ma importante contributo economico. Grazie.


Enrico Di Giacomo

 

 

E’ possibile sostenere stampalibera.it donando tramite bonifico al seguente IBAN: IT36P0760105138282454882455

oppure tramite PayPal cliccando su Donazione