21 Marzo 2017 Cronaca di Messina e Provincia

Manifestazione personale infiermeristico: La solidarietà del Commissario straordinario dell’AOU Policlinico “G. Martino” di Messina Giuseppe Laganga.

“Esprimo la mia solidarietà al personale infermieristico che, oggi, attraverso una manifestazione ha ulteriormente evidenziato le problematiche legate alle carenze di organico nel settore. Come ho avuto modo di ribadire anche in mattinata ai lavoratori, l’Azienda ha più volte cercato di porre rimedio, attraverso la messa a bando di contratti a tempo determinato, ricevendo poca adesione.
Al fine di effettuare assunzioni a tempo indeterminato, invece, l’Azienda dovrà necessariamente attendere che venga completata la definizione del riordino della rete ospedaliera regionale.
Nelle more, non posso che ringraziare nuovamente tutto il personale dell’AOU Policlinico “G. Martino” il quale, con spirito di sacrificio, anche in quelle situazioni in cui si registrano carenze di organico, si adopera per garantire un servizio di qualità all’utenza.

Confermo, inoltre, che l’Azienda pone massima attenzione alla problematica della migliore regolamentazione dei servizi di emergenza-urgenza e, in particolare, delle garanzie di incolumità per il personale, anche grazie al deciso input impartito in questo senso dall’Assessorato regionale alla Salute, che ha posto questi temi tra gli obiettivi dei manager del servizio sanitario. In tale direzione, l’AOU ha già predisposto un progetto che contempla sia una maggiore efficienza delle prestazioni, attraverso la creazione di una struttura dedicata ai soli codici bianchi, sia la loro umanizzazione, con la convenzione grazie alla quale la Croce Rossa assiste gli utenti in attesa. Inoltre, ha lavorato sul miglioramento delle condizioni di tutela del personale, mediante un sistema di videosorveglianza e allarme interno.
L’AOU Policlinico “G. Martino” resta comunque sempre disponibile al dialogo con tutte le sue componenti, in un percorso comune finalizzato al miglioramento degli standard di efficienza a beneficio degli operatori e, soprattutto, dell’utenza”.